Cremona, niente presepe al cimitero: "Offende i non cattolici"

Il cappellano del cimitero ha deciso di non allestire più il presepe per rispettare le diverse sensibilità. Contrario il suo predecessore: "Non siamo in Arabia"

Per il Bambino Gesù non c'è più posto nel camposanto di Cremona, nemmeno in tempo d'Avvento. Don Sante Braggiè, cappellano del cimitero civico della città delle tre T, ha deciso di non allestire il tradizionale presepe per "non urtare la sensibilità dei musulmani".

Come racconta la Provincia di Cremona, il sacerdote, 57 anni, ha spiegato di "non essere mai stato del tutto convinto" da quella Sacra Rappresentazione allestita in un luogo così inusuale. Inoltre, argomenta il religioso: "Un piccolo angolo del camposanto è riservato alle tombe degli islamici. Sono molti quelli che vengono qui a ricordare i loro cari. Un presepio collocato in bella vista com’era quello potrebbe essere una mancanza di rispetto per i fedeli delle altre religioni, urtare la sensibilità dei musulmani, ma anche degli indiani e pure degli atei. Insomma, sarebbe un pasticcio."

Basita e amareggiata la reazione del predecessore di Don Braggiè, don Oreste Mori, che nel 2010 aveva dato avvio alla tradizione del presepe in camposanto. "Non voglio sentire cose del genere - spiega don Mori - Il presepio piaceva ai cremonesi, cattolici e non cattolici vi si erano affezionati. Non possiamo rinunciare alla nostra cultura e alle nostre tradizioni, sarebbe una debolezza imperdonabile. Siamo in Italia e non in Arabia Saudita, almeno per ora."

Commenti

Holmert

Ven, 09/12/2016 - 11:33

Ma come sono sensibili gli italiani! Veramente delicati,specie se trattasi di stranieri e di civiltà diverse. Solo noi veniamo sputati, all'estero. Mio padre mi diceva che in Venezuela gli italiani venivano chiamati "messiè" in senso spregiativo oppure "portughese". Non si curavano certo se eravamo offesi o meno. Invece noi ce ne curiamo e facciamo la lotta alle nostre tradizioni ancestrali. Ed il buon papa della gente che dice? Propio perchè è della gente e non dei cristiani e delle tradizioni cristiane tace, sta zitto come la sfinge. Io sono la via,la verità e la vita,diceva Cristo. La chiesa della gente è "del mondo". E' mondanizzata,è ad uso e consumo della gente. Io non vorrei essere un papa della gente, ma del Cristo...Se fossi papa!

Ritratto di Legio_X_Gemina_Aquilifer

Legio_X_Gemina_...

Ven, 09/12/2016 - 11:37

Italiani! E' in corso il genocidio dei bianchi! Svegliatevi! Stiamo commettendo l'errore che fecero gli Ebrei di fronte ai Nazisti. Parole chiave su Youtube: stop islam, stop sharia ecc.ecc. Divulgate i video! Orgnizzatevi! Difendetevi! o soccomberemo!

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Ven, 09/12/2016 - 11:39

ED I CITTADINI CHE FANNO ? RESTANO A GUARDARE ? CORAGGIO COMBATTETE PER LA VOSTRA DIGNITA' E CIVILTA'. SMETTETE DI VOTARE QUESTI POLITICI ED AMMINISTRATORI E CACCIATELI VIA A CALCI NEL SEFERE. POPOLO ADESSO BASTA !!!!!!

elalca

Ven, 09/12/2016 - 11:40

chissenefrega, vadano nel loro angolo e non rompano i birindelli. siamo in Italia, in un cimitero cristiano e quindi terra consacrata. vengono ospitati per senso di carità appunto cristiana. il prete è un somaro e dimostra di avere solo una gran paura.

maurizio50

Ven, 09/12/2016 - 11:41

Egr. Signor Sante Braggiè, lei ha sbagliato mestiere. Invece che fare il prete cattolico di Santa Romana Chiesa, avrebbe dovuto fare l'Imam presso una Moschea di musulmani. C'è una grande moschea in Arabia Saudita, a La Mecca, alla Kaaba. Ci vada e abbracci entusiasta la fede dei musulmani. Ma sopratutto si vergogni di voler fare il prete in una religione verso la quale non ha alcuna fede nè devozione!!!!!!

dinopan

Ven, 09/12/2016 - 11:42

finto e bieco perbenismo consiglio al prete di andare al diavolo.

