La denuncia dello studente: "La scuola mi fa fare stage al campo rom"

Il progetto all'interno dell'alternanza scuola-lavoro caldeggiata da Matteo Renzi. Corso orale sulla storia del popolo nomade e poi la visita al campo rom

La chiamano alternanza scuola-lavoro, e il principio che ispira la legge sarebbe anche giusto. Ovvero permettere ai ragazzi di provare con mano cosa significa il lavoro, per non trovarsi appesi a un pero appena conclusa la maturità. Il problema è quando questi tirocini da opportunità si trasformano in farsa, come per quel ragazzo 17enne che ieri ha scritto una lettera a Libero per denunciare che lui lo stage lo ha fatto sì, ma lo hanno spedito in un campo rom.

"Sono uno studente del quarto anno di un liceo classico della provincia di Milano - scrive il 17enne - e posso dire che questo provvedimento è stato non solo confusionario e caotico nel realizzarsi, ma ha causato diversi problemi nello svolgimento dei programmi previsti (...). Dopo due anni di alternanza scuola-lavoro ho abbastanza esperienza per dire che il progetto è stato organizzato male". Il perché è presto detto: "Quest’anno - scrive il giovane studente - mi sono trovato ad affrontare degli stage che non avevo scelto, ma che mi sono stati imposti per una mancanza di ore. Ho dovuto frequentare un corso sulla cultura e la storia del popolo nomade. Non so precisamente in che ambito del progetto alternanza scuola-lavoro possa essere collocato in quanto non si trattava di un ente culturale, ma di un corso di quaranta ore tenuto in un centro di istruzione da un professore".

Avete capito, insomma? Un corso di cultura rom. Fondamentale, è evidente, per la formazione culturale dei nostri giovani. Ma non è tutto. Perché la vicenda non si conclude alle sole lezioni orali. "Il programma - spiega il 17enne - prevedeva delle lezioni in sede in cui vi era la possibilità di conoscere la storia del popolo rom, integrate con ospiti rom e sinti che raccontavano la loro esperienza, e alcune visite presso campi rom di Milano. (...) Le lezioni sono state svolte in modo poco oggettivo: i rom venivano giustificati anche per quanto riguarda la criminalità che caratterizza i campi nomadi. Quando, dalla nostra scuola siamo stati portati in un campo rom, tutti - compreso me - siamo rimasti sorpresi da quanto fossero ben tenuti, ricchi e ordinati. I rom che abbiamo conosciuto sono stati molto gentili ed educati, ci hanno offerto da bere ecc... Quello che mi stupisce è che ci sia stato fatto vedere solo questo lato dei campi rom. Non abbiamo sentito neanche una voce fuori dal coro rispetto al loro modo di vivere".

Di certo i ragazzi non sono stati portati al campo di via Salone a Roma, dove i roghi tossici sono all'ordine del giorno e i bambini vivono in mezzo alla spazzatura raccolta dai nomadi. "Sono convinto che sia sbagliato generalizzare parlando male di tutti i rom - continua il ragazzo - (...) è che ancora non capisco come un progetto di questo tipo fosse inerente all’alternanza scuola-lavoro, io l’ho accettato solo perché mi avrebbe portato quaranta ore da togliere alle duecento, ma penso che sarebbe stato più utile per qualcuno che è interessato. Scusate se non firmo con il cognome questo sfogo, ma ho paura di essere bocciato".

Commenti

titina

Lun, 29/05/2017 - 11:10

Forse per imparare alcune "tecniche"?

Ritratto di ..nonnaPina..

..nonnaPina..

Lun, 29/05/2017 - 11:24

il corso più che orale è prevalentemente pratico e prevede prove sul campo di accattonaggio, furto con destrezza, come mangiare a sbafo a ristorante etc etc

Libertà75

Lun, 29/05/2017 - 11:24

se lo bocciano può sempre darsi allo scippo e dire che fa parte del percorso studentesco obbligatorio

giumaz

Lun, 29/05/2017 - 11:31

Impara l'arte e mettila da parte. Se proprio gli andrà male avrà imparato a borseggiare, scassinare porte, rubare il rame dei cavi elettrici, connettersi abusivamente alle utenze altrui. Butta via!!

Ritratto di orione1950

orione1950

Lun, 29/05/2017 - 11:31

Gli avranno insegnato a rubare, a chiedere l'elemosina, a lavare i vetri ai semafori, a fregare lo stato ......

buri

Lun, 29/05/2017 - 11:32

pura follia, mandate a casa preside ed insegnanti

Ritratto di bandog

bandog

Lun, 29/05/2017 - 11:56

coming soon nelle italiche scuole,corsi di jihadismo con lezioni pratiche anche sull'uso di giubbotti esplosivi..queste ultime non potranno essere ripetute dagli sperimentatori!!

