Via le coop dalla cosa pubblica

Anche per accogliere con umanità chi fugge la povertà è bene puntare su governi localizzati, più responsabili, e sulla concorrenza di mercato

Le immagini che arrivano dai campi di raccolta dei migranti raccontano una strana Italia: ci parlano, infatti, di un Paese che sa unire la più mielosa retorica in tema di solidarietà a un cinismo di fatto che produce esiti disastrosi. Un dato, in effetti, sta emergendo con chiarezza: e cioè che quanti sono ospitati nelle varie strutture si trovano quasi sempre in condizioni pietose.

Oltre a ciò, colpisce come un sistema politico-burocratico che letteralmente perseguita il comune cittadino a casa propria e l'obbliga a rispettare un'infinità di regole (non di rado del tutto irrazionali) non sappia poi tenere sotto controllo queste realtà, dove l'Italia offre ai nuovi arrivati il proprio biglietto da visita. Si può discutere su quanto sia moralmente doveroso e socialmente opportuno predisporre questi centri che accolgono masse di persone in cerca di una vita migliore. È però evidente che se si decide di destinare miliardi di euro dei contribuenti per tutto ciò, è doveroso poi fare il possibile perché quanto meno si creino condizioni di vita dignitose. Le fotografie e i filmati che ci giungono da molti centri ci fanno invece intendere che gli italiani sopportano alti costi per dare un servizio pessimo agli immigrati che vengono ospitati.

Com'è possibile? La risposta è semplice ed è da trovare nel fatto che questi servizi sono gestiti per lo più da cooperative politicizzate e in un quadro di regole poco chiaro. È significativo, al riguardo, che in merito ai recenti episodi di Cona, nel Veneziano, siano già state aperte due inchieste da parte delle procure di Padova e Rovigo: e la prima di queste indagini è mossa proprio dall'ipotesi che siano stati presentati documenti falsi al fine di assicurarsi la gara.

È ormai evidente a tutti come questa economia che gestisce l'accoglienza degli immigrati sia interamente connessa all'universo della politica e sia pure profondamente corrotta: e le due cose vanno assieme. È infatti corrotta perché è politicizzata. Ma si tratta pure di un sistema altamente centralizzato, che continua a gravitare sul quel gran baraccone che è il Viminale. È infatti lo Stato italiano, attraverso il ministero degli Interni e le prefetture, che finanzia i campi chiamati a ospitare chi arriva in Italia.

Le cose sarebbero diverse, anche se nessun sistema è perfetto, se ogni amministrazione locale disposta a farsi carico di immigrati dovesse trovare un'azienda per gestire questo servizio: grazie a gare aperte. In Italia abbiamo formidabili imprenditori, ad esempio, in un settore com'è quello alberghiero o delle residenze per anziani. Se le realtà cittadine dovessero tassare i propri cittadini e, con quei soldi, fossero chiamate a bandire concorsi per la fornitura di tali servizi, difficilmente avremmo a che fare con la vergogna di centri di accoglienza che in troppi casi sembrano più lager che hotel. Anche per accogliere con umanità chi fugge la povertà è bene puntare su governi localizzati, più responsabili, e sulla concorrenza di mercato.

Commenti

mariacor61

Gio, 05/01/2017 - 19:43

Giusto: via le coop da ciò che deve essere pubblico e, oltretutto, controlli subito su chi entra. Chi non ha diritto non deve nemmeno entrare.

soldellavvenire

Gio, 05/01/2017 - 19:44

gli immigrati costano un miliardo ma rendono 5 miliardi allo stato che ne da tre alle coop: cosa volete, nazionalizzare l'accoglienza? ma siete diventati davvero comunisti?

venco

Gio, 05/01/2017 - 19:48

Vanno aiutati i più poveri di questi che sono quelli rimasti a casa loro, questi non sono i più poveri d'Africa dopo che han pagato migliaia di euro agli scafisti. In ogni caso si aiutino tutti a casa loro e non con l'accoglienza totale.

elio2

Gio, 05/01/2017 - 19:49

Ma figuriamoci se lo faranno mai, sono loro amici e quei decerebrati che nessuno ha mai autorizzato a governare, sono complici.

Ritratto di Jiusmel

Jiusmel

Gio, 05/01/2017 - 19:50

Evidente che si tratta di una forma meschina di autofinanziamento del PD ed enti e coop da esso controllati e probabilmente anche di qualche sigla sindacale. Un giro vizioso di tanti soldi pubblici gestiti in monopolio per avere finanziamenti freschi per le proprie casse. Di mezzo ci stanno questi poveri disgraziati che con una seria politica non sarebbero nemmeno dovuti partire e sbarcare nel nostro territorio. Per fare che cosa poi? Vergognoso ...

