Cortina, polemiche al ristorante: "In costume tipico non vanno bene i neri"

Fa discutere la recensione lasciata su TripAdvisor da un cliente del ristorante "El Brite": "Non è adatto che una cameriera di colore ci serva in costume ampezzano"

L'estate sta finendo ma c'è ancora tempo per l'ultima (si spera) polemica su vacanze e razzismo. Questa volta la storia arriva da Cortina d'Ampezzo e più precisamente dal ristorante El Brite de Larieto, ameno chalet con agriturismo nei pascoli delle Dolomiti Bellunesi.

Finito al centro del ciclone per via della recensione lasciata su TripAdvisor da un cliente. Che è rimasto soddisfatto della cena ma non della cameriera. Che guarda caso è di colore. Secondo Fabio C., di La Spezia, sarebbe stato inappropriato far servire i clienti da una ragazza africana vestita in costume ampezzano. "Se fossimo in un ristorante internazionale a Milano sarebbe diverso, ma sarebbe come andare in Marocco e in un ristorante tipico invece di trovare un marocchino che serve in sala ci trovassi un tedesco biondo vestito da marocchino", argomenta il cliente.

La sua frase ha però scatenato il putiferio, con i proprietari dell'albergo sul piede di guerra a chiedere l'immediata rimozione del commento dal sito. La risposta di TripAdvisor, però, è destinata a fare discutere: "A seguito della segnalazione, abbiamo completato la nostra indagine. La recensione rispetta le nostre linee guida. La nostra community è globale e multi culturale. Proprio perché si tratta di un contesto unico e diversificato, certi modi di dire, termini in gergo o frasi che possono essere considerate ingiuriose per qualcuno, possono non esserlo per altri. Dato che conforme alle nostre linee guida, la recensione rimarrà pubblicata".

Basiti e amareggiati i titolari: "Al Brite de Larieto siamo tutti uguali. Da sempre assumiamo le persone per la loro competenza e qualità professionale, non certo per le loro origini. La nostra collaboratrice è molto brava, siamo felici che sia con noi". Non si tratta, peraltro, del primo caso del genere. Il Corriere ricorda come solo poche settimane fa una cliente aveva avuto da ridire perché la cameriera di un altro ristorante della stessa proprietà le aveva elencato i piatti locali con accento siculo.

Ma il caso più clamoroso dell'estate, forse, era stato quello dell'albergatore di Arosa, in Svizzera, che aveva invitato i propri clienti ebrei a "farsi la doccia" prima di entrare in piscina.

Commenti

cgf

Mer, 30/08/2017 - 10:48

proprio vero che la verità nuda e cruda è sempre indigeribile. Ha fatto un commento non sulla persona, ma sull'abbigliamento. Ma nessuno che prenda le difese del biondino vestito da marocchino? e meno male che vogliono passare per 'giusti'.

Ritratto di mbferno

mbferno

Mer, 30/08/2017 - 11:20

Basta col perbenismo e il politically correct: un cittadino tirolese ha caratteristiche fisiche e somatiche diverse da un africano ed in questo non c'è niente di ingiurioso o razzista. Sarebbe come negare le differenze. Un africano vestito da ampezzano stona come un giapponese vestito da arabo. La recensione non viola le linee guida del sito e pertanto,giustamente,non è stato rimossa. Con buona pace del ristoratore che più che al razzismo pensa ad influssi negativi sui suoi incassi.

Ritratto di Friulano.doc

Friulano.doc

Mer, 30/08/2017 - 11:23

In friuli è capitato che due persone di colore sono state elette rappresentanti della "bellezza friulana". L'ipocrisia regna sovrana.

Tarantasio

Mer, 30/08/2017 - 11:27

l'occhio vuole la sua parte, immagino un cameriere vestito tirolese in Cina o india...

cir

Mer, 30/08/2017 - 11:28

costume o non costume , in un ristorante con cameriera di colore non ci entro.

maxfan74

Mer, 30/08/2017 - 11:48

A Cortina i montagnini hanno sempre guardato male i foresti.

federik

Mer, 30/08/2017 - 11:52

...ED HANNO PERFETTAMENTE RAGIONE, SIA IL CLIENTE CORTINESE SIA L'ALBERGATORE DI AROSA

Ritratto di italiota

italiota

Mer, 30/08/2017 - 11:58

in effetti, pensandoci bene, una nera in costume alto-atesino è ..."poco credibile", meglio se si vestiva da boscimano !!

