"Così una 'nave fantasma' di Malta ha scortato i migranti verso Italia"

Nel rapporto della Guardia costiera la ricostruzione del salvataggio dei 190 migranti della Diciotti. Il mistero della nave in "darkness asset"

Ci sono discrepanze, testimonianze, mail e comunicazioni tra Malta e Italia nella querelle in mare aperto che si è trasformata in un vero e proprio scontro internazionale. Il caso della nave Diciotti, del soccorso fatto in zona Sar maltese per recuperare i 190 migranti sui barconi, sta provocando non poche frizioni tra Roma e La Valletta. La prima, infatti, accusa la seconda di aver abbandonato un barcone in avaria (costringendola a intervenire) e di aver “scortato” i migranti fin quasi a Lampedusa. Malta, invece, ci attacca definendo una “interferenza” quando fatto dalle motovedette nostrane.

A parlare saranno i documenti. Già, peccato che – come c’era da aspettarsi – le versione di Malta e Italia non coincidono.

Partiamo dall’inizio. Secondo quanto si legge in un report inviato dalla Guardia Costiera italiana a Malta, riportato dal Fatto Quotidiano, tutto inizia il 15 agosto intorno alle 8.53. A quest’ora l’Rcc di Malta comunica a tutti che si occuperà di un “evento Sar” (tenere bene a mente questa definizione) in acque di sua competenza. A bordo dell’imbarcazione - dice – si trovano 190 migranti. Nel primo pomeriggio, sono le 15.47, La Valletta informa la Guardia costiera italiana di aver "provveduto a rifornire la barca con a bordo i migranti di acqua, viveri e giubbotti di salvataggio, facendo intendere di trovarsi di fronte ad una chiara situazione SAR”. Tanto che alle 19.09 un aereo europeo fotografa due motovedette e un gommone. Poco dopo è un velivolo militare italiano a individuare due imbarcazioni tra cui una motovedetta maltese, entrambe vicine a un natante non identificato. Il barcone di migranti non si vede, ma sarebbe lì vicino. Il tutto si svolge tra Malta e Lampedusa, ma in zona SAr maltese.

Quando avviene l’intervento delle motovedette italiane? La notte successiva, intorno alle 03.07 l’Imrcc italiano riceve un Sos. Due volte dalla barchetta chiamano per chiedere aiuto. Ora il barcone è (stranamente) a due miglia dalla zona Sar italiana, ma ancora in acque di competenza di La Valletta. Come da regola Roma informa (via telefono e via mail) l’isola nel Mediterraneo che “l’imbarcazione versa in condizioni critiche ed esprime l’intenzione di fornire assistenza e decide di attivare unità della Guardia Costiera poste all’interno dell’area SAR italiana”. Dovrebbe intervenire e coordinare tutto Malta, ma non intende farlo. Il motivo? Come spiegherà più tardi, per La Valletta il gommone dei migranti non versava in condizioni critiche. Ben 40 minuti dopo, sempre di notte, in area sar maltese, la Guardia costiera italiana “rileva la presenza di un’imbarcazione non identificata in 'darkness asset0‘ - scrive il Fatto - (presumibilmente la motovedetta maltese, con trasponder spento)”.

Il resto è cronaca di questi giorni. I migranti la mattina successiva vengono portati sulla Diciotti che rimane ferma al largo di Lampedusa per alcune ore. Vengono fatti sbarcare i bambini e le persone vulnerabili, poi l’Imrcc chiede a Malta di far entrare in porto la Diciotti per sbarcare i migranti che sarebbero di sua competenza. Ma da La Valletta arriva un secco “no”. Eppure non solo gli immigrati erano in zona sar maltese, ma il loro Rcc aveva pure “rivendicato” il coordinamento dell’operazione di soccorso.

Malta però si rimangia tutto. A quel punto il Mit ordina al comandante di fare rotta verso Catania. E qui Salvini blocca lo sbarco, lasciando tutti gli immigrati a bordo in attesa di una risposta dall’Europa.

Perché La Valletta non è intervenuta? E con quale motivazione ha spiegato il rifiuto a far sbarcare la Diciotti nei suoi porti? “Qualsiasi interferenza nelle operazioni di SAR di un altro Stato – ha scritto Malta a Roma - quando l’operazione era sotto stretto monitoraggio e controllo, è un’interferenza”. Per loro la Guardia costiera italiana avrebbe “esagerato” la condizione del barcone, che non consideravano in avaria, e accusa i nostri guardiacoste di aver mentito sulla richiesta di soccorso arrivata all’Imrcc di Roma.

Il fatto è che, guarda caso, l’imbarcazione tra l’inizio della vicenda (quando viene intercettata da Malta) e il momento del recupero, si sposta di molto. E fa rotta verso l’Italia e la sua zona Sar. Solo un caso? Secondo alcuni no. I migranti sbarcati dalla Diciotti hanno spiegato che una motovedetta maltese li avrebbe scortati fino a Lampesusa, indicando loro la “rotta giusta” per l’Italia. Non solo. Nel report della Guardia costiera, scrive il Fatto, si legge che quando la Diciotti si avvicina al barcone “poco lontano vi sarebbe un’imbarcazione ma in “darkness asset” e che al momento resta quindi non identificata”.

Commenti

buri

Ven, 24/08/2018 - 13:05

che bravi quei maltesi, comunque se così è il governo italiano dovrebbe prendere in considerazione delle contromisure efficaci e applicarle

Gaeta Agostino

Ven, 24/08/2018 - 23:26

Il fatto è che sono tutti contro la nuova politica italiana di controllo dei clandestini. L'europa, anche malta, stanno facendo di tutto per far fallire le iniziative italiane (di Salvini), il peggio è che in Italia i maltesi e gli europei trovano facile sponda tra i sinistroidi del PD e i vari buonisti che fanno affari con i nuovi schiavi.

