Dio non vuole pigrizia ma bellezza

Ha ragione Oreste Rutigliano: «preghiamo sommessamente di buttare via quel dozzinale arnese, che non è frutto nemmeno di un gesto creativo ma di mera pigrizia mentale, acquistato al più vicino negozio di ferramenta». Si riferisce all'incredibile corrimano, montato al centro della scalinata della cattedrale di San Lorenzo a Genova, simbolo di sciatteria e di mancanza di riguardo, non solo per l'architettura, ma anche per il sacro che chiede rispetto per la bellezza in cui si esprime la riconoscenza dell'uomo a Dio. La ringhiera Inox esprime invece disprezzo, come una bestemmia in chiesa. Il 7 febbraio dovrò essere, con il cardinal Angelo Bagnasco, in quella cattedrale; e troverei riguardoso, prima per lui che per me, che quell'attrezzo fosse tolto ,pensando alla vertigine di Dio che, nelle chiese, ci induce ad innalzare il pensiero verso di lui anche attraverso la meraviglia dell'architettura, nel suo slancio, nella sua solennità, così come attraverso la perfezione delle sculture e delle pitture. I portali di San Lorenzo sono espressione di un pensiero creativo così alto che non merita di essere involgarito dalla sciatteria e dalla «pigrizia mentale». Dio non vuole pigrizia, ma chiede agli uomini intransigenza, convinzione, fede in Lui che è tutta la bontà e tutta la bellezza. E questo celebrano i suoi santuari. Platone scriveva: «la bellezza è lo splendore di Dio». Dobbiamo rispettarla, non diminuirla.

Commenti

manfredog

Sab, 03/02/2018 - 16:59

..Italia di oggi..!?..'Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir viltate e sonnolenza'. mg.

Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Sab, 03/02/2018 - 20:46

INSERISCO QUI LA PARTE FINALE DEL MIO COMMENTO NON PUBBLICATO NEL PRECEDENTE ARTICOLO. CI TENGO A CHE SGARBI LO LEGGA. -- 2° - A quanti amano Sgarbi, procura un dolore enorme vederlo saccheggiare le limitate risorse fisiche che lo sorreggono tutte le volte che si scatena come un frankenstein impazzito. Perchè viviamo nel terrore di vederne la traumatica fine sotto i nostri occhi. -21,42 - 2.2.2018 //20,45 ---3.2.2018

venco

Sab, 03/02/2018 - 21:52

Dio vuole anche che ci accontentiamo di quel che abbiamo, e non essere egoisti.

moichiodi

Sab, 03/02/2018 - 21:52

Ma cosa ne sa di Dio Sgarbi, che si crede il dio in terra. Mulinando con arte parole e paroloni.

maria angela gobbi

Dom, 04/02/2018 - 00:12

le rinnovo l'invito:si faccia promotore dell'obbligo di un'ora(periodicità da studiare) di BELLEZZA in tutte le Scuole italiane:ARTE LETTERATURA MUSICA,non spiegata ma mostrata,senza obbligo di compiti esami interrogazioni,solo mettere tutti a conoscenza dell'esistenza della BELLEZZA.

routier

Dom, 04/02/2018 - 09:36

Beato e presuntuoso chi crede di parlare in nome di Dio (il quale è imperscrutabile per definizione) tuttavia spero che il Creatore voglia guardare in modo compassionevole i difetti degli umani.

pasquinomaicontento

Dom, 04/02/2018 - 12:37

Vedo con quasi sadico piacere che i miei commenti cònteno come er due de coppe quanno regna bastoni...vedo che la maggioranza, se non tutta la congregazione dei riti di santa romana ecclesia,che ancora se rivorge a dio, come se esistesse un dio e la sua favoletta che, a chi dà e a chi promette, senza mai raggiunge uno scopo,che è uno, uno solo, quello de brucia vivo chi ancora crede ar diavolo...E Giove,che ciaveva ne la mano- Tutta l'azienda elettrica celeste-Viveva fra le nuvole e da queste-Furminava la gente da lontano-D'accordo co' Nettuno e co' Vurcano-Faceva l'uragani e le tempeste-Pe' sconocchià li boschi e le foreste-E spaccà le le montahne a tutto spiano-Se sà: sò' tutte pappole,ch'ormai-Fanno ride li polli,ma l'antichi-Se l'ereno bevute bene assai-Questo vordì che l'ommini sò pronti,-A crede a tutto quello che je dichi-E a qualunque fregnaccia jaricconti.Peccato che Trilussa è morto troppo presto...

