Duro colpo alla mafia romana: cinquanta persone in arresto

Duro colpo alla triade che da anni si spartiva le attività criminali di Ostia. Coinvolti uomini vicini a Cosa Nostra

Cinquantuno persone in manette a Roma. Una maxi operazione che ha permesso per la prima volta di fornire prove concrete dell'esistenza di un'associazione di stampo mafioso nella Capitale. A fare le spese del blitz delle forze dell'ordine le famiglie dei Fasciani, Triassi e D'Agati, da anni parti non belligeranti di una pax mafiosa che ha permesso di spartirsi le zone d'influenza e controllare il giro di malaffare dell'Ostiense.

L'operazione della Mobile romana sarebbe riuscita ad assestare un colpo mortale alla cupola mafiosa attiva a Roma. Il lavoro degli agenti ha permesso di seguire tutte le attività criminali delle organizzazioni, dall'affiliazione di un nuovo membro agli accordi di spartizione, fino alla pianificazione di omicidi destinare a ripristinare catene di comando interrotte.

Per quasi un ventennio -  è stato ricostruito - criminalità romana e siciliani legati a Cosa Nostra hanno gestito gli affari illeciti. A spartirsi le attività tre famiglie distinte. Quella dei Fasciani, capeggiata da Carmine, quella dei Triassi (della famiglia mafiosa Cuntrera-Caruana) e un altro gruppo legato strettamente a Cosa Nostra, da anni a Ostia.

Commenti
Ritratto di capcap

capcap

Ven, 26/07/2013 - 10:02

Come vengono puniti i colpevoli? In un hotel a 5 stelle pagati da noi?

angelomaria

Mar, 30/07/2013 - 15:41

QUANTI MINISTRI???