Albius50

Mer, 30/08/2017 - 12:01

Personalmente non ho nulla con il personale anzi mi fa molto piacere ma comunque bastava fornirle una divisa INTERNAZIONALE per la semplice ragione che il COSTUME LOCALE deve ricordare il SITO AMPEZZANO E QUINDI LE TRADIZIONI LOCALI.

Beaufou

Mer, 30/08/2017 - 12:03

Va tutto bene, resta il fatto che una ragazza di colore vestita in costume ampezzano fa un po' ridere... Se poi qualcuno ci vede del razzismo, in un'osservazione del genere, il problema è suo, non degli altri.

emigratoinfelix

Mer, 30/08/2017 - 12:18

e non era possibile assumere un cameriere o cameriera italiani?

fabioerre64

Mer, 30/08/2017 - 12:34

Non sono d'accordo con l'opinione del cliente, anzi finalmente un extracomunitario che dimostra di integrarsi perfettamente accettando gli usi e costumi locali, ma resta il fatto che trattasi di una normalissima recensione contenente un'opinione personale esposta in maniera educata, quindi non vedo il motivo per cui dovrebbe essere cancellata.

Ritratto di giordano

giordano

Mer, 30/08/2017 - 12:36

Scusate, credo di essere razzista anch'io, quando vedo un pizzaiolo nero o un barista cinese la cosa mi colpisce e onestamente non mi piace, non riesco ad essere indifferente al 100%, poi mai guai, professionali e tutto quello che volete, ma esteticamente fuori luogo. Spero da razzista di non dover mai vedere un mago Zurlì nero o giallo o verde ecc, ecc.

Ritratto di alex274

alex274

Mer, 30/08/2017 - 12:52

Il titolo dell'articolo è completamente fuorviante. Intanto non è un albergo ma un ristorante, e poi il razzismo non è certo nel ristorante stesso, ma nel commento su Tripadvisor di un cliente idiota.

Ritratto di Tora

Tora

Mer, 30/08/2017 - 13:06

Bene, la solita stupidera multiculturale inveisce contro la libertà di pensiero e di espressione e tace, muta come il più muto dei pesci sulla sharia dilagante e sulla feccia clandestina in perenne sosta entro i confini nazionali. Patetici e ridicoli. Un orso in mezzo al deserto è plausibile? Non credo. Una donna africana, bellissima e intelligente, è plausibile in costume dolomitico? Vi ricordate Orzowei? Ai tempi nessuno si sarebbe sognato di parlare di razzismo e di fare la solita sterile polemica da rincoglioniti.

Tarantasio

Mer, 30/08/2017 - 13:27

ristoratore avvisato: se c'è personale nero me ne vado e piazzo un commento negativo su trpadvisor

Silvio B Parodi

Mer, 30/08/2017 - 13:28

ci hanno tolto anche la parola, l'avete notato?? non si puo piu' dire cio che si pensa!! loro si! possono insultare picchiare spargere notizie false, noi NO e' il bello della diretta, pardon del comunismo, o delle stupidita' collettiva? forse di tutti e due.

Ritratto di bandog

bandog

Mer, 30/08/2017 - 13:30

cianno ragione i proprietari,cianno..è ora di finirla anche i garibaldini, al giorno d'oggi, non sarebbero biondi e bianchi ma coloured con capelli crespi!!ACCHHH SOOO!!! per non parlare degli shutzen...