Lucaferro

Gio, 05/01/2017 - 19:53

Tutta produzione catto-pidiota. Ci vuole il bastone sonante.

DIAPASON

Gio, 05/01/2017 - 19:58

Attenzione all'antimafia, è ben più pericolosa della mafia.Non ha nessun codice d'onore.

Tuvok

Gio, 05/01/2017 - 20:01

Ma che articolo è questo? State cercando di perdere lettori? Ma quali LAGERS, se i pregiati ospiti, piuttosto che pulire la sporcizia che producono, preferiscono fancazzare tutto il giorno e gli va bene vivere nel luridume piuttosto che sporcarsi le manine saranno anche affari loro. Se poi ci sono delle irregolarità nei bandi gara è un altro discorso ma non mi si venga a dire che le pulizie gliele debbano fare gli altri. Qualunque persona civile, se dovesse vivere in quelle condizioni avrebbe collezionato chissà quante infezioni, ma loro sono abituati così. Che schifo.

Ritratto di Raperonzolo Giallo

Raperonzolo Giallo

Gio, 05/01/2017 - 20:05

Scherzate? Le Coop cattocomuniste sono emanazione e propaggine di questo Stato, sono i suoi arti attraverso i quali lo Stato cattocomunista si foraggia, si nutre e getta le basi per la creazione di una nuova "classe proletaria" che voterà chi adesso è al comando dello Stato. Il resto sono chiacchiere.

Juniovalerio

Gio, 05/01/2017 - 20:07

non si deve farli entrare in Italia! la soluzione è creare assistenza a casa loro!

kayak65

Gio, 05/01/2017 - 20:07

ovviamente anche caritas finte onlus

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Gio, 05/01/2017 - 20:07

Ma???? Non ci avete narrato finora di baldi giovanotti ospitati in alberghi a 4 stelle, con camerieri in guanti bianchi, menus a scelta e...lavatura e stiratura?

Ritratto di Shard

Shard

Gio, 05/01/2017 - 20:10

Lo Stato li rispedisca TUTTI a casa loro!

Ritratto di michageo

michageo

Gio, 05/01/2017 - 20:17

sempre le coop, che forse siano protette da qualche formazione politica?.......

klucoc

Gio, 05/01/2017 - 20:30

mano a mano di capiscono tante cose

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Gio, 05/01/2017 - 20:39

L'identificazione contenga foto, nome e cognome altezza e fisiognomica, lingua e religione se dichiarata: al momento niente documenti personali di dubbia provenienza e conoscenza. Impr/digitali e dna e copia di quanto rilevato sia versato all'impronta su un data base nazionale. Venga versato tutto su un ticket di plastica con una somma di euro, tipo bancomat che verrà versata periodicamente anche secondo vicende giuridiche/amministrative. Le generalità siano poi aggiornate con cura e a tempo con i documenti originali, validati dalle autorità preposte. Ogni visitor tenga con sè tale ticket e buona fortuna. Se ci riesce il Monte dei Paschi non vedo perché non ci riesca il Minist/Interni. Con 35€ al giorno qualcosa si combina. Auguri di nuovo.

Una-mattina-mi-...

Gio, 05/01/2017 - 20:41

LA COSIDDETTA "ACCOGLIENZA" E' UN ANACRONISMO INSOSTENIBILE, relitto delle ideologie ottocentesche. Si DEVE sostenere e perseguire l'autosostentamento, la responsabilizzazione dell'individuo e delle sue funzioni riproduttive, che devono rispondere a criteri di logica e non agli ormoni impazziti.

VittorioMar

Gio, 05/01/2017 - 20:42

...chi dovrebbe occuparsi e sostenere i costi di questa "DEPORTAZIONE DI MASSA"dovrebbe essere l'ONU e i suoi "FINANZIATORI" e non i PAESI che "li "ACCOGLIE E LI GESTISCE"!!!...sono i centri di smistamento in Nord Africa individuare chi ne ha diritto!!!...e non tenere il conto dei morti AFFOGATI!!!...il Portoghese già parte con almeno 5000 morti sulle spalle...!! LE MALEDIZIONI ARRIVANO!!!