VittorioMar

Ven, 09/12/2016 - 11:43

...FA PARTE DELLA SOLITA STUPIDATA TRADIZIONALE DEL MOMENTO!!!...niente di nuovo..!!

pasinels

Ven, 09/12/2016 - 11:45

sono esasperato del sentir parlare della "sensibilità" dei musulmani ! Questi barbari non sanno neppure dove sta di casa la sensibilità con la loro religione oscena ed ipocrita. Ma che vadano a remengo e tornino a casa loro e qui si smetta di reprimere la nostra cultura per il timore di urtare la lor "sensibilità". Ecco come si rende ferocemente razzista un popolo tollerante come gli italiani.

01Claude45

Ven, 09/12/2016 - 11:45

Verissimo: NON SIAMO IN ARABIA. Sto prete ci espone a danni enormi per le sue idee CRETINE. Vive in Italia o dove? Se in Italia si comporta da cittadino italiano altrimenti vada in terra islamica.

Ossi

Ven, 09/12/2016 - 11:50

Fra le religioni ci deve essere un rispetto reciproco....questo vale in particolare per i simboli e per le usanze popolari. Solo dei fanatici o degli imbecilli falsi buonisti possono pensare che tutto ciò possa urtare la sensibilità di persone di altre confessioni.

vince50

Ven, 09/12/2016 - 11:50

Può sembrare un controsenso ma ormai è inutile commentare,basta prendere atto che alcuni hanno deciso di sconvolgere tutto e di sottometterci in ogni direzione.Non abbiamo scampo ne diritto di lamentarci,siamo finiti.

nopolcorrect

Ven, 09/12/2016 - 11:51

Ma chissenefrega se i musulmani si offendono.

Ritratto di Antimo56

Antimo56

Ven, 09/12/2016 - 11:56

Il clero cattolico sa che ormai la partita è persa, e cerca di riciclarsi nell'ecumene mussulmana per non perdere il posto di lavoro: illusi.

marygio

Ven, 09/12/2016 - 11:57

ormai questo è un paese con un buon 50% di idioti senza cervello

routier

Ven, 09/12/2016 - 12:09

E quando un musulmano entra nel nostro Paese senza averne il diritto, chi offende?

fedeverità

Ven, 09/12/2016 - 12:28

Ma smettetela di bere il vino....MALEDETTI INDEGNI!!

Daniele Milan

Ven, 09/12/2016 - 12:40

Altro prete demente!

Ritratto di alfredido2

alfredido2

Ven, 09/12/2016 - 12:45

Perchè Don Braggiè non si converte all'Islam ? Almeno si schiera in maniera aperta .

Ritratto di gian td5

gian td5

Ven, 09/12/2016 - 13:00

La nostra religione ha basi divine e da due millenni va avanti nonostante i preti come Braggiè

agosvac

Ven, 09/12/2016 - 13:05

Egregio don sante braggiè, vorrebbe spiegare ai cristiani cosa ci facciano dei musulmani in un terreno consacrato ad un Dio che non è il loro??? Se gli islamici potrebbero restare "sconvolti" dalla presenza di un Presepe, pensi a come siano sconvolti i cristiani dalla presenza nel loro cimitero di islamici che seguono un'altra religione. Cerchi di essere serio: l'errore è stato consentire agli islamici di usufruire di un terreno destinato ai cristiani. E visto che è destinato ai cristiani il minimo che si possa fare è avere un Presepe che è uno dei maggiori simboli del Cristianesimo dato che santifica la nascita di Gesù.

Lissa

Ven, 09/12/2016 - 13:11

Ma possibile che in Italia ci siano tanti calabraghe? Se il prete vuole non offendere gli altri (che si tolga dalle balle)

Ritratto di bandog

bandog

Ven, 09/12/2016 - 13:18

Spedite questo santo prete nel daesh!

bobo55

Ven, 09/12/2016 - 13:18

La COLPA non è del prete...ma dei suoi concittadini che gli permettono tutto ciò..... lui non è nessuno senza i suoi fedeli.... e in più ...non è il padrone della città città.... e i cittadini non sono i suoi SUDDITI...ripeto .... è colpa dei fedeli .... PUNTO

Gianfyz

Ven, 09/12/2016 - 13:27

Caro don, perché non togli anche le croci e non ti vesti da mussulmano. Povero clero, sta proprio sclerando!!!!

