"Cristiani deboli coi musulmani". E un immigrato zittisce il prete

Durante l'omelia il prete accusa i fedeli debolezza di fronte alle rivendicazioni degli islamici. Uno straniero interrompe la Messa e lo zittisce

"Cari fedeli, non dovete dimostrarvi deboli di fronte alle rivendicazioni dei musulmani". A pronunciare queste parole, durante la Santa Messa nel Cuore Immacolato di Maria a Teramo, è stato il prete. Ma un ragazzo straniero non le ha gradite e, al termine della Messa ha contestato duramente le parole del sacerdote.

Durante l'omelia, come racconta il sito Abruzzo In, il parroco ha difeso, con una certa vivacità, i valori cristiani. Ha così toccato, tra i tanti argomenti, la teoria gender. "Tuttavia - si legge - il fulcro del discorso ha riguardato gli stessi cristiani e la loro debolezza di fronte alle rivendicazioni dei musulmani". Alla fine della Santa Messa un giovane straniero ha improvvisamente preso il microfono e ha contestato con violenza le parole del sacerdote. Fortunatamente i parrocchiani sono intervenuti per tempo e sono riusciti a calmare l'immigrato che se ne è poi andato senza far degenerare la situazione.

Commenti

monati50

Lun, 21/12/2015 - 00:28

...NEVE. Questo non è giornalismo. Rivendicazioni mussulmane? Quali sarebbero? Forse il diritto di professare la propria religione? Se il prete (Parroco?) ha affermato tanta idiozia è da considerarlo negli stessi livelli di chi dà malinformazione.

Ritratto di hernando45

hernando45

Lun, 21/12/2015 - 00:55

Ormai arriveranno a COMANDARE LORO è SOLO QUESTIONE DI TEMPO, come cantava 50 e piu anni fa Nicola Arigliano!!! ITALIANI RASSEGNATEVI o ANDATEVENE!!!! Feliz navidad col presepe. PS Potrebbe essere uno degli ultimi, chissa se ora il COCOMERIOTA CRUCIAX arrivera a comprendere il perche da giorni lo sto scrivendo???

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Lun, 21/12/2015 - 01:05

Il prete doveva spiegare ai fedeli che l'islam non è una religione MA UNA FORMA ARCAICA DI TEOCRAZIA in cui un CALIFFO ha il potere di governare lo stato. I sacerdoti cattolici dovrebbero spiegare ai cristiani che L'OBIETTIVO FINALE DELL'ISLAM È LA TOTALE SOTTOMISSIONE DELL'UOMO AI DETTAMI DEL CORANO che sostituiscono e cancellano ogni espressione della nostra cultura democratica.

rossini

Lun, 21/12/2015 - 07:41

Fosse successa la stessa cosa in una moschea dell'Arabia Saudita il "cristiano" sarebbe stato linciato dalla folla e comunque sarebbe stato incarcerato e frustato dalla polizia di quel paese "civile". Ma già, si sa, quelli sono musulmani ed hanno le loro usanze (barbare) che vanno rispettate.

vince50

Lun, 21/12/2015 - 07:51

E pensare che che ci sono persone dalla mente contorta,che pensano di poter dialogare con chi fa il gradasso in casa nostra.La nostra debolezza,l'incapacità di farci rispettare rappresenta la loro forza.Accoglienti se necessario,ma determinati e autoritari per tutto ciò che riguarda.

Tuthankamon

Mar, 22/12/2015 - 12:33

Ma questo che ci faceva a messa? Se uno qualsiasi di noi interrompe un rito musulmano in questo modo ... rischia grosso. In ogni caso, una situazione simile non è accettabile.