Così l'Europa ci ha già imposto le nozze gay

Hanno destato scalpore le prime dichiarazioni del neoministro della Famiglia e della disabilità, Lorenzo Fontana, secondo cui «le famiglie arcobaleno non esistono».

Dopo le polemiche veementi dell'opposizione e delle associazioni Lgbt, ovviamente molto sensibili sul tema, lo stesso è tornato alla carica rivendicando il concetto di «normalità» e l'eroismo, di questi tempi, di battersi per principi scontati quali quelli per cui «la mamma si chiama mamma (e non genitore 1) e il papà si chiama papà (e non genitore 2)». Dichiarazioni ovvie, atavicamente tradizionali e rassicuranti, pur divenute negli ultimi tempi mediaticamente superate.

Il mondo, l'Europa in particolare, sta andando in tutt'altra direzione e l'Italia stessa non si sottrae a questa spinta che punta al superamento - o allargamento - del classico concetto di famiglia eterosessuale finalizzata alla procreazione naturale.

Dopo la legge Cirinnà e la nascita delle unioni civili - definizione che è solo un artificio semantico per non qualificarle come matrimonio vero e proprio - la giurisprudenza e persino le pubbliche amministrazioni più politicamente orientate, sono andate oltre i limiti della neonata legge, sdoganando il concetto di adozione, nella variante della stepchild adoption, accettando di riconosce il vincolo genitoriale di un figlio in capo al partner del genitore biologico o registrando all'anagrafe l'atto di nascita di bambini quali figli di due persone dello stesso sesso. Solo l'altro ieri il sindaco di Milano Giuseppe Sala ne ha registrati quattro, portandone a nove il numero totale e surclassando le altre città apripista, come Torino. Eppure non tutti gli Stati remano in questa direzione, di certo non quelli dell'ex blocco sovietico che sono più restii a siffatte aperture culturali. Ma ecco che la Corte di giustizia dell'Unione europea entra a gamba tesa e inaugura il mese di giugno con una categorica sentenza in cui, di fatto, riconosce i matrimoni tra persone dello stesso sesso in tutti i Paesi membri «ai sensi delle regole sulla libera circolazione delle persone».

I togati del Lussemburgo hanno stabilito che la nozione di «coniuge» comprenda i coniugi dello stesso sesso e, quindi, se è vero che ciascuno Stato è libero (fino a quando, mi chiedo a questo punto) di autorizzare o no il matrimonio omosessuale, non può disconoscere la qualifica di «coniuge» (altrove acquisita per effetto di un matrimonio valido) e ostacolare la libertà di soggiorno di un cittadino dell'Unione rifiutando di concedere al suo congiunto dello stesso sesso, cittadino di un Paese non-Ue, un diritto di soggiorno sul suo territorio.

Hans Brinker, l'eroe del romanzo Pattini d'argento, salvò la sua città nei Paesi Bassi tappando per una notte intera con il dito il foro apertosi nella diga cittadina, scongiurando l'alluvione: le visioni più critiche e più dottrinalmente legate al concetto di famiglia tradizionale leggono in queste continue sortite di politici e giudici, nazionali e comunitari, un ineluttabile squarcio nella metaforica diga delle coscienze e del futuro normativo dei nostri Paesi.

Laddove l'Italia ha scelto, aderendo all'Unione, di cedere una parte della sovranità anche in campo etico e giuridico, è inevitabile che questo accada e ritengo, o temo, che le parole del ministro Fontana, da me condivise, assumano una coloritura che non potrà in nessun modo modificare il quadro ormai delineatosi e tutt'altro che completo.

Commenti

Gianni11

Ven, 08/06/2018 - 19:54

L'UE ci impone l'invasione e i "matrimoni" (si fa' per dire) omosessuali. Due ragioni ognuna piu' che sufficiente per uscire dall'UE e buttar foari dall'Italia qualsiasi ombra di quell'organizzazione malefica e distruttiva.

Ritratto di Anna 17

Anna 17

Ven, 08/06/2018 - 20:35

Poi non capiscono perchè, come in Italia, questi rimbambiti verranno spazzati via. La gente non ne può più di cretinate simili. Si occupano di omosessuali e non della gente che sta male. Si sentono i salvatori dei delinquenti e non vedono la fatica che fanno le persone per essere corrette ed oneste. Questi burocrati faranno una brutta fine e già hanno iniziato. Adeguarsi o saranno rincorsi coi forconi.

Ritratto di moshe

moshe

Ven, 08/06/2018 - 20:37

FUORI DALLA UE, SUBITO !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! LA UE E' UN'ACCOZZAGLIA DI MAFIOSI !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Ritratto di cape code

cape code

Ven, 08/06/2018 - 20:40

Chissa' com'e' contento BabbeiComunistardiPerSEmpre, altrimenti sarebbe dovuto andare in Spagna.

Divoll

Ven, 08/06/2018 - 21:54

`CHI ha votato per questa UE? Il popolo italiano no di certo. Bisogna uscirne e prima lo si fa, meglio e' per tutti gli italiani normali (ovvero la stragrande maggioranza) e soprattutto per i bambini.

Ritratto di Giano

Giano

Ven, 08/06/2018 - 22:10

Non solo vogliono distruggere le nostre radici, la storia, la cultura, la religione e la civiltà occidentale. Vogliono anche creare una nuova umanità di androidi unisex. Fermateli, finché siamo in tempo; con le buone o le cattive.

Ritratto di elkld

elkld

Ven, 08/06/2018 - 22:21

- - -bello io e il mio tipo presto ci potremmo sposare- - -troppo giusto—swag

ESILIATO

Ven, 08/06/2018 - 22:24

Mi va bene un unione civile, ma non matrimonio....che deve essere tra un uomo ed una donna per garantire la continuazione della specie umana.

