Bologna: luminarie natalizie "massoniche e inquietanti"

Aspre polemiche a Bologna per alcune illuminazioni natalizie: "Come se si celebrasse la Resistenza con un'esibizione di svastiche"

Hanno destato non poche polemiche le luminarie natalizie proposte dal Comune di Bologna: un triangolo, un occhio e un circolo di raggi che, visti in prospettiva, combaciano formando il simbolo massonico. L'installazione fa parte dell'edizione 2014 di "ON", un progetto di arte contemporanea che invita artisti internazionali a realizzare opere d'arte per i luoghi pubblici di Bologna, ed è stata realizzata da Luca Vitone.

La posizione delle luminarie (lungo il ponte di via Matteotti e vicino alla stazione centrale) ha creato non poco malumore perché sembra suggerire un legame tra la strage del 1980 e la massoneria, come scrive il supplemento felsineo di AvvenireBologna Sette: "In molti non hanno capito il senso della installazione sul ponte di via Matteotti: luminarie a soggetto massonico, nei giorni di Natale, ad evocare legami della Loggia P2 con le stragi, che in stazione e sulla Direttissima hanno moltiplicato lutti, ferite e terrore negli anni '80".

Secondo la Curia, quelle di Vitone sono "oscure luminarie" che rappresentano uno "spettacolo ambiguo e inquietante". E, conclude l'articolo di Bologna Sette, è "come se si celebrasse la Resistenza con una esibizione di svastiche".

Commenti

fabiou

Lun, 22/12/2014 - 12:36

la massoneria vuole desacralizzare il Natale perchè odia la religione che è l unico argine al suo potere pagano. senza religione non c'è freno ad avidità, lussuria e consumismo per la gioia di banche e multinazionali

Ritratto di giordano

giordano

Lun, 22/12/2014 - 14:35

succede solo a Bologna

Ritratto di aaronn

aaronn

Mar, 23/12/2014 - 07:56

Ancora una volta si esprimono considerazioni,di primo mattino, poco documentate. La massoneria non desacralizza l'avvento del natale. La massoneria del G.O.I. rispetta e accetta tutte le varie credenze religiose e le rispetta. La massoneria del G.O.I.non ha nulla a che vedere con le stragi di Bologna. Il malcontento che i cittadini hanno della situazione economica e sociale che oggi attraversa l'Italia non può ne deve essere riversata alla massoneria che,invece ha rispetto dell'uomo in tutti i suoi vari aspetti umani. Piuttosto perché non invitare l'autore a chiarire la derivazione delle sue "luminarie"?