fisis

Ven, 09/12/2016 - 13:29

Che questa pretesa "sensibilità" verso i musulmani o gli atei o gli induisti etc. etc sia manifestata da un prete, che viceversa dovrebbe testimoniare la fede, anche attraverso i simboli religiosi della tradizione cristiana ma anche culturale italiana - non dimentichiamo che il presepe fu creato da San Francesco - è veramente paradossale, vergognoso e sintomo di ignoranza delle radici stesse della nostra cultura.

adal46

Ven, 09/12/2016 - 13:30

Don Sante? Piuttosto don Abbondio....! Caro prete, rifletta. Diretta conseguenza di ciò che pensa è chiudere subito dopo la Cappella del cimitero. Che farà dopo? Siamo alla follia, voltagabbana da tutte le parti.

Fjr

Ven, 09/12/2016 - 13:39

Allora per par condicio ,in un'altro angolo ricostruite Aleppo e le sue macerie con morti e feriti anche cristiani ,quale fra le due rappresentazioni è la più verosimile

GuidoReinachAstori

Ven, 09/12/2016 - 13:41

Ma vai a lavorare finto prete rimbambito oppure, convertiti alla religione mussulmana, ti faranno santo.

Luigi Farinelli

Ven, 09/12/2016 - 13:50

Allora, Don Sante Braggié, dovremmo togliere pure le croci dai cimiteri? (Richiesta comunque effettivamente già avanzata qualche mese fa in un paese d'Italia col solito sindaco "progressista"). E magari dai campanili delle chiese? Perché non prova ad andare all'aeroporto di Riyadh o a quello di Jiddah per vedere come siano tollerate croci e immagini sacre cristiane malauguratamente scoperte? La parola "reciprocità" pare essere una vergogna da nascondere per certi ambienti ecclesiastici che sembrano diventati più logge massoniche anticristiane che comunità anche di difensori della propria fede.

Ritratto di nando49

nando49

Ven, 09/12/2016 - 14:00

La "cretineria" italica non ha mai fine e confini. Invece di rimarcare e tutelare le nostre tradizioni e la nostra religione si cede all'islamismo che ha come obiettivo la conquista dell'occidente. Non concediamo niente a questa gente fino a che nei loro paesi le chiese vengono distrutte e i cristiani ammazzati.

Luigi Farinelli

Ven, 09/12/2016 - 14:00

Il presepe offende i musulmani? E allora le croci dei cimiteri? Facciamo tabula rasa pure di quelle? Don Braggiè farà segare anche la croce sul campanile della sua chiesa pur di non offendere i musulmani? C'è poco da ridere perché qualche mese fa uno dei soliti sindaci "progressisti" aveva buttato là pure questa: togliere le croci dai cimiteri. Gli è andata male ma ricordatevi della "finestra di Hoverton": i sei gradini della scala di rincoglionimento di massa del pensiero omologato: primo gradino: "ma cosa dici? Non sia mai!"; ultimo gradino con legge dello Stato che ormai non puoi più contestare. Matrimoni gay, gender, pansessualismo a scuola hanno subìto questa trafila in Paesi europei ed ora nessuno può contrastare queste cose.

Malacappa

Ven, 09/12/2016 - 14:05

Prete o imam

routier

Ven, 09/12/2016 - 14:07

I preti alla Braggiè mi ricordano Miguel De Cervantes: "Diffida del bue quando gli stai davanti, del mulo quando gli stai dietro, dei preti ovunque si trovino"!

@ollel63

Ven, 09/12/2016 - 14:19

quella storia della "sensibilità degli islamici" da non offendere mai è la solita PUZZOLENTE SCUSA accampata dagli analfabeti totali in fatto di cultura, educazione, rispetto di usanze, tradizioni millenarie, conoscenza e civiltà ... Voi cristiani invece dovete farvi massacrare, decapitare, crocifiggere .... in nome e per volere degli "islamici" sensibili e buoni!!!!!!!!!!!!!! Preti e papi sparasentenze da perfetti dementi lustra-islamici. Mascalzoni burattinai

Ritratto di giorgio.peire

giorgio.peire

Ven, 09/12/2016 - 14:22

Ogni giorno la religione cattolica, perde colpi su colpi.

