Dietro i giovani, il nulla

La vera offesa, la vera intolleranza sono nella presunzione di essere migliori, nel proporsi come diversi, freschi e nuovi, senza rispetto per gli altri e per la esperienza, bollati come il «vecchio». Il disprezzo per il vecchio è una espressione di mentalità fascista. I vecchi vanno rispettati, venerati, protetti. E invece i finti giovani si vantano di essere nuovi e della loro inesperienza. Si vantano di una storia che sarebbe solo loro, e di un programma che sarebbe «approfondito» solo perché è il loro, mentre il nostro sarebbe «fantasioso». Bene, noi siamo per i vecchi, per l'esperienza, per la fantasia. Solo loro sono nuovi, solo loro sono giovani. Chissà perché allora io che sono vecchio vedo «persone», non giovani o vecchi, non uomini e donne, non eterosessuali o omosessuali; ma uguali. Ecco: noi siamo anche uguali. Uguali. Non diversi. E non distinguiamo il mondo in giovani e vecchi. Ma in bravi e incapaci, in esperti e inesperti. Il nuovo in sé non è un merito. Come non lo è essere giovani. E non è una colpa essere vecchi. È nuovo chi si autoproclama nuovo, senza neppure essere giovane? Diverso, essendo uguale? A noi importano esperienza, conoscenza, amore. Il loro nulla si chiama «nuovo». Il loro vuoto si chiama «svolta». Per noi conta la Storia, non le svolte. L'uguaglianza, non la diversità. Il rispetto della tradizione, che loro chiamano «il vecchio». Ai migliori, ai nuovi, ai diversi, voglio rispondere con i versi di un grande poeta, Sandro Penna: Felice chi è diverso essendo egli diverso. Ma guai a chi è diverso essendo egli comune.

Commenti

Tip74Tap

Gio, 31/05/2018 - 15:39

Effettivamente nelle svolte tu sei proprio bravo ... Aloha! youtube.com/watch?v=4-BnSl5mTyw

Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Gio, 31/05/2018 - 15:57

Dott. Sgarbi se pensava che essere giovani fosse difficile essere vecchi lo è molto di più, ai vecchi non si perdona nulla e come diceva Sartre una volta morti "nous sommes proies des vivants"

Ritratto di onefirsttwo

onefirsttwo

Gio, 31/05/2018 - 16:28

I giovani sono lo specchio dei vecchi : se i vecchi sono vecchi , anche i giovani cresceranno vecchi . E' per questo che il giovane deve riflettere sulla bontà del vecchio , e se del caso andare da solo per la sua strada . Nella maggior parte dei casi conviene andare da soli : chi non lo fa , è già vecchio . Onefirsttwo , sempre a tua disposizione . Yeeeeeeeeeeeeeaaaaaaaaaaaaaaaaahhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh .

davide campa

Gio, 31/05/2018 - 16:58

...Sgarbi, stai valutando la possibilità di scrivere su questa rubrica, la mattina? (ecco perchè Sgarbi quotidiani andava in onda prima!!)

Ritratto di Professor...Malafede

Professor...Malafede

Gio, 31/05/2018 - 17:04

Sgarbi ha ragione da vendere.

Exoticman

Gio, 31/05/2018 - 17:35

Ti stimavo quando facevi il critico d'arte, poi pero' sei diventato un camaleonte...

pilandi

Gio, 31/05/2018 - 18:11

Posso rispondere ai suoi versi con una citazione di EeLST: "Disse la vxxxa al mxxo:"Oggi ti puzza il cxxo!" Rispose il mxxo alla vxxxa: "Ho appena fatto la cxxxa!" In quanto a spessore poetico sono simili.

Joe Larius

Gio, 31/05/2018 - 18:17

Sono nato nel 1925. Nella società in cui sono nato, rispettare, aiutare e proteggere i vecchi faceva parte dei nostri compiti primari.

neucrate

Gio, 31/05/2018 - 18:37

Le ricordo solo che Di Maio, quello che è stato in grado di umiliarla alle scorse elezioni, farà il ministro

Ritratto di Leo Vadala

Leo Vadala

Gio, 31/05/2018 - 18:54

Sig. Sgarbi: L'Italia e' stata governata fino a pochi anni fa da i "vecchi". E l'hanno ridotta al "nulla". Credo sia opportuno dare ai "giovani" la possibilita' di far vedere di cosa sono capaci. Puo' anche darsi che falliranno pure loro, ma e' praticamente impossibile che facciano peggio dei "vecchi"

Ritratto di adl

adl

Gio, 31/05/2018 - 19:01

Perchè "dietro" ai giovani e non davanti Sgarbi ???? Dietro c'è la famiglia o la scuola o solo in casi eccezionali però, la chiesa o quel che resta di queste. Davanti c'è un mondo: FACEBOOK,INSTAGRAM,WHATS APP, Internet ......i selfie e purtroppo talvolta il loro tutto è questo.

Ritratto di babbeipersempre

babbeipersempre

Gio, 31/05/2018 - 20:11

Eh si ...e una rondine non fa primavera e moglie e buoi dei paesi tuoi. Ommemmerd

antonellielio

Gio, 31/05/2018 - 21:40

come distinguere i veri profeti da quelli falsi ? Nostro Signore Gesù Cristo 2018 anni fa rispose : dai FRUTTI . La bontà di un albero si riconosce dai frutti.

