Cina, si rifiuta di fare i compiti del compagno: uccisa a coltellate

Una studentessa di 15 anni è stata uccisa in classe dopo essersi rifiutata di svolgere i compiti anche per il compagno di banco

Un'alunna di 15 anni è stata uccisa da un compagno di classe per essersi rifiutata di fare i compiti al suo posto.

L'assurda vicenda arriva da una scuola superiore della provincia del Fujian, nel sud-est della Cina. Una studentessa di 15 anni, il cui vero nome non è stato diffuso, è stata accoltellata da un compagno di classe lo scorso 9 gennaio. Secondo quanto riporta il Daily Mail, la motivazione del folle gesto sarebbe alquanto futile. La ragazza è stata infatti uccisa per essersi rifiutata di svolgere i compiti al posto del giovane che l'ha poi aggredita fisicamente.

Il ragazzo è stato subito arrestato dalle autorità locali e i familiari della vittima non riescono ancora a credere a quanto accaduto. In base ai loro racconti, la 15enne era molto brava a scuola e il rifiuto di svolgere i compiti anche per il suo compagno sarebbe derivato da una mancanza di tempo. L'aggressore invece sarebbe stato noto per essere un bullo e il coltello con cui ha pugnalato la studentessa sarebbe stato acquistato poco prima da un contadino.

Commenti
Ritratto di Flex

Flex

Ven, 12/01/2018 - 12:48

Chissà certi genitori come allevano e educano i propri figli, poi se la prendono con gli insegnanti che ormai anche loro sono "costretti" a subire le interperanze degli studenti visto l'andazzo della nostra politica.

Ritratto di Paolo_Trevi

Paolo_Trevi

Ven, 12/01/2018 - 14:39

l'unica consolazione è sapere che questo non uscirà dopo un paio di anni seguito da don mazzi... da quelle parti evitano di rimettere robaccia in giro per le strade.

Ritratto di navigatore

navigatore

Ven, 12/01/2018 - 14:48

IL TEMPO CAMBIA LE COSE ,IN PEGGIO, NEL PASSATO LA FAMIGLIA EDUCAVA E LA SCUOLA INSEGNAVA, ALTO ERA IL RISPETTO VERSO I GENITORI E GLI INSEGNANTI, QUANDO ABBIAMO UNA MINISTRA, FALSA, BUGIARDA, INCOMPETENTE , QUALE ESMPIO POSSONO RICEVERE GLI STUDENTI ????GRAZIE A L GOVERNO E CRICCA VARIA

mariod6

Ven, 12/01/2018 - 17:40

Concordo con il Sig. Trevi. magari lo facessero anche in Italia. Questo bullo di strada, se è fortunato, becca l'ergastolo. Se invece gli dice male lo accoppano tra 6 mesi. Poi vadano pure i genitori a lamentarsi...

Claudio Antonaz

Ven, 12/01/2018 - 19:16

Ma basta con queste brutte notizie di cronaca che ci giungono da così' lontano e di cui non abbiamo bisogno, dato che siamo già campioni di allarmismo.

buri

Sab, 13/01/2018 - 11:56

è sconsolante vedere quale razza di gioventù sta venendo sù, ma i genitori che fanno per educare i loro figli?