Quel diritto prevalente che calpesta la Carta

L'accoglienza ha un primo presidio nei valori cristiani; poi nei principi costituzionali. Destra e sinistra sembrano ignorare l'articolo 10 della Costituzione: «La condizione giuridica dello straniero è regolata dalla legge in conformità delle norme e dei trattati internazionali. Lo straniero, al quale sia impedito nel suo paese l'effettivo esercizio delle libertà democratiche garantite dalla Costituzione italiana, ha diritto d'asilo nel territorio della Repubblica, secondo le condizioni stabilite dalla legge». Da qui risulta evidente che il primo impegno è dello Stato, degli Stati. Gentiloni ha dichiarato: «Non possiamo accettare l'idea che un Paese si tiri fuori dalle responsabilità comuni sul tema dei migranti. Ognuno deve fare la sua parte, nessuno può pensare di usare una parte dello schema euro», scaricando sull'Italia un impegno economico ed etico che è dell'Europa.

Gli enti locali devono invece garantire la sicurezza e il lavoro ai propri cittadini, che hanno nel sindaco il loro civico primo rappresentante. Il sindaco concerta con il prefetto gli strumenti per contrastare la criminalità, la cui radice è connessa alle difficoltà di trovare lavoro. Nessuno straniero deve avere un diritto prevalente su un italiano, nelle offerte e nel diritto al lavoro, come garantisce l'articolo 1 della Costituzione. Lo straniero o il profugo ha diritto all'assistenza. Gli extracomunitari assistiti devono assumere l'impegno di contribuire al decoro e alla pulizia della città, loro nuovo giardino. E il lavoro rappresenta il loro riscatto e la nostra sicurezza.

Commenti
Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Sab, 05/05/2018 - 17:20

Sgarbi deve avere preso una botta in testa. "Lo straniero o il profugo ha diritto all'assistenza" non confondiamo le due cose . Sarebbe come confondere un affresco ed un dipinto da cavaletto, chiaro Dott.Sgarbi ? Non c'è scritto da nessuna parte che lo straniero ha diritto all'assistenza, ne ha diritto lo straniero a cui è riconosciuto lo status di rifugiato. Lo straniero migrante economico non ha nessun diritto all'assistenza pubblica italiana. Solo i rifugiati hanno dei diritti tutti gli altri a casa loro subito.

Ritratto di Contenextus

Contenextus

Sab, 05/05/2018 - 19:29

Ci deve essere un limite all'accoglienza, un numero. A tutto esiste un limite. Gli abitanti della penisola italiana ne hanno piene le scatole di accoglienza a piè di lista. E hanno ragione. Le previsioni costituzionali non sono un feticcio intoccabile. Vanno cambiate se il prezzo è la vita, la libertà, la proprietà della gente comune che vive in italia.

Pigi

Sab, 05/05/2018 - 19:45

Questo articolo della costituzione era evidentemente previsto per singole personalità costrette ad emigrare: i fratelli Rosselli e altri fuoriusciti durante il fascismo era l'esempio. Più tardi ricordiamo Jiri Pelikan, cecoslovacco attivista sotto il comunismo, accolto ed eletto in Italia. Non riguarda intere popolazioni di decine di migliaia di persone, perché in quel caso si deve parlare di invasione, non di asilo politico, e non c'entra niente con l'articolo 10. Ci vuole buon senso anche a leggere la costituzione.

Altoviti

Sab, 05/05/2018 - 20:55

L'Italia deve uscire dalla convenzione sui migranti e va modificata la caostituzione, si vede che quell'articolo porta a troppi abusi e danneggia il popolo italiano ed i suoi oriundi. Da non dimenticare gli italiani all'estero e gli oriundi che sono oltre 80 milioni: l'Italia non ha bisogno di migranti, anzi ha troppa gente fuori e sono loro che dobbiamo far tornare in patria, è un dovere morale e di fratellanza verso gli italiani che hanno dovuto lasciare la Patria Terra.

liberty+life

Sab, 05/05/2018 - 23:28

Rimandarli a casa loro, tutti, subito, e a loro spese.

Ritratto di abj14

abj14

Lun, 07/05/2018 - 12:08

Non sono mai stato d'accordo con Sgarbi in merito al citato articolo 10 della Carta più bella [?] del mondo. Tra l'altro, quando venne inventata questa genialità, fu subito dopo la 2a guerra e, immagino, a causa di possibili profughi dall'Est bolscevico. L'Africa non penso sia stata oggetto di riflessione nonostante il bieco contesto ancora coloniale.

Valvo Vittorio

Lun, 07/05/2018 - 14:06

I principi costituzionali sono nati prima del governo europeo. Molti di detti principi sono un mix del vivere civile rifuggendo governi dittatoriali e conciliando principi cattolici; la pena di morte è stata abolita dalla Chiesa solo alcuni mesi addietro! L'unione europea può rafforzarsi contemperando un comune sentire: la furbizia e le imposizioni non portano nulla di costruttivo. In altri termini le invasioni selvagge portano solo l'imbarbarimento di un popolo e quindi all'anarchia! Questo è ciò che avviene ogni giorno.

dank

Lun, 07/05/2018 - 19:10

molto semplice: ci sono migranti economici e richiedenti asilo. I veri richiedenti asilo (in passato ex jugoslavia, Cile, Argentina, Ungheria, Cecoslovacchia) ne hanno diritto i migranti economici che richiedono asilo per stare qui a sbaffo a ingolfare i nostri tribunali con ricorsi e sapendo che non abbiamo le risorse per mandarli a casa nè le palle per scoraggiare le partenze vanno combattuti: loro e tutta la filiera che ci mangia sopra dai finti filantropi speculatori, alla ong agli scafisti ai politici sinistri incoscienti

Gibulca

Lun, 07/05/2018 - 22:55

Vado dicendo da almeno 20 anni che l'articolo 10 della Costituzione va cambiato, se non abolito del tutto. E con lui numerosi trattati. Infatti su 1 miliardo di bonga bonga africani, ad almeno 900 milioni non sono garantite le libertà democratiche. Senza contare 1 altro miliardo in Asia. E allora? Vogliamo accoglierli tutti e farli dormire sotto le nostre meravigliose opere d'arte? No no no: questa è una invasione e come tale va trattata. L'Europa va ai bianchi o a sparute minoranze africane in grado di contribuire al nostro progresso.

Bellator

Mar, 08/05/2018 - 19:21

Quali migranti!!,sono tutti clandestini, passa parola, andiamo in Italia, dove vivremo a loro spese, vita natural durante!!.Tra questi clandestini, si nascondono delinquenti come quelli che hanno pestato il poliziotto ed il Capo Treno; una domanda mi pongo!!,se il tutore dell'ordine era armato,perché non ha messo una pallottola in fronte ad ognuno di questi nxxxi-scimpanzé??.

vincegriso

Mer, 09/05/2018 - 13:44

Leggo con molta attenzione sia gli articoli che i commenti, moltissimi dei quali molto validi. L'intervento di Pigi, oltre che da condividere, sembra più illuminante dell'articolo su quanto si intendeva nella Carta Costituzionale per accoglienza.