Agev

Mar, 06/02/2018 - 16:57

-Sorgente Primaria - Il mio messaggio centrale - La Sorgente Primaria è tutti noi . E' il Noi Collettivo . Non è un Dio che vive in una qualche remota regione dell'universo. Io dimoro in una frequenza di luce dove gli esseri finiti non possono scoprirmi. Se mi cercate , fallirete . Io non sono trovato o scoperto . Sono solo compreso nell'essere-Uno, nell'unità e nella Totalità . E' proprio lo stesso essere-Uno che sentite quando siete interconnessi con tutta la vita , perché io sono questa e questa soltanto:Io sono tutta la vita. Se dovete cercarmi , allora praticate il sentimento dell'Unità e Totalità. Quindi : -Sol- Solo l'Unità nel/del uomo sa/saprà tradurre in realtà le Reali Leggi Naturali e Cosmiche che lo governano ed alle quali appartiene in armoniosa coerente Bellezza con la Legge del Uno Unità Unicità Totalità .Pertanto Caro Vittorio..Segue..Gaetano

Agev

Mar, 06/02/2018 - 17:14

Il Dio della Gerarchia di tutte le chiese e di tutte le religioni al quale ti riferisci è solo una piccola distorta mistificata concettualizzata e razionalizzata comprensione/incomprensione della più vasta realtà che tutto Unisce e Unifica della Legge del Uno Unità Unicità Totalità . E' solo l'ombra di "Dio" .. O meglio della Sorgente Primaria . Solo vivendo/divenendo un Unità di mente-corpo-vita o spirito si accede alla reale comprensione della -Sorgente Primaria - che non è il Dio adorato e pregato da tute le chiese e religioni che in quanto tali vi tengono volutamente divisi per eternizzare sé stesse e la sua stessa ombra. Trovo giusto sottolineare questa essenziale differenza e comprensione. Con Affetto . Gaetano

Agev

Mar, 06/02/2018 - 17:58

La Sorgente Primaria non è una manifestazione , ma è piuttosto una coscienza che alberga tutto il tempo , lo spazio ,l'energia la materia ,la forma e l'intento; ed è anche tutto il non-tempo , il non-spazio , la non-energia, la non-forma e il non-intento. E' l'unica coscienza che unifica tutti gli stati dell'essere in un solo Essere. E questo Essere è la Sorgente Primaria. E' un'esplicabile coscienza che cresce e si espande e che organizza l'esperienza collettiva in tutti gli stati dell'essere in un piano di creazione coerente: l'espansione e la colonizzazione della creazione nella Realtà Sorgente , la dimora della Sorgente Primaria. D.S.V.C. Gaetano

Agev

Mar, 06/02/2018 - 18:10

Nel paradigma del Un Essere l'individualità si rafforza ed è semplicemente allineata con un fine collettivo , e questo fine è esplorare e condividere con tutto il creato la Saggezza del Un Essere accumulata attraverso la creazione. Ciò non significa che l'umanità avrà una mente collettiva , come viene rappresentato nella fantascienza. L'anima del Un Essere è un'entità connessa che opera come un corpo unificato di creazione coerente allineato alle frequenze superiori generate dalle dimensioni di non-tempo , non-spazio e non-materia . D.S.V.C. Gaetano

Agev

Mar, 06/02/2018 - 18:21

Questo cambiamento della coscienza fa parte di un più ampio disegno di cambiamento galattico, che a sua volta fa parte di un più vasto cambiamento cosmico che attraversa dimensioni multiple di tempo/spazio. E' vasto quanto è possibile concepirlo nel più lucido stato di sincronia cuore-mente (Mente Superiore) . Una delle ragioni per cui la Meravigliosa Terra è ora popolata da oltre 6,5 miliardi di persone è che essa è il teatro degli interessi di una grande varietà di Esseri Cosmici incarnatesi per aiutare e osservare questa transizione planetaria o salto quantico evolutivo. Ognuno di voi ne fa parte , specialmente se state leggendo queste parole , poiché esse rientrano in una Stringa d'Evento che ha il fine di allineare gli individui a questa Meravigliosa Impresa. D.S.V.C. Gaetano

Agev

Mar, 06/02/2018 - 20:04

Io/Noi uomini senza età e senza tempo sappiamo molto bene di vivere in disparte .Io/Noi siamo Iperborei. Io/Noi siamo Soli Stelle vibranti e danzanti .Ne per terra ne per acqua troverai la via che conduce a noi. Al Di La del Nord.. Al Di La dei ghiacci.. Al Di La della morte la nostra vita gioia bellezza Unità Unicità Totalità . Noi sappiamo chi siamo e da dove veniamo. Io/Noi abbiamo penetrato nelle radici della Mente superiore la cancellazione della memoria che ci tocca quando ci incarniamo qui e pertanto abbiamo memoria consapevolezza scienza conoscenza di tutte le nostre incarnazioni sulla Terra... Su altri pianeti e delle dimensioni da cui veniamo. Ci incarniamo qui sulla meravigliosa Terra per onorare la nostra reale natura divina e cosmica e pertanto per vivere far-vivere nel Qui ed Ora-Ciò Che E'- e tradurlo in realtà . Con Affetto ... Gaetano

