Corte dei Conti: "Renzi incapace di percepire l'illegittimità del suo operato"

Assunse quattro funzionari senza titolo alla Provincia a Firenze, ma è stato assolto. Le motivazioni: "Non è un addetto ai lavori. Non poteva capire"

Arrivano le motivazioni della sentenza della Corte dei Conti che ha assolto in appello Matteo Renzi, precedentemente condannato a pagare 14mila euro per le presunte assunzioni illegittime quand'era presidente della Provincia di Firenze. E con esse arriva anche qualche imbarazzo di troppo per il premier, che si era subito detto sollevato dalla decisione: "la verità viene finalmente ristabilità", aveva tuonato su Twitter. Secondo quanto spiegano i giudici, Renzi è stato assolto perchè il "Collegio ritiene di poter rilevare l’assenza dell’elemento psicologico sufficiente a incardinare la responsabilità amministrativa, in un procedimento amministrativo assistito da garanzie i cui eventuali vizi appaiono di difficile percezione da parte di un ‘non addetto ai lavori’”. In pratica, in quanto "non addetto ai lavori" non sarebbe stato in grado di percepire l'illegittimità del suo operato, che, quindi, rimane illegittimo.

La vicenda risale all'epoca in cui Renzi era il presidente della Provincia di Firenze. Secondo il procuratore contabile aveva inquadrato nel suo staff quattro persone esterne all’amministrazione come funzionari. Una qualifica, questa, che richiede la laurea, ma i quattro non la possedevano. A dare il via alle indagini una denuncia anonima sull’assunzione di Marco Carrai, renzista convinto, all’epoca 29enne, assunto nella segreteria del presidente nonostante fosse privo del titolo necessario. Così per un quinquennio, i quattro avrebbero beneficiato di uno stipendio maggiorato. Una violazione che avrebbe prodotto un danno per l’amministrazione stimato in oltre 2 milioni di euro, ridotto dai giudici di primo grado a un risarcimento di 50mila, di cui circa 14mila euro sono stati posti a carico del presidente. Nel processso era infatti coinvolta una ventina di persone.

Secondo alcuni giuristi, il problema ora diventa anche un altro: il principio rischia di spalancare le porte a un sistema diffuso di elusione della responsabilità erariale. E potrebbe servire, secondo alcuni, anche a mandare assolti nei giudizi di responsabilità i politici di vertice i quali, essendo “non addetti ai lavori” non possono essere ritenuti responsabili degli atti da loro adottati.

Commenti

Howl

Mer, 25/02/2015 - 13:26

Praticamente gli ha dato del tonto...........

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Mer, 25/02/2015 - 13:32

Siamo finalmente arrivati alla incapacità di intendere e di volere? Lo dicevo, io...

Ritratto di sognoitagliano...

sognoitagliano...

Mer, 25/02/2015 - 13:44

assolto perchè non poteva capire, che meraviglioso paese l'itaglia

gian paolo cardelli

Mer, 25/02/2015 - 13:44

MA QUESTA SENTENZA E' UNA BESTEMMIA! Ma dove stiamo: su Scherzi a Parte?!?!?!?!?!?

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Mer, 25/02/2015 - 13:44

Altro che "non poteva non sapere"! Questi qui sono disposti a passare per idioti pur di farla franca. Ci vuole del genio!

glasnost

Mer, 25/02/2015 - 13:47

Secondo me non è un ingenuo pirla, come si vuole far credere,è un arrogante delinquente senza scrupoli.

Agostinob

Mer, 25/02/2015 - 13:49

Teoricamente potrà fare, come Capo di Governo, qualunque c...ata, sicuro di non poter essere punito perché, essendo incapace di intendere e volere (Abraxasso) non può essere ritenuto colpevole di ciò che fa.

Libertà75

Mer, 25/02/2015 - 13:51

Cioè la corte dei conti sta dicendo che renzi è poco intelligente? Cioè come dire che ha rubato, ma poiché la sua capacità di concepire il reato era assente allora va assolto? Annamo bene... Da oggi non capisco niente, ho la tessera PD, sono gay, mussulmano, comunista e ora vado a candidarmi come segretario, ciao a tutti.