Popi46

Mer, 30/08/2017 - 13:39

Quando la Fallaci incontrò il pincopallino di turno lo fece a capo coperto,in osservanza agli usi dell'ospite.Quando costoro vennero in visita ospiti nostri,noi coprimmo pudicamente le nudità delle nostre statue.Ora,è possibile o non rifiutarsi di aderire al politicamente corretto fondamentalista?

emigrante

Mer, 30/08/2017 - 13:42

Avendo vissuto felicemente la mia giovinezza a Cortina, e poco distante altri 25 anni, rammento con un misto di tenerezza che un compianto Primario dell'Istituto Ortopedico, amante del Paese nel quale si sentiva perfettamente integrato, la domenica andava a Messa con un abbigliamento di tipo tradizionale locale. Non ho mai compreso se con ironia o con apprezzamento qualche Ampezzano gli chiedeva, in dialetto: "Jijo, sosto ance Tu de nosoutres?" (Luigi, sei anche Tu dei nostri?" Al che rispondeva: "Soccia!!!" col suo accento emiliano. In effetti non sempre l'abito fa il monaco. Ma sinceramente, non mi pare che quello eventualmente commesso dai Gestori del Brite sia un peccato mortale. Tanto rumore per nulla! Buon lavoro, e buon appetito, Trip advisor o no.

cicocichetti

Mer, 30/08/2017 - 13:51

immagino i ristoranti sushi pieni di cuochi africani, quelli cinesi pieni di ecuadoregni e quelli francesi pieni di vietnamiti. In germania c'erano i turchi che si fingevano italiani "mamma mia, bella pizza, bella italia". Una volta a una festa ho fatto l'imitazione di un cuoco cinese "io fale noodles, involtini plimavela".Tutti si sono indignati. QUando ho chiesto perchè non si indignassero anche quando a farlo erano dei turchi che si spacciavano italiani non hanno saputo rispondere. Il più sveglio mi ha detto "perchè gli italiani sono bianchi " ho detto tutto

marco.olt

Mer, 30/08/2017 - 14:06

Ma vi sembra che un nero sia "tipico" del SudTirolo o del Trenntino, così come non lo sarebbe un Italiano a Samoa o in Congo. IL RAZZISMO NON CENTRA NULLA!!! e chi la mette sul colore non è onesto, è un fomentatore e un provocatore

Fjr

Mer, 30/08/2017 - 14:07

Perché Cortina è Cortina che è come dire Capalbio,luogo preferito dei radical chic comunisti col rolecs

Vostradamus

Mer, 30/08/2017 - 14:25

Perché avrebbe avuto senso che indossasse un costume del suo paese. Altrimenti, è un'evidente prevaricazione culturale, una nuova dissimulata forma di schiavismo razzista, condita di costumi e paludamenti estranei alla sua cultura. Si denunci l'albergatore, che le ha impedito di servire in costume dello zimbabwe.

Totonno58

Mer, 30/08/2017 - 15:46

Il titolo è fuorviante...leggendo si capisce che è stato solo dato spazio ad un idiota che ha sfogato le sue frustrazioni su tripadvisor.

gabryvi

Mer, 30/08/2017 - 16:16

Mi è capitato molti anni fa a Salisburgo, nel ristorante del castello. Atmosfera alla Sissi, e gentilissimo cameriere indiano! Una delusione! È come ballare il valzer a Schonbrunn con un carioca!

emigrante

Mer, 30/08/2017 - 16:38

Ironicamente provocatorio per alcuni commenti letti (e quindi nessuno me ne voglia). Sono un montanaro (bianco) e lavoro in Africa; ho due figliole "diversamente colorate". Per essere coerente con le mie radici etniche dovrei quindi girare qui con calzoncini di cuoio e cappello adornato con le Penne di Gallo Cedrone, e, quando le mie figliole fra qualche anno andranno all'Università, invitarle a recarvisi "vestite" come Josephine Baker? O quanti propugnano l'aderenza "culturale" all'aspetto etnico mi danno gentilmente licenza di vestirmi qui con una leggera sahariana, e consentire alla mia prole in Italia di vestirsi all'europea?

il sorpasso

Mer, 30/08/2017 - 16:44

Non si tratta di razzismo ma di folclore e va rispettato e basta.

