Cieco per l'Inps, andava in giro motorino

Operazione della Guardia di Finanza a Napoli, sequestrati beni per 110mila euro a un presunto falso invalido di 46 anni

Ufficialmente per l’Inps risultava cieco, in realtà se ne andava in giro sullo scooter e superava brillantemente gli esami medici della Motorizzazione Civile per la patente di guida. Ma i finanzieri lo hanno scoperto.

È accaduto a Napoli dove è finito nei guai un 46enne che dal 2003 aveva conseguito lo status di “cieco civile assoluto”, condizione questa che gli faceva maturare il diritto ad accedere a prestazioni pensionistiche e alla partecipazione a programmi finalizzati all’inserimento e all’integrazione, per cui lavorava come centralinista al Comune di Napoli.

A far nascere i dubbi sulla reali condizioni dell’uomo, le indagini delle fiamme gialle a cui è bastato restare in appostamento e seguirlo per capire che forse c'era più di un dubbio sulle sue reali possibilità fisiche. Lo hanno scoperto mentre andava in giro, per i vicoli del centro storico, in sella a uno scooter. E ci si accompagnava, spesso, con qualche passeggero. Ma non basta. Aveva la patente di guida e dagli esami medici-oculistici per il permesso era risultato un occhio (quasi) di falco: 8 decimi. Troppo per un “cieco assoluto”.

Gli elementi raccolti dai finanzieri, così, hanno convinto il giudice per le indagini preliminari del tribunale di Napoli che – su richiesta dei magistrati della Procura della Repubblica – ha disposto il provvedimento cautelare del sequestro preventivo per equivalente. La somma complessiva dei beni sottoposti ai sigilli (due immobili, un terreno e alcuni conti corrente a lui intestati) raggiunge i 110mila euro, cifra che s’è presunta indebitamente percepita dal 46enne come pensione e indennità di accompagnamento.

Commenti

dagoleo

Gio, 11/10/2018 - 15:42

Ed i medici che certificavano la sua invalidità? Per le false certificazioni mediche cosa verrà fatto a loro? Gli toglieremo anche a loro qualche immobile?