Coltiva in casa marijuana con energia rubata

Un 38enne di Francavilla Fontana aveva costruito una mini serra alimentata con energia rubata

Un 38enne di Francavilla Fontana, S.P., è finito in manette con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. I Carabinieri del Comune in provincia di Brindisi, da diverso tempo, tenevano d'occhio l'uomo. I sospetti sono poi stati confermati da una perquisizione condotta presso la casa di campagnia di proprietà dell'imputato.

Quest'Ultimo, infatti, aveva realizzato una piccola serra per la produzione in proprio di cannabis. Essa è stata rinvenuta con all'interno tre piante di marijuana dell'altezza di circa 30 centimetri. I militari hanno trovato anche 50 grammi della stessa sostanza già suddivisa in dosi e materiale vario utilizzato per il confezionamento della droga.

Quando l'operazione sembrava essere giunta al termine, una serie di fili elettrici nella zona del contatore ha attirato l'attenzione dei Carabinieri. Con l'ausilio dei tecnici dell'Enel, si è successivamente scoperto che l'uomo - tramite un bypass collegato al contatore - aveva eseguito un allaccio abusivo diretto sulla rete dell'illuminazione pubblica. Stratagemma, questo, che ha permesso la sottrazione di energia per un valore di 5.000 euro.

L'autorità giudiziaria, in seguito all'arresto del 38enne e alle formalità di rito, ne ha disposto la scarcerazione.