Ritratto di pulicit

pulicit

Mer, 30/08/2017 - 16:45

Popi46 delle 13,39: Condivido ma preciso che la Fallaci si tolse poi lo chador dicendo che era una pratica mediovale.Regards

LUCATRAMIL

Mer, 30/08/2017 - 16:48

Più che una questione di razzismo mi pare di coerenza, come ha indicato chi ha fatto la recensione. Purtroppo siamo abituati ad alfieri del made in italy che circolano col macchinone tedesco, che vuoi che sia un eschimese/vatusso/peruviano vestito da altoatesino (o viceversa)?

@ollel63

Mer, 30/08/2017 - 16:57

No, NIENTE NERI, con o senza costume. Tornino tutti in Africa e lì restino per sempre.

jaguar

Mer, 30/08/2017 - 17:01

Ma assumere camerieri italiani no vero? Ah già, gli italiani certi lavori non li vogliono più fare, e cosa ancor più grave vogliono essere pagati.

lividanddisgusted

Mer, 30/08/2017 - 17:09

Niente neri, nè a Cortina nè altrove. Se ne tornino in Africa ! Qui non li vogliamo !

Ritratto di elkid

elkid

Mer, 30/08/2017 - 17:13

----niente male---vorrà dire che il coso li--il troglodita di turno---non andrà più a mangiare in quel locale---è lui che si autolimita--un applauso a quanto è scemo---swag

Ritratto di 100-%-ITALIANA

100-%-ITALIANA

Mer, 30/08/2017 - 17:18

Va bene che l'abbronzatura da montagna è + intensa di quella marina......ma non a tal punto!!!! Smettiamola con l'ipocrisia del "a loro tutto è permesso"

lupo1963

Mer, 30/08/2017 - 17:26

Col razzismo c'entra poco . Piucchealtro e' un po' kitsch .Come andare in Tanzania , assistere ad uno spettacolo Masai con un danzatore dalla pelle color latte , le lentiggini ed i capelli rossi ... Fate un po' voi ...Detto questo , al di la' di un sorriso , non avrei certo perso tempo a commentarlo su Tripadvisor ...

Ritratto di gianky53

gianky53

Mer, 30/08/2017 - 17:51

E' perlomeno un po' prematuro. Bisogna aspettare qualche anno ancora, quando anche tra i nativi ampezzani ci sarà qualche coloured. Difficile immaginare un tirolese con le braghe di cuoio, i calzettoni e il resto di pelle nera. Un po' di pazienza e ci si arriva presto.

Ritratto di eaglerider

eaglerider

Mer, 30/08/2017 - 18:08

Qualche cxxxxxxe che fa osservazioni fuori luogo, che vanno a favore dei buonisti, si trova sempre !!

Ritratto di mariosirio

mariosirio

Mer, 30/08/2017 - 18:13

dovrebbero toccare solo la roba che mangiano loro

routier

Mer, 30/08/2017 - 19:20

Il folclore locale è una ricchezza turistica che porta lavoro e quattrini. Mortificarlo nel nome del politicamente corretto è pura idiozia! Così è se vi pare.

olivaw

Mer, 30/08/2017 - 19:44

Ahimè, sempre più spesso noto sul Giornale articoli cerchiobottisti come questo in tema di immigrazione e multietnia.....si vede che è cominciata la caccia al voto dei moderatini e di quelli che "io non sono razzista però.."

Ritratto di robocop2000

robocop2000

Mer, 30/08/2017 - 19:47

HA RAGIONE NON VEDO NESSUNO SCANDALO !

Divoll

Mer, 30/08/2017 - 19:47

I proprietari del ristorante sul piede di guerra... e certo, con quel (poco) che evidentemente pagano la ragazza africana, non gradiscono che i clienti storcano il naso per a ridicola incongruenza. Incongruenza, non razzismo. Ma ormai, qualsiasi cosa passa per razzismo...

Divoll

Mer, 30/08/2017 - 19:50

Se mi trovassi a Cortina (dubito, ma non si sa mai) evitero' accuratamente questo locale, come evito dappertutto in italia e in Europa caffe' e ristoranti che sfruttano gli immigrati. Li pagano sempre molto meno degli altri, quindi il loro perbenismo e' fasullo e ipocrita.