PatrickC

Ven, 09/12/2016 - 14:25

Ma prete di che fede? se ti vergogni della fede che predichi allora e' bene che ti levi il saio che otretutto ti mantiene e cerchi di fare un'altro lavoro. E vorrei aggiungere che gia' di suo dire che e' un camposanto e' da razzisti (secondo la sua ipocrita visione).

Ritratto di Giano

Giano

Ven, 09/12/2016 - 14:32

Vi risulta che esista qualche versetto del Corano che invita a non offendere i cristiani? No, esiste proprio il contrario; esiste l’incitamento al jihad, la guerra santa contro gli infedeli. Allora, perché i musulmani possono tranquillamente non solo offendere, ma anche combattere e ammazzare i cristiani (lo dice il profeta), ma i cristiani non possono “offendere” i musulmani? Qualcuno ci spiega questo curioso principio di non reciprocità? Buffoni.

ziobeppe1951

Ven, 09/12/2016 - 14:32

Il prete è l'assassino dell'anima poiché in tutti i tempi egli ha fomentato l 'ignoranza e perseguito la scienza (Giuseppe Garibaldi)

walter viva

Ven, 09/12/2016 - 14:52

Peccato non aver riscontrato altrettanta sensibilità nei confronti delle migliaia di vittime di violenze varie perpetrate nei seminari, nei conventi, nei collegi, tra le mura vaticane, etc.

manfredog

Ven, 09/12/2016 - 15:38

..che cappella, caro cappellano, che sta facendo..!! Allora che cosa facciamo, eliminiamo tutti i presepi in tutta Italia che possono essere visibili al pubblico..!? Ma si rende conto questo Don Sante (pure..!!) di che cosa sta parlando..!? mg.

Raoul Pontalti

Ven, 09/12/2016 - 16:49

Togliere il vino da messa a quel prete perché gli dà alla testa...Cosa c'entrano gli islamici? Semmai si potrà discutere dell'opportunità di allestire il presepe in un camposanto ma se a Cremona è tradizione la si lasci. Agli islamici poi non importa nulla: per loro a natale si commemora la nascita del profeta Gesù partorito dalla Vergine Maria e pertanto non si offendono né si scandalizzano.

Ritratto di OnTheRoad

OnTheRoad

Ven, 09/12/2016 - 17:16

Il prete non merita l'abito che indossa, né tantomeno di servire Nostro Signore

mariod6

Ven, 09/12/2016 - 18:02

Dove l'hanno i mussulmani la sensibilità ?? In un'area consacrata al cristianesimo e piena di defunti italiani, di qualunque opinione fossero non erano certamente mussulmani, i caproni stiano fuori e si aprano un cimitero in aperta campagna per non fare danni ulteriori. Basta con queste storie di ordinaria follia da parte di chi dovrebbe essere cristiano e non paraculo.

pensaepoiagisci

Ven, 09/12/2016 - 18:30

QUI SIAMO CRISTIANI..E MI PARE CHE SIAMO A CASA NOSTRA..E PERTANTO VOGLIAMO IL PRESEPE ,L'ALBERO DI NATALE E LA NOSTRA CROCE CON GESU' MORTO PER SALVARCI DAI PECCATI !!! CHI NON E' CONTENTO DELLE NOSTRE COSE CHE AMIAMO SE NE FACCIA UNA RAGIONE O TOLGA IL DISTURBO !!!

giolio

Ven, 09/12/2016 - 18:58

ed ecco il prete........ scemo di turno !!!!!!!

Holmert

Sab, 10/12/2016 - 17:50

OnTheRoad, lei si sbaglia di grosso. I preti non indossano alcun abito,se si riferisce alla tonaca,dal concilio vaticano(lettera minuscola) II in poi,voluto dal papa bbbbuono. Indossano anche giacche e giacconi griffati,qualcuno porta il "collare" ,ma qualcuno. Da come si comportano e pensano, credo che "le vocazioni" ormai vanno a cadere su persone che hanno dei grossi difetti,o di testa o di altro genere...ci siamo capiti. Ahimé,mi vien da dire,non ci sono più i preti di una volta. La chiesa ormai si è mondanizzata,come dire si è modellata nel mondo e da questo è stata plasmata. Non credo si possa parlare ancora di chiesa di Cristo,secondo il suo insegnamento.Ricordatevi che Cristo aveva dei nemici, i Farisei etc. e non si curava di affenderli quando li chiamava: razza di vipere o sepolcri imbiancati. Che differenze passa tra Farisei e Musulmani? Chissà come risponderebbe questa specie di prete?