Condannato, rifiuta i domiciliari: "Meglio il carcere di mia madre"

Un 51enne di Modena deve scontare 4 mesi. Rifiuta i domiciliari perché "io e mia madre non ci sopportiamo più". Trasferito in carcere

Non voleva proprio tornare a casa dalla mamma. Eppure accettare la convivenza con la madre gli avrebbe evitato di finire in cella per scontare la pena con i più leggeri arresti domiciliari. Ma lui quella donna non la sopporta proprio più, così ha chiesto al Gip di spedirlo in carcere: "Meglio la galera che mia madre".

"No ai domiciliari"

A prendere questa decisione è stato un 51enne di Vignola (Modena), condannato nel 2013 per appropriazione indebita: l'uomo avrebbe fatto scomparire i soldi dei coinquilini del condominio di cui era amministratore. Vista la tipologia di reato e il soggetto evidentemente non percioloso, il giudice - sperando di fare cosa gradita - aveva deciso di far scontare la pena ai domiciliari. Aprici cielo. Il condannato ha scoperto che l'unico posto dove sarebbe potuto andare a vivere era la casa dell'anziana madre, e così ha rifiutato categoricamente i domiciliari. (Auto)consegnandosi dietro le sbarre. "Meglio il carcere, io e lei non ci sopportiamo più", avrebbe detto l'uomo ai carabinieri i quali, sconcertati, hanno chiamato il magistrato che ha disposto il trasferimento in carcere. Lì il 51ene dovrà scontare scontare altri 4 mesi, come spiega TgCom24, ma almeno sta lontano da "mammà".

Commenti

Malacappa

Mar, 31/01/2017 - 13:59

Come sara' la signora?????

petra

Mar, 31/01/2017 - 15:17

Poverino, ma che madre arpia!!!

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 31/01/2017 - 16:35

@Malacappa - oppure come si sta bene in carcere ora? Cibo pronto, tV, palestra, partita a calcetto, riposo, nessun parente rompic.