Ritratto di rosario.francalanza

rosario.francalanza

Mer, 30/08/2017 - 19:51

Il problema del 'folklore' del vestito tipico indossato da persone estranee a quella cultura è: se vogliamo accettare o no che sia una pagliacciata. Per esempio Lawrence d'Arabia era un buffone con il caffettano addosso? Forse sulle prime ha fatto un po' ridere ma poi anche gli arabi lo hanno accettato tra i loro: era 'storicamente' ammissibile la sua presenza tra gli arabi ai primi del secolo, per cui non ha fatto più ridere. Il costume ampezzano è invece ormai in disuso da più di cento anni; indossarlo è senz'altro una pagliacciata. Diciamo che, se proprio lo si vuole riproporre, sarebbe preferibile farlo indossare a individui di aspetto 'compatibile' con quel costume. Purtroppo, come dice il proverbio, "ad un morto ci si può avvicinare da qualunque parte" e inevitabilmente capita che si appiccichi il costume tipico anche ad individui assolutamente incongrui, consolidando così la buffonata!

Ritratto di ateius

ateius

Mer, 30/08/2017 - 20:46

è penoso quando ci si accanisce contro una persona che nella sua individualità cerca di affrontare al meglio le fatiche della vita.- non c'entra Nulla l'immigrazione nè la religione nè l'eventuale violazione delle regole che normano la nostra convivenza.- qui si addita il colore della pelle...gratuitamente, magari dopo averla ringraziata per averci portato in tavola il nostro piatto preferito, insieme ad un suo gradito sorriso.

Dordolio

Mer, 30/08/2017 - 20:52

Il fatto è che il quadretto - per il colore della pelle in costume tradizionale locale - restituiva evidentemente un'immagine di falsità tra il kitsch e il politicamente corretto. Che avrebbe (e dovrebbe) dar fastidio anche a chi l'osserva essendo lui stesso diversamente bianco. Possibile che la gente si sia così imbesuita? Ma a che punto siamo arrivati di rimbecillimento collettivo?

M1CO

Mer, 30/08/2017 - 20:53

Ma questo giornale fa titoli che vanno in una direzione ed articoletti di costume che sembrano clonati da Repubblica? "Non voglio cameriere nere in costume"? E che c'entra? Il recensore ha solo detto che li', in mezzo ai monti ed in costume, gli sembrava fuori posto. Come andare con gli scarponi in spiaggia, come farsi servire la pizza a Napoli da un tirolese in braghe di cuoio. Che c'e' di male a parte un'infrazione del politicamente corretto sinistrese che nemmeno TripAdvisor ha ravvisato sulle prime, salvo fare marcia indietro dopo poco, temendo le ritorsioni dei politicamente corretti? E qui, dove di questo dovremmo farcene beffe, che si fa, ci si accoda?

ziobeppe1951

Mer, 30/08/2017 - 21:20

Tra cento anni vedremo i cinesi in Africa, i ne.gri in Italia, i krukki in Thailandia, gli svedesi in Giappone, l'Arabia Saudita sarà conquistata dai russi e gli sceicchi non più tali, costretti per ragioni di sopravvivenza, a vendere tappeti in spiaggia e paccottiglia varia, ai coreani, non rimarrà che trasferirsi al polo nord e gli orsi siberiani prenderanno il loro posto

Dordolio

Mer, 30/08/2017 - 21:44

Leggo il commento di "emigrante". Ma come si fa a non capire certe ovvietà? Non si sta parlando di "vestirsi comunemente in stretto rapporto con le personali origini etniche o razziali", quanto - in un locale tipico - presentare un nesso almeno credibile tra la popolazione del posto e l'abbigliamento "tipico" dell'ambiente, quando ricercato apposta dal locale. Vuoi la cameriera nera? Fai ridere se la agghindi da altoatesina. Ugualmente ti rendi ridicolo se in Kenia organizzi uno spettacolo di danze locali e vi fai esibire delle ballerine della Scala con abiti tradizionali etnici. Se anche sanno ballar bene le danze indigene sei riuscito solo a coprirti di ridicolo. Ma è proprio così difficile?