Dimesso e poi operato d'urgenza a Firenze: principio di emorragia per un bimbo di 7 anni

Un bambino di 7 anni, dopo una brusca botta alla testa presa durante una festa, è stato dimesso dal pronto soccorso di Empoli per poi essere operato d'urgenza all'ospedale pediatrico Meyer di Firenze: riscontrato un principio di emorragia

Un bimbo di 7 anni, dopo essere stato dimesso dal pronto soccorso di Empoli, è stato operato d'urgenza alla testa all'ospedale pediatrico Meyer di Firenze. Si sarebbe riscontrato un principio di emorragia, causato da un brutale impatto durante lo svolgimento di una festa.

Parla il padre

Secondo quanto testimonia il padre del piccolo alla redazione de Il Tirreno, al San Giuseppe gli avrebbero solamente dato una tachipirina: qui sarebbe stato rimandato a casa al termine degli accertamenti durati un'oretta. Il genitore ha poi aggiunto: "Se non l’avessi portato di corsa al Meyer ora sarei qui a piangere la morte di mio figlio. Non voglio fare polemica, ma nemmeno essere preso in giro. Non è vero che siamo stati avvertiti che mio figlio poteva peggiorare. Anzi, in realtà non è stato nemmeno visitato completamente. Hanno detto che era troppo agitato. Il medico gli ha dato una tachipirina, mi ha detto di riportarlo a casa e che aveva avuto solo un bello spavento".

La nota dell'Asl

L'Asl Toscana Centro ha tenuto a precisare che si è trattato di "un'evoluzione" e di conseguenza "i genitori si sono rivolti all’Aoup Meyer". Nella nota si legge: "Il bambino era stato condotto dai genitori al pronto soccorso di Empoli sabato alle 19.18, e dopo pochi minuti, veniva visitato dal medico che non rilevava deficit neurologici e prescriveva un trattamento sintomatico. Il piccolo non veniva sottoposto a tomografia computerizzata perchè i protocolli nazionali indicano di valutare la gravità clinica del caso prima di esporre a rischio radiante i pazienti in età evolutiva". Alle 21:08 il bimbo è stato dimesso.