VittorioMar

Gio, 05/01/2017 - 20:54

...non sono anche questi:CRIMINI CONTRO L'UMANITA'.????

glasnost

Gio, 05/01/2017 - 21:11

Purtroppo in Italia dietro a tutto questo ci sono sempre interessi delle strutture politiche ed affini.E' chiaro che se la stessa gente ha la possibilità di creare i lavori, scegliere a chi dare gli appalti ed in più ha il controllo di quelli che dovrebbero verificare la correttezza di queste operazioni e che "non vedono".......c'è ben poco da fare. Le cose andranno come per MPS: nessuno è responsabile.. Comunque mio padre mi dice che anche durante il governo del Fascio era così, sono soltanto cambiati gli attori

Ritratto di libertà o cara

libertà o cara

Gio, 05/01/2017 - 21:16

Senza ripercorrere i passi angoscianti di chi lascia la propria terra vorrei porre una domanda? Perché gli italiani non possono fuggire dalla povertà con l'aiuto doveroso del loro, degli italiani, Stato? Doveroso per lo Stato! Che oggi è tutto meno che padre? Chi ha deciso: agli italiano no, nessun albergo a 5 stelle gratuito sia dato agli italiani veri, malgrado il terremoto e la neve ed il gelo? Qualcuno ci risponde motivando persone, decisioni e cause! E spiegando agli italiani veri le vere ragioni di tanto "affetto paterno" ma "veramente paterno" nei loro confronti? "Si arrangino, se possono"! ... Libertà o cara

florio

Gio, 05/01/2017 - 21:45

Ma se lo Stato è composto e governato dai Kompagni, i quali hanno in mano le Coop, come pensate che possano farle sparire. Hanno tutto, banche, finanza, stampa,TV, cooperative, sono la genesi del male economico e finanziario,tutti corrotti pensano solo a fare soldi. Questa invasione è voluta, gestita dai kompagni rende bene. Il popolo della sinistra, imbevuto di ideologia continua a sostenerli pensando che siano dalla parte dei lavoratori, degli ultimi. Balle, PDioti svegliatevi, ci stanno portando miseria e povertà.

lupo1963

Gio, 05/01/2017 - 21:47

Togliete ma i negri dall'Italia,altro che toglierli dai "lager".Nella mia zona sono in albergo ...A CASAAAA !!!!!!!!!!!!!!

mariod6

Gio, 05/01/2017 - 21:55

Le Coop, in maggioranza rosse, sono associazioni fatte apposta per incassare soldi senza dare i servizi. I quattrini arrivano per associazione politica e protezioni varie. Qualcuno dei dirigenti ingrassa come un porcellino, altri ingrassano meno ma il partito incassa comunque. Chissà perchè poi gli appalti pubblici finiscono sempre in mano alle cooperative??? Vincono le gare al ribasso e poi cominciano con le varianti in corso d'opera. Tutti lo sanno ma tutti tacciono perchè poi una parte torna indietro sotto varie forme.

lavieenrose

Gio, 05/01/2017 - 22:00

ma di cosa vi stupite: mi sbaglio o mil presidente di una cooperativa disse che si fanno più soldi con gli immigrati che con la droga? CVD ossia come volevasi dimostrare

Giorgio5819

Gio, 05/01/2017 - 22:09

Lo stato tolga a questa massa di fancazzisti la possibilità di sbarcare in Italia ! Moratoria di 10 anni poi vediamo come butta, qui non c'è posto per gentaglia che scappa dalle galere africane.

Ritratto di hernando45

hernando45

Gio, 05/01/2017 - 22:22

È inutile cercare l'ago nel pagliaio, quando NON si sa piu come fronteggiare la situazione creata!!! Bisogna SOLO smettere di TRAGHETTARLI!!! Tutto il resto sono CHIACCHERE E DISTINTIVO DI STATO!!!!

Ritratto di cape code

cape code

Gio, 05/01/2017 - 22:36

Omar tranquillo che io ho visto anche negri in albergo a 5 stelle. Poi se alcune coop rosse diventano avide e esagerano quello e' un altro discorso. Comunque stanno meglio in negri in quei lager che gli italiani che abitano in macchina. Almeno i negri non devono pensare al pranzo e alla cena.

Ritratto di libertà o cara

libertà o cara

Gio, 05/01/2017 - 23:56

Ma gli italiani in macchina lo pagano il bollo, l'imu, la tasi e quant'altro si debba? Altrimenti sarebbe una grossa ingiustizia verso gli altri italiani veri che pagano tutto! La prima casa macchina è pignorabile? ... Libertà o cara