"Conosceva l'aggressore". Svolta nell'omicidio di Ginevra

La ricercatrice italiana uccisa ieri di Ginevra conosceva l'uomo che l'ha brutalmente uccisa. A renderlo noto, citando fonti di polizia, è un quotidiano svizzero

Secondo fonti della polizia, riportate dal quotidiano Tribune de Geneve, Valentina Tarallo, la ricercatrice italiana uccisa ieri di Ginevra, conosceva il suo assassino.

Una svolta che ridisegna le ricostruzioni fatte dagli inquirenti. Nelle prime ore, successive al ritrovamento del cadavere della giovane, si pensava a una rapina finita nel peggiore dei modi. Ora però, da quanto ha fatto trapelare la polizia, non sarebbe stato un balordo a prendere a sprangate la ricercatrice 29enne di Torino. Bensì di una persona, un giovane africano, con cui la ricercatrice avrebbe avuto una relazione. Il quotidiano svizzero precisa: "C'è però massima cautela su questo aspetto, per una questione di evidente delicatezza". Ad annulare la tesi della rapina, il ritrovamento, sul luogo del delitto, dello zainetto con il portafogli della tarallo. Quanto al suo presunto assassino la polizia di Ginevra non esclude si sia rifugiato in Italia. Si cerca un africano sul metro e 80, non più di 30 anni. Per il momento gli inquirenti non forniscono ulteriori particolari.

Commenti

Aegnor

Mer, 13/04/2016 - 13:12

E dove poteva andare se non nel paese di Bengodi?

Paul Bearer

Mer, 13/04/2016 - 13:58

Se si occupava anche di volontariato o era sensibile agli appelli di MSF o Emergency quello che è successo è chiaro.

Clericus

Mer, 13/04/2016 - 14:16

ma ragazze, accidenti, non vi fidate di questa gente...

Paolorux

Mer, 13/04/2016 - 14:55

OK, forse"conosceva l'aggressore" facendo volontariato, ma non vorrei che questa fosse tutta una manovra dei nostri vicini svizzeri per farla passare per una che 'se l'è cercata'. A volte basta lasciare un euro al ragazzo di colore che ti riconsegna il carrello al supermercato per vedersi poi puntare un coltello alla gola .

titina

Mer, 13/04/2016 - 15:11

L'Italia: refugium peccatorum

PorcaMiseria

Mer, 13/04/2016 - 15:11

Ma come! La Boldrini in pelegrinaggio per la martire dell'ISIS a Parigi, uccisa in un teatro-discoteca, ora però. per questa ricercatrice che andava al lavoro, silenzio assoluto, anche dei media. Ahhh già! Avete tanto da scrivere di Casaleggio. Intelettuali di Ds e Sx! Mi fate schifo, prezzolati dal capo partiro e senza un minimo di dignità "propria".

antonmessina

Mer, 13/04/2016 - 16:04

..chi del suo mal è cagion.. pianga se stesso ..

Carlo Maldarelli

Mer, 13/04/2016 - 16:27

Buongiorno , a prescindere da quanto accaduto io dico sempre : " Chi per questi mari va , questi pesci piglia..." NACUN

Ritratto di frank60

frank60

Gio, 14/04/2016 - 09:04

Una "risorsa" che strano, sarà un caso...sarà un caso che anche in italia l'8% della popolazione straniera rappresenta il 60% della popolazione carceraria...