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Mer, 25/02/2015 - 13:51

Per evitare condanne, nei posti chiave verranno messi tutti gli uomini ( e le donne ) più incompetenti della terra. Fioriranno i concorsi per stabilire chi è il più incompetente di tutti. Si presenteranno milioni di aspiranti, tutti rigorosamente di sinistra. E' questa la rivoluzione culturale di cui parlava Renzi?

gian paolo cardelli

Mer, 25/02/2015 - 13:53

In altri tempi si chiamava "abuso di potere": ora si chiama "incapacità a percepire la legittimità"... buffoni all'ennesima potenza!!!!

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Mer, 25/02/2015 - 13:56

Per evitare condanne, nei posti chiave verranno messi gli uomini più incompetenti del mondo. Fioriranno i concorsi per trovare il più incompetente di tutti, da mettere dove non si dice. Si presenteranno milioni di aspiranti, tutti rigorosamente di sinistra. E' questa, dopo quella di Mao, la rivoluzione culturale di cui parlava Renzi?

Ritratto di aresfin

aresfin

Mer, 25/02/2015 - 13:58

Robe da matti! Renzi assolto perchè "non addetto ai lavori" non sarebbe stato in grado di percepire l'illegittimità del suo operato, che, quindi, rimane illegittimo, mentre a Berlusconi è stato imputato che "non poteva non sapere". I soliti komunisti.

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Mer, 25/02/2015 - 14:00

La gente comune ed i "non amici",come Berlusconi,viene condannata perchè NON POTEVA NON SAPERE;gli amici del sol dell'avvenir,al contrario,sono incapaci di percepire (il reato?). Credo a questo punto che Renzi-no dev'essere interdetto dalla politica e che abbia bisogno di un tutore,in quanto incapace d'intendere o,se preferite l'illeggittimità del suo operato e,quindi,del reato stesso.Poi ci sono quelli del resto d'Italia,i comuni mortali, che debbono conoscere codice civile,penale e tributario.Bel posto l'Italia per chi è dalla parte "giusta"...

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Mer, 25/02/2015 - 14:00

Libertà75: strepitoso! Semplicemente strepitoso!

Ritratto di Gigliese

Gigliese

Mer, 25/02/2015 - 14:02

Come al solito Soccorso Rosso.

Ritratto di Gigliese

Gigliese

Mer, 25/02/2015 - 14:06

Gli hanno dato "carta bianca" di fare qualsiasi danno all'italia, tanto è incapace così non sarà responsabile e non pagherà.

giosafat

Mer, 25/02/2015 - 14:07

Certo che una sentenza del genere sputtana più la corte che l'ha emessa che l'interessato della medesima.

Giorgio Mandozzi

Mer, 25/02/2015 - 14:13

Evidentemente il giudizio della corte dei conti è una legittimazione a governare e fregarsene. Solo il "pirla" di Berlusconi dtte retta a Napolitano rassegnando le dimissioni. In questo paese vince chi ruba, chi è prepotente e chi fa come gli pare. E dove stanno i popoli viola e arancione che facevano girotondi contro lo strapotere "antidemocratico" e "autoritario" di Berlusconi? Sono tutti spariti? Oppure, stando il suddetto potere dalla loro parte si sentono più tutelati? ITALIANI VOLTAGABBANA!

gian paolo cardelli

Mer, 25/02/2015 - 14:14

Attenzione: non gli ha dato del tonto, ma semplicemente che "poteva non sapere le norme che regolano certe attività"... cioè la Corte dei Conti ha sancito che chi ricopre una carica senza sapere cosa deve fare puo' sprecare tutto il denaro pubblico che vuole!

moshe

Mer, 25/02/2015 - 14:14

Si potrebbe "stringare" l'articolo, scrivendo solo "renzi incapace di percepire". Può bastare.

