Coppia lesbo si lascia, la Cassazione: lei può vedere i figli dell'altra

È accaduto a Palermo. La mamma delle due bambine non voleva che la ex compagna vedesse le figlie in quanto "non parente"

Continuare a vedere le figlie minorenni della ex compagna con incontri programmati e stabiliti dal giudice per un pomeriggio a settimana e due weekend al mese. È quanto è stato riconosciuto ad una donna dalla Corte d'appello di Palermo, con una decisione confermata fino in Cassazione. La Suprema Corte ha infatti 'bocciato', dichiarandolo inammissibile, il ricorso della mamma delle bambine, la quale aveva impugnato il decreto emesso dai giudici siciliani censurando, in particolare, l'iter giudiziario percorso dalla sua ex partner "non legittimata in quanto non parente" delle minori. In questi casi ha chiarito la Corte, non è consentito il ricorso in Cassazione.

"Nella specie si verte in tema di visita alle minori alla persona che aveva precedente rapporto affettivo con la loro madre e con le minori medesime, secondo gli apprezzamenti compiuti dai giudici del merito", si legge nell'ordinanza depositata oggi dalla prima sezione civile, e il procedimento "non è volto a risolvere un conflitto tra diritti del genitore e di un'altra persona adulta, posti su un piano paritario, bensì - osservano i giudici di piazza Cavour - preordinato all'esigenza prioritaria di tutela degli interessi del minore".

Commenti
Ritratto di dr.Strange

dr.Strange

Mer, 11/07/2018 - 14:52

ed ecco che cominciano i casini, come volevasi dimostrare

Ritratto di tigredellamagnesia

tigredellamagnesia

Mer, 11/07/2018 - 19:03

Mi sembra normale.I bambini hanno diritto di vedere le persone a cui sono legati.