Fjr

Lun, 29/05/2017 - 11:57

Certo con lo stage si fa apprendimento su ,salto della cancellata, 2000 siepi con cane da guardia che ti rincorre, lancio del portafogli,

Ritratto di mariosirio

mariosirio

Lun, 29/05/2017 - 12:15

Il giovanotto fa il classico ed il corso è orale dunque lo stage è in linea col nulla che farà di lavoro. E comunque sono privi di iniziativa in questi liceali, avrebbero potuto imparare a manovrare la ruspa e invece si sono fatti offrire da bere e cogliere gentilezze.

Ritratto di makko55

makko55

Lun, 29/05/2017 - 12:24

L'unico errore di questo ragazzo è stato quello di non portare un barattolo di topicida da distribuire a piene mani nel campo .

dallebandenere

Lun, 29/05/2017 - 12:36

Giusto così.Ne Latino,ne Greco,ne Geometria Analitica (a che serve,nella vita, sapere come si legge un grafico?).Nella vita aiuta la conoscenza della Cultura Sinti,dell'arte Sinti,della letteratura Sinti,dei monumenti Sinti,delle scoperte scientifiche Sinti...

marygio

Lun, 29/05/2017 - 13:11

ahhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh

Ritratto di blackwater

blackwater

Lun, 29/05/2017 - 13:28

CULTURA rom ? archiviando che tutto sia "cultura" (altrimenti anche l'infibulazione in africa lo sarebbe)esiste un Leonardo da Vinci,un Michelangelo,un Dante Alighieri rom ? perchè in caso negativo le chiacchere stanno a zero e la "cultura" rom semplicemente non esiste.

cgf

Lun, 29/05/2017 - 13:35

e per permettere ai ragazzi di provare con mano cosa significa il LAVORO, lo mandano in un campo rom? Qualcuno dovrebbe spazzare il mare come lavoro, apporterebbe lo stesso beneficio alla società.

uberalles

Lun, 29/05/2017 - 14:03

Rom & sinti: due popoli gloriosi senza i quali il mondo odierno sarebbe senza valori a cui ispirarsi, sia nel campo morale che in quello della scienza e della tecnologia. I suddetti, infatti, hanno fatto incetta di premi Nobel e riconoscimenti vari nell'ultimo periodo, tanto da dover correre con l'handicap nei confronti degli altri candidati.

frabelli1

Lun, 29/05/2017 - 14:26

Cosa si imparerà mai in un campo rom? A rubare, come nascondere la refurtiva, come far crescere i bambini, la pulizia personale, l'abbigliamento, come si deve mangiare? Ma fino a che questa sinistra disgraziata rimarrà al governo saremo una nazione allo sbando

Antonio43

Lun, 29/05/2017 - 15:43

In Germania l'alternanza scuola lavoro è tale che se sei un ottimo studente e se superi certi esami, perchè non basta, ti selezionano tra i migliori, sei già stipendiato dalla ditta dove alla fine degli studi andrai a lavorare. Non rompono le palle con la cultura rom, ma come si fa ad essere così ridicoli, daltronde abbiamo un ministro dell'istruzione con la licenza media inferiore....forse!

Ritratto di dr.Strange

dr.Strange

Lun, 29/05/2017 - 16:40

l'alternanza scuola-lavoro sfornata dal nostro geniale governo serve solo a far perdere ai ragazzi un mese di lezione. gli stages, per quelli bravi, si organizzano d'estate e per un paio di settimane (basta ed avanza). la grande maggioranza viene semplicemente parcheggiata in ditte di parenti a girarsi i pollici. portarli in un campo zingari, però, è semplicemente leonardesco! e perchè non portare le alunne da delle prostitute per insegnar loro un mestiere di successo?

polonio210

Lun, 29/05/2017 - 16:42

Il prossimo stage lo faranno fare presso una associazione pedofila o presso quella che propugna l'antropofagia l'incesto o il matrimonio tra un umano ed un appartenente al regno animale?Anche queste due categorie sono delle minoranze,perciò meritevoli di essere conosciute per arricchire il bagaglio culturale dei nostri giovani per migliorare il loro rapporto con l'alternanza studio/lavoro......

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 30/05/2017 - 00:04

Così come è l'alternanza scuola-lavoro non va bene. Non è utile a nessuno. Altro buco nell'acqua fatto dai sapientoni.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Mar, 30/05/2017 - 07:54

Mi sovviene il caso che quando organizzazioni umanitarie chiesero, tramite la Croce Rossa Internazionale, di andare a verificare le condizioni degli internati nei vari campi di concentramento nazisti i loro rappresentanti furono "dirottati" presso un centro appositamente allestito in cui i reclusi apparivano al pari delle comparse di un nostrano presepe natalizio ... una pace e una vita idilliaca. Fu dato loro un esemplare modello didattico da divulgare nel mondo democratico di quei tempi.

Una-mattina-mi-...

Mar, 30/05/2017 - 10:05

QUESTO SI' CHE E' UNO STAGE CHE PERMETTE DI APRIRE MOLTE PORTE!