NON RASSEGNATO

Mer, 25/02/2015 - 14:17

Mi metterò a vendere in piazza. Non essendo un addetto ai lavori non sono tenuto a sapere se ci sono obblighi amministrativi cui adempiere

tatoscky

Mer, 25/02/2015 - 14:19

Corte dei conto:"Renzi incapace di percepire l'illegitimità del suo operato" Si, ma soprattutto "INCAPACE"

unosolo

Mer, 25/02/2015 - 14:23

Da anni fa il tonto , prima assue poi ,,,, nessun licenziamento ma se può sposta e mette il nuovo . L a sicurezza in cui parla all'estero la dice lunga specie ieri , ha criticato l'ostruzionismo e si è gonfiato di potere dicendo che applica decreti , come un dittatore . che pena , sindacati accettano la pressione fiscale che è più che raddoppiata in un solo anno figuriamoci tra sei mesi quando arriva il resto , loro sindacati contano altri tesserati parassiti e se ne fregano dei veterani .

buri

Mer, 25/02/2015 - 14:25

Da allora Renzi non è cambiato, non perscepisce l'ilegillitimitò di mo tante situazioni di fattolte delle sue azioni e crea tante situazioni di fatto a danno della comunità nazionale

Agostinob

Mer, 25/02/2015 - 14:26

Lo abbiamo già capito tutti!

hectorre

Mer, 25/02/2015 - 14:27

e ci voleva la corte dei conti per capire che il premier farlocco è un imbec....????....cosa non si fa per difendere i compagni di merende!!!!!....sinceramente, se fossi renzi mi riterrei offeso da una simile sentenza.....ma lui andrà fiero di questo patentino.....incapace di intendere e volere.......TSO obbligatorio prima che faccia altri danni.

Roberto.C.

Mer, 25/02/2015 - 14:30

Cosa ci si può aspettare se anche lui occupa una carica illeggittimamente!!!!!!!!!!!!!!

Ritratto di Scassa

Scassa

Mer, 25/02/2015 - 14:33

scassa mercoledì 25 febbraio 2015 Certo che i giudici italiani sono unici nel mondo civile ,come gli scavi di Pompei ...entrambi franano ! Per loro esiste : " non poteva non sapere,poteva non capire ,ha ucciso quindi si è sfogato quindi libero non essendo più un pericolo,34 coltellate fanno un omicidio di impeto quindi via la crudeltà è pena dimezzata ,si deve capire chi uccide a picconate i passanti perché il poveretto era arrabbiato con il mondo ...ecc ! Auguro a tutti i delinquenti,nei vari rami ,di aver contro ,come PM Wud coccode dalle cause perse,.....vigliacco se ne imbrocca una che una ,mischino !!!!!!!!!!!!!scassa.

lamwolf

Mer, 25/02/2015 - 14:37

La giustizia è di sinistra. Mi immagino se poteva accadere a Berlusconi o a qualsiasi esponente di destra. Era già condannato prima del processo!

Ritratto di pippa49

pippa49

Mer, 25/02/2015 - 14:50

e ad una persona che non aveva le capacità per capire affidiamo il paese? Caspita stiamo cadendo sempre più in basso. poi se questa sua incapacità è costata 2mln xchè non gli è stato chiesto di risarcire al popolo italiano tale cifra?

moshe

Mer, 25/02/2015 - 15:10

Ebbene sì, siamo governati da un venditore di fumo incapace di percepire il suo operato; cosa dobbiamo aggiungere altro per mandarlo a casa?

Beaufou

Mer, 25/02/2015 - 15:18

Ah, bene. Fino a ieri, mi ricordo, si diceva con grande convinzione che "la legge non ammette l'ignoranza". Adesso questi qui dicono che, dato che il Renzi non sapeva cosa stava facendo, dev'essere assolto anche se quel che faceva è reato.Di questi giudici si "ritiene di poter rilevare l’assenza dell’elemento psicologico sufficiente a incardinare" il minimo buon senso, e ancor minore coraggio.Da vomitare, Vostri Onori (si fa per dire, eh...)

Ritratto di sognoitagliano...

sognoitagliano...