Agev

Mar, 06/02/2018 - 20:24

A questo punto andiamo oltre. Andiamo Al Di La(non nell'aldilà).. Al Di La dove nessun piede umano ha camminato e dove tutta l'umanità che lo comprenda o meno che lo voglia o meno è diretta. Tutto scorre e diviene in un eterno presente. Questo è il luogo dove vive il non-tempo il senza-tempo e dove il micro e macro cosmo divengono Uno Unità Unicità Totalità. Il sotto come il sopra e viceversa. Lasciamo andare lasciamo scorrere lasciamo divenire lasciamo che sia come sia ed il tutto ci condurrà in quei luoghi dove -Ciò Che E'- è veramente -Tutto Ciò Che C'è - divenendo i Vecchi Nuovi Meravigliosi Infiniti dalle Infinite Inimmaginabili possibilità/creatività Gioiosi Festanti Danzanti e Potentissimi Creatori della Realtà/mondo . Questo Io Sono/Noi Siamo. Il Vecchio/Nuovo Rinascimento che i nostri Padri hanno iniziato e che noi portiamo a termine come Eterna Realtà in Terra. Tu Stesso ne sei parte con - Rinascimento- Segue .. Gaetano

Agev

Mar, 06/02/2018 - 20:50

Dicevo .. Io Sono/Noi Siamo . Voi l'avete semplicemente dimentica e rimosso. Io sono nel Qui ed Ora a ricordarvelo perché possiate nuovamente divenirne consapevoli e vivendo e passando attraverso il processo evolutivo o salto quantico di essere-vivere-divenire dei Sovrani Integrali e Tutti insieme con Unità Di intenti intenzioni azioni sciogliere per l'eternità il velo/muro del illusione della realtà che tutti voi/noi mantenete inconsciamente vivo ed in essere. Così è Già.. Così Sarà.La nuova realtà. E'sarà solo l'inizio della cosiddetta e così a lungo profetizzata ma incompresa e distorta - Età dell'Oro -. Questo viene chiamato il Gran Portale.. E' Il Portale fra i mondi. La nostra reale Casa Multidimensionale. E' previsto che succeda poco prima o dopo o in un attimo (è così che funziona ) per il 2080 perché questa realtà è stata ancorata per la prima volta nel 2008e viene chiamato il primo Crac..Il Crac Umano . Con Affetto... Gaetano

Agev

Mer, 07/02/2018 - 01:43

Egregio Vittorio Sgarbi giusto per essere chiaro diretto essenziale: Jeshua il Cristo è il Gran Portale. risto è il portale fra i mondi e lo sta aiutando e realizzando nel fisico e nel non-fisico e negli ultimi vent'anni si è interfacciato con la scienza conoscenza dei Primi Esseri o Razza Centrale perché tutti i protocolli e stringhe d'evento progettate e non-progettate conducano a questo e non la dottrina nata dal suo nome che essenzialmente è esattamente il Suo opposto.Quindi bisogna essere divenire dei Principi/Signori/Maestri..Degli Akhenathon.. Dei Cristi(Verrà il tempo in cui sarete e farete cose più grandi di me)..Dei Budda...e oltre dei Sovrani Integrali. Questo è il tempo.. Il salto quantico evolutivo dal concetto pensiero realtà di sopravvivenza evoluzione salvezza in - Trasmutazione Maestria-. Questo è ciò che è in essere/divenire . Nessuna rivoluzione ma Trasformazione Maestria che nel breve soffio..Segue ..Gaetano

Agev

Mer, 07/02/2018 - 02:02

Che nel breve soffio di un attimo trasmuta tutta la realtà/mondo. Le prossime tre/quattro generazioni incarnate trasformeranno tutta la realtà . Molti di voi viventi ora ne fa/farà parte . Comincerà con uno dieci mille un-milione dieci-milioni un-miliardo e così via .. Il resto verrà da Sé . Le dirò di più... Saranno proprio le chiese e religioni organizzate che si uniranno per contrastare questa potentissima realtà e guarda caso faranno proprio la cosiddetta parte del Anti-Cristo. Noi però saremo li sull'orlo del Gran Portale perché tutto si realizzi come da programma... E così E' .. Così Sarà. Buona Notte.. Con Affetto .. Gaetano . Ps: Il Gran Portale assomiglierà di più ad un collasso di tutta la vecchia realtà dove degli esseri Infiniti dalle infinite inimmaginabili possibilità creatività viventi in uno strumento umano si chiederanno che cosa sia successo. Gaetano