Divoll

Ven, 08/06/2018 - 22:26

Hanno trovato come farci odiare la UE ancora di piu'.

6077

Ven, 08/06/2018 - 22:37

comincio a dispiacermi che stalin non sia arrivato fino a lisbona.

claudio faleri

Ven, 08/06/2018 - 22:50

è vero l'ue ha imposto un programma di appiattimento e annullamento della personalità, applicando una retorica, catto-comunista che fa comodo a hci dirige il gioco....è tutta una inc.....ta, ognuno deve pensare a se, la mamma è una sola, il resto è polvere

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Ven, 08/06/2018 - 22:51

Usciamo subito

adal46

Ven, 08/06/2018 - 22:56

Certo, ma è proprio questo che è preoccupante. Perchè, nel rispetto di coppie LGBT e dei singoli dal sesso variamente orientato, l'imposizione europea siffatta è una Torre di Babele suicida. Leggetevi il libro di Fontana, NON ideologico, e si capirà che qui l'Europa MUORE con le proprie medesime mani; per scelta ideologica suicida. Suicida perchè le nascite per donna ottenute da 40 anni di farneticazioni stanno travolgendo demograficamente le nazioni aderenti che in 30 anni saranno altra cosa. Bell'Europa ci hanno dato questi padri (minuscolo) snaturati. Infine guardate chi hanno posto (come identità sessuale) nei punti chiave UE e se rappresentino percentualmente l'identità generale.

seccatissimo

Ven, 08/06/2018 - 23:02

L'UE è una truffa ai danni anche del popolo italiano, che non ha mai scelto di cedere sovranità, neanche in campo etico e giuridico! Sono stati alcuni dei governi italiani, vergognosi traditori, a fare di tutto per rendere l'Italia succube dei prepotenti ed altrettanto traditori non eletti di Bruxelles !

valerie1972

Ven, 08/06/2018 - 23:09

Lo sapevano tutti benissimo che entrare nella Cee significava sottomettersi ai Diktat economici e culturali di un pugno di massoni, non per niente Soros sta cercando di fare di tutto per ributtare nella mischia l'Inghilterra, che è una delle cinghie di trasmissione predilette delle ideologie delle mafie arcobaleno. Ormai teniamoceli, non sarà più un'opposizione a fare resistenza, ma lo schifo e le migliaia di malati di mente che verranno fuori in modo massiccio, ma solo nelle prossime generazioni. Nella storia quest'abominio ha già vinto molte altre volte, ma ogni volta lo schifo e il disgusto si riprendono pian piano il legittimo spazio.

valerie1972

Ven, 08/06/2018 - 23:14

E anche di questo dobbiamo ringraziare la Lega, che unendosi ai 5s ha interrotto e rimandato sine die una politica di destra, che è quella che più di un terzo degli Italiani le stavano richiedendo, rinunciando al ritorno alle urne e lasciando così ballare i topi delle province che sanno benissimo che è il momento migliore per fare i loro porci comodi per far trovare il fatto compiuto. Ricordiamoci alle prossime elezioni di dare un bel ringraziamento a Salvini e co.

6077

Ven, 08/06/2018 - 23:20

è evidente che la sovranità va riconquistata e pure in fretta, anche a costo di uscire o farsi buttare fuori dall'unione con tutto ciò che comporta (fare la "fame" per qualche tempo, ma non preoccupiamoci, non mancherà veramente da mangiare). il disegno è palese: raggiungere un punto di non ritorno, e dopo sarà tardi (ci siamo quasi).

Luigi Farinelli

Sab, 09/06/2018 - 00:17

1) Nella corsa alla creazione dell'individuo adatto esclusivamente alla produzione e al consumo, privo di scrupoli morali, spinto a rimanere single (perché a differenza dei coniugati consuma di più) le agenzie massoniche ultra-capitaliste, laiciste, mondialiste (ONU, Ue) stanno progredendo col rincoglionimento di massa mediatico sui "nuovi diritti", per imporre il relativismo post-illuminista. La progressione di rincitrullimento delle coscienze procede secondo la classica "finestra di Overton"; ossia, le idee passano attraverso le seguenti fasi: 1)Impensabili (inaccettabili, vietate); 2) Radicate (vietate ma con eccezioni); 3) accettabili; 4) Sensate (razionalmente difendibili); 6) Legalizzate (introdotte con legge di Stato)...(continua su 2)

Luigi Farinelli

Sab, 09/06/2018 - 00:48

2)..tutte le ideologie inventate a tavolino dal Pensiero Unico (università USA ma anche a Berlino) hanno seguito la finestra di Overton: l'aborto libero (Conferenze dell'internazionale femminista dell'ONU), il gender (privo di ogni base scientifica); l'omosessualismo LGBT (imposto unilateralmente dagli psichiatri americani senza basi concrete: oggi chi prova a studiare il fenomeno dal punto di vista scientifico è minacciato di morte e deve abbandonare la professione). Tra i "nuovi diritti" oggi troviamo pure lo sbolognamento della pedofilia (tema caro ai Radicali e a Soros); il matrimonio con animali; l'incesto, l'amore con la salma del caro estinto (vedi Svezia) e, ultimi, il matrimonio con se stessi e la poligamia. I frutti velenosi e demenziali del relativismo Illuminista. E noi, dopo avere dato al mondo millenni di civiltà dobbiamo seguire come pecore i deliri dell'Ue in mano a depravati mentali che giocano a credersi Dio plasmando il mondo con l'ingegneria sociale.

Ritratto di Giano

Giano

Sab, 09/06/2018 - 10:06

Bravo Farinelli, proprio così: purtroppo.