Ritratto di Arduino2009

Arduino2009

Ven, 24/08/2018 - 23:53

Stano a scaricare tutti, perchè l'Italia deve solo caricare e non poter scaricare ????

Ritratto di hernando45

hernando45

Sab, 25/08/2018 - 00:01

Le contromisure efficaci ci sarebbero. Basta inviare la DICIOTTI col suo carico in acque SAR Libiche e mettersi d'accordo con la loro guardia costiera, che gli abbiamo regalato NOI, che venga a caricarli per RICONDURLI IN LIBIA!!! FACILE FACILI Pensaci Comandante.

Divoll

Sab, 25/08/2018 - 00:39

Rimane il fatto che la Diciotti non doveva raccogliere questa gente in acque maltesi. Il comandante va lasciato a terra per il futuro. Io indagherei anche di piu' su di lui.

magnum357

Sab, 25/08/2018 - 00:40

Ah i Maltesi fanno ora il doppio gioco, bestie !!!!!!

Ritratto di Terenzio-Plauto

Terenzio-Plauto

Sab, 25/08/2018 - 02:30

I Maltesi : una mescolanza di astuzia levantina e di spocchia anglosassone.

Ritratto di tangarone

tangarone

Sab, 25/08/2018 - 08:27

L'errore è anche nostro, occorre presidiare le nostre acque, senza mai uscire fuori

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Sab, 25/08/2018 - 08:47

Ma perchè noi ci impietosiamo sempre, MA PERCHE'? !50 190 individui che non sappiamo nemmeno da dove arrivano ma solo che noi ascoltiamo anche se ci raccontano delle menzonie, rischia che ci fanno fare una guerra civile, ma vi rendete conto, 150 190 persone, non milioni. Ma basta con questo vittivismo, ma lasciateli in mare, che si aggiustino. Girano la prua e ritornino da dove sono venuti.

Giorgio5819

Sab, 25/08/2018 - 09:12

"darkness asset" ? FUOCO ! se naviga con trasponder spento significa che ha le mutande sporche...

Ritratto di blackwater

blackwater

Sab, 25/08/2018 - 09:22

Malta sta facendo giustamente gli interessi di Malta,come Salvini per la prima volta sta facendo gli interessi del nostro Paese---l'unica differenza da noi la fanno politici trombati alle scorse elezioni,qualche zitellona sovrappeso assieme ad una scarna compagine di maschi beta con maglietta rossa ed arancino in mano e qualche prete stranamente accoglione solo e soltanto con muscolosi giovani africani...

Papilla47

Sab, 25/08/2018 - 09:27

C'è gente, pagata, che spiega come funziona la cosa. Anche se non volete andare in Italia basta sbarcarci e poi da li potete proseguire per le vostre mete preferite. Per un bel po di tempo ha funzionato così fino a quando le altre nazioni si sono accorte di averne incamerato un alto numero. Facciamo una legge che rispedisca i richiedenti asilo dove sono sbarcati e identificati. Questa è l'EU pronta a difendere i veri padroni. Piano B

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Sab, 25/08/2018 - 10:19

Tranquilli: Telese e Parenzo quanto prima ci daranno una risposta esaustiva...

ciruzzu

Sab, 25/08/2018 - 10:26

Inutile remenarcela.l' errore è nostro. Si doveva bloccare il gommone e accompagnarlo a Malta, e questo ci insegna che bisogna bloccare tutte le imbarcazioni con la marina militare e rimandarle indietro, non dandogli asilo come ha fatto la Diciotti.

stefi84

Sab, 25/08/2018 - 12:11

Bisognerà visionare i filmati dei satelliti, ma parrebbe che almeno una parte delal responsabilità è italiana, non si interviene in zone non nostre, anche perchè Malta era al corrente e un eventuale naufragio del gommone sarebbe stata loro responsabilità, per questo probabilmente seguivano in assetto dark il gommone, pronti a intervenire ma solo in caso affondasse. Poi i migranti si saranno inventati l'emergenza, visto che il loro scopo è evidentemente sbarcare in Europa (meglio l'Italia, perchè Malta è un'isola).

carlo dinelli

Sab, 25/08/2018 - 12:12

Innanzitutto, mi auguro che ci sia qualche italiano intelligente che non faccia, o disdica, le sue vacanze in quella "meravigliosa isoletta del Mediterraneo"... poi, d'ora in poi, qualsiasi guardia costiera che si allontana dalla zona italiana, per qualsiasi motivo, sia pure "umanitario" (infatti, con la Diciotti si vedono i risultati), faccia subito dietro front e sia severamente punita.

Ritratto di Atomix49

Atomix49

Sab, 25/08/2018 - 12:14

Sicuramente abbiamo ragione noi perché... perché SI. Ci mancherebbe altro. Non ci viene neanche minimamente il dubbio che a fare casino sia stata la nostra barchetta per niente affatto pelosa nei suoi comportamenti riguardo profughi e villeggianti. Purtroppo la maggior parte di noi non è sereno nei giudizi e nelle valutazioni in quanto il governo attuale, quello del cambiamento, in effetti un cambiamento lo ha apportato: ha esasperato ancora di più il conflitto sociale. Il Perché? Secondo me perché alla sua base c'è un tradimento e poi perché sono degli incapaci a gestire la semplice amministrazione figurarsi in ambito internazionale. Ci porteranno allo sfascio totale.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Sab, 25/08/2018 - 13:20

hai ragione ciruzzu vedo che dal tuo nik sei di Como originale.