Mer, 25/02/2015 - 15:29

in sintesi hanno messo un incompetente in un posto di responsabilità e non è responsabile proprio perchè è incompetente...te capì? solo in un meraviglioso paese come l'itaglia ladri ed incapaci possono vivere il loro SOGNO ITAGLIANO

Giunone

Mer, 25/02/2015 - 15:41

per ristare in tema "la legge non ammette ignoranza": Renzi è persino laureato in Giurisprudenza precisamente anche a Firenze. Guarda caso, l'assoluzione arrivò subito dopo incoronare alla forza il nuovo re. Dal pasticcio del babbo se ne sa qualcosa altro? i giornali non ne parlano più... p.s. Solo Berlusconi non poteva non sapere!

glasnost

Mer, 25/02/2015 - 15:42

Questa è l'equità della giustizia italiana, Presidente Mattarello. Il Berusca "non poteva non sapere" , mentre questo "non è responsabile perché non sapeva"...... Vada pure con l'auto blu, anziché con l'autobus, ma guardi queste cose, presidente! Come mi sento onorato di essere italiano!!!

terzino

Mer, 25/02/2015 - 15:44

Hanno scritto incapace perchè non addetto ai lavori, ed è il capo del governo. Chiederei lumi a Mattarella ed anche all''ONU se necessario.

Royfree

Mer, 25/02/2015 - 15:45

In pratica, è un deficiente ebete. Ed è alla guida del nostro paese sostenuto da molti. Il che, si deduce, che chi lo sostiene e chi ha votato questi sostenitori sono anch'essi ebeti e deficienti.

Giunone

Mer, 25/02/2015 - 15:47

e quindi abbiamo uno incapace de intendere cosa firma e contratta per L'Italia e gli italiani sempre che non si tratta di chiacchere, ramo nel quale è un vero specialista.

Ritratto di Flex

Flex

Mer, 25/02/2015 - 16:04

Qualcuno lo renda edotto ma ritengo sia difficile, meglio mandarlo a casa a trovarsi un lavoro.

marco46

Mer, 25/02/2015 - 16:09

La legge non ammette ignoranze. Per i sinistri tutto è lecito e ogni soccorso è utile anche se è idiota.

Ritratto di enkidu

enkidu

Mer, 25/02/2015 - 16:12

ecco la differenza fra uno stato di diritto e l'Italia. I nostri magistrati espongono un sapere psicologico che nulla ha a che vedere coi fatti. L'elemento psicologico è una determinante che deve essere valutata da medici specisalisti e non da magistrati. Abbiamo giudici che fanno diagnosi e non sentyenze basate sui fatti. così tutto diviene opinabile: renzi non aveva contezza, berlusconi sì. Negli stati di diritto contano i fatti: hai commesso l'illecitp ? sì oppure no. Non gliene frega niente a nessuno dell'aspetto psicologico della azione. chi riveste determinate cariche ha delle responsabilità di firma e deve informarsi sui limiti del proprio operato. Conta solo l'incapacità di intendere e volere. Quelli capaci di intendere o volere sono sottoposti allo stesso diritto, fessi o furbi che siano.

Gianni000

Mer, 25/02/2015 - 16:24

Lo stesso concetto verrà applicato nella legge di responsabilità dei giudici. vogliamo scommetterci ?

Duka

Mer, 25/02/2015 - 16:26

Ma questo si crede un "califfo" nostrano, ma è solo un venditore di pentolame scadente-

GiulioP

Mer, 25/02/2015 - 16:32

... ed un giorno, nel caso qualcuno lo chiamasse a rispondere delle attività svolte dall'anno scorso in avanti, potrebbe dire: "incredibilmente, senza accorgermene mi sono ritrovato presidente del consiglio"

Rossana Rossi

Mer, 25/02/2015 - 16:32

Se la cantano e se la suonano tra di loro capre rosse........passano per cretini piuttosto di ammettere le loro colpe.......se fosse stato uno di destra........che schifo!

Beaufou

Mer, 25/02/2015 - 16:34

"...procedimento amministrativo assistito da garanzie i cui eventuali vizi appaiono di difficile percezione da parte di un ‘non addetto ai lavori’”. Ma bene. Se un posto richiede "la laurea", non vedo cosa ci voglia a capire che il candidato dev'essere laureato. Lo capirebbe anche un giudice, ed è tutto dire. Vostri Onori (si fa per dire, vero...), la laurea è un concetto "di difficile percezione"? Anche la vostra, direi.

sbrigati

Mer, 25/02/2015 - 16:45

Io consiglierei a corona di assumere l'avvocato di renzi.