Ritratto di scappato

scappato

Gio, 31/05/2018 - 22:15

Dunque, fra Mattarella e Savona lei e' dalla parte di Savona. Bravo, condivido in pieno.

Arch_Stanton

Gio, 31/05/2018 - 23:25

Bravissimo Vittorio, non è sopportabile la demonizzazione dei vecchi. I vecchi sono quelli che hanno reso l'Italia la 5° potenza economica mondiale.

masso4321

Ven, 01/06/2018 - 01:58

Sgarbi lei forse oggi sarebbe un anonimo e rispettabilissimo funzionario statale se nel 1990 all'età di 38 anni non avesse augurato la morte all'allora 69 enne Federico Zeri dal palco del Maurizio Costanzo Show. L'inizio della sua popolarità e della sua versatile carriera di opinionista e politico ebbe inizio da quell'episodio. Lei nella forma e nell'intensità di quel linguaggio fu un precursore. Un protogrillino. Quella passione e quell'intensità diedero a lei la possibilità d'esibire le sue doti e il suo spessore. Ma senza quella spallata...lei forse quella chance non l'avrebbe mai avuta. Lei oggi...è dall'altra parte. E' un vecchio. E in questo mondo.... i giovani hanno sempre fatto questo: dato spallate.Sono impulsivi?Sono arroganti?Sono troppo inesperti e impreparati? Cerchi d'indirizzarl a un confronto e non solo con un appello al rispetto ma anche con una cambiale di fiducia. Perchè lei ha il vantaggio d'essere stato da entrambe le parti.

colomparo

Ven, 01/06/2018 - 13:12

Se i giovani dovessere prendere come esempio da imitare il Dott. Sgarbi siamo messi veramente male. Un personaggio senza alcun autocontrollo che scatena regolarmente delle risse nelle trasmissioni alle quali partecipa dovrebbe darsi una mossa e cercare di recuperare un minimo di senso della misura ! Il disprezzo gratuito di tutti quanti che non la pensano come lui è inaccettabile !

Agev

Ven, 01/06/2018 - 13:13

Caro Vittorio tutto ciò che affermi appartiene a tutte le " nuove " generazioni e vedo che non vai oltre le apparenze .. In questo sei diventato " vecchio "... La cosiddetta regressione è ancora per poco la normalità nel tempo lineare. Affermi - l'uguaglianza , non la diversità - ... Caro Vittorio .. L'uguaglianza nella diversità ed Unicità . Nel Unità l'unicità è l'essenza della Creazione. L'Entità Uno porta l'espressione l'esperienza conoscenza della propria Unicità nel Tuto Uno. Grande rispetto e riconoscenza della tradizione nella trasformazione. Caro Vittorio la vera Saggezza sta nascendo solo Ora sulla Terra. Giustamente vi aspettate la saggezza nei vostri libri religiosi , nelle riviste scientifiche e nei discorsi filosofici , ma questa non è la vera Saggezza che appartiene alla specie . La differenza è semplice ed essenziale: la vera Saggezza non divide la specie umana.. La Unisce . Caro Vittorio.. Segue G/o

Ritratto di Angelo Rossini

Angelo Rossini

Ven, 01/06/2018 - 13:22

Si sente e "si vede" che Vittorio non conosce i giovani. Ragiona da vecchio, come in arte. Costruisce le sue verità perchè non riesce a vedere l'essenza, l'anima.

Agev

Ven, 01/06/2018 - 13:22

Dicevo .. Caro Vittorio osserva bene oltre ed al di la delle apparenze le nuove nate generazioni.. Non vedi .. Hanno un rapporto completamente diverso con la realtà .. Hanno già la nuova conoscenza e Saggezza .. E saranno proprio le nuove tre generazioni che trasmuteranno in un attimo tutta la realtà mondo. Di fatto nella nuova potentissima energia/realtà che è in essere divenire ognuno di voi/noi deve dimenticare o disimparare l'imparato... Non le serve più . Con affetto .. Gaetano

titina

Ven, 01/06/2018 - 13:24

io lo noto in tutti i campi, soprattutto nel campo della medicina, purtroppo: non ci sono più i medici di un tempo ( o sono rari): bravi e umani.

Ritratto di ersola

ersola

Ven, 01/06/2018 - 14:35

oh pure sgarbi non si può contraddire che ti censurano....però dovremmo chiedere alla buon'anima di Federico Zevi cosa pensò di sgarbi quando era giovane, a proposito del rispetto per i più anziani.

Ritratto di donat71

Anonimo (non verificato)

edo1969

Ven, 01/06/2018 - 20:02

chi è federico zevi?

Ritratto di rapax

rapax

Sab, 02/06/2018 - 08:19

Sgarbi purtroppo ragionamento da vecchio..non e un male intenfdiamoci, ma rispecchi appieno quell ancorarsi alle proprie questioni tipiche dei vecchi...il tempo e' passato pure per te purtroppo, fattene una ragione e calma occhio alla pressione

Gianni11

Sab, 02/06/2018 - 12:37

Sradicare i popoli europei dalla loro storia secolare ( nel nostro caso millenaria ) e' stata la tattica social-politica della Scuola sinistroide di Francoforte, implementata dagli invasori (non liberatori) americani nel dopoguerra. Solo cosi' i nostri popoli e nazioni potevano essere ridotte da potenze prima della guerra a nullita' oggi. Riagganciarci alla nostra storia ed identita' sono atti pericolosi....per i globalisti.

Anonimo (non verificato)