Divorzio, ora l’assegno è da calcolare in base al tenore di vita familiare

La decisione della Corte di Cassazione: "Si deve adottare un criterio composito che tenga conto di più fattori". Ecco cosa cambia

Se state affrontando il divorzio, drizzate le antenne. Già, perché da oggi per il calcolo dell'assegno famigliare in caso di separazione si deve tenere in considerazione che "il contributo fornito alla conduzione della vita familiare costituisce il frutto di decisioni comuni di entrambi i coniugi, libere e responsabili, che possono incidere anche profondamente sul profilo economico patrimoniale di ciascuno di essi dopo la fine dell'unione matrimoniale". Chi lo dice? La suprema Corte di Cassazione.

Novità sul divorzio

Così, una recentissima sentenza degli "ermellini", di fatto, stabilisce che "i fini del riconoscimento dell'assegno, si deve adottare un criterio composito che, alla luce della valutazione comparativa delle rispettive condizioni economico-patrimoniali, dia particolare rilievo al contributo fornito dall'ex coniuge richiedente alla formazione del patrimonio comune e personale, in relazione alla durata del matrimonio, alle potenzialità reddituali future ed all'età dell'avente diritto".

In sostanza, la decisione dei giudici della Cassazione sancisce che il parametro con il quale deve essere calcolato l’assegno di mantenimento "si fonda sui principi costituzionali di pari dignità e di solidarietà che permeano l'unione matrimoniale anche dopo lo scioglimento del vincolo". Ciò dal momento che"all'assegno di divorzio deve attribuirsi una funzione assistenziale e, in pari misura, compensativa e perequativa".

Commenti

clz200

Mer, 11/07/2018 - 13:10

Naturalmente queste anime candide non si chiedono la ragione per cui i matrimoni sono in calo e le unioni in aumento, a meno che è loro intenzione abolire il matrimonio

Ritratto di Svevus

Svevus

Mer, 11/07/2018 - 13:32

Il matrimonio è stato assassinato !

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Mer, 11/07/2018 - 13:33

Il sistema migliore è quello della Russia ove il matrimonio e patrimonio sono condivisi in comunione di beni. In caso di divorzio si divide tutto a metà, soldi case e figli. E non se ne parla più.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mer, 11/07/2018 - 13:33

Ciao, che fai di lavoro? Faccio il cassiere al supermercato. Ah scusa, non mi interessi, voglio uno con un patrimonio sostanzioso, sai com'è, un domani non si sa mai....

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Mer, 11/07/2018 - 13:42

L'URSS esportava il femminismo per combattere la guerra fredda contro l'occidente. Quindi pagava Marcuse e il PCI, cui si univa Aldo Moro "convergendo parallelamente" su Mosca, per foraggiare l'imperialismo vaticano e innescando la guerra tribale BR per cui restava ucciso. Infatti la legge del divorzio era firmata da Andreotti.

Ritratto di mbferno

mbferno

Mer, 11/07/2018 - 13:48

Questa storia dell'assegno,indipendentemente dall'importo,è una grossa porcata:se un matrimonio finisce, finiscono diritti e doveri,e con essi anche l'obbligo di mantenimento. Cosa che ricorda molto da vicino l'aspirazione delle risorse africane:essere mantenuti a vita e a sbafo. D'altra parte il concetto stesso di mantenimento e' molto ben accetto negli ambienti sinistri,figuriamoci poi nella magistratura.

Ritratto di venividi

venividi

Mer, 11/07/2018 - 13:50

Saranno - forse - felici i padri svenati che vivono in automobile

rudyger

Mer, 11/07/2018 - 14:03

ma che vor dì ?

libertyfighter2

Mer, 11/07/2018 - 14:05

Tanto non mi sposo uguale.Ma chi si fida di voi giudici? Andate a pettinare il Tevere.

Ritratto di Friulano.doc

Friulano.doc

Mer, 11/07/2018 - 14:13

Sta bene tutto, ma si preveda una prescrizione. Ci sono coniugi che, con la scusa che non trovano lavoro, si fanno mantenere una vita intera. Una prescrizione massima di 5 anni, a mio parere, sarebbe un ottimo compromesso.

frapito

Mer, 11/07/2018 - 14:16

SPOSATEVI, SPOSATEVI, SPOSATEVI ..... CHE VI SISTEMATE ... PER SEMPRE!!!

seccatissimo

Mer, 11/07/2018 - 14:25

A me risulta che abbastanza recentemente vi sia stata una sentenza, non mi ricordo bene se della cassazione o se della corte costituzionale che affermava più o meno il contrario e che l'assegno di mantenimento del coniuge più "abbiente" era dovuto all'altro coniuge solo se questo non aveva reddito oppure un reddito minimo non sufficiente per una vita dignitosa! Sempre più spesso i nostri magistrati si dimostrano essere persone poco affidabili, ballerini, pasticcioni e pure di parte secondo la propria ideologia !

Duka

Mer, 11/07/2018 - 14:26

Quindi la sig.a divorziata che si trova un secondo pollo da spennare ricco o quantomeno benestante (di solito finisce così) con il quale convive stabilmente, venga calcolato come nuovo stato patrimoniale. Quindi considerando la pari dignità e solidarietà se l'ex marito è in difficoltà sarà lei chiamata a contribuire al suo sostentamento. E' così ?

Ritratto di gammasan

gammasan

Mer, 11/07/2018 - 14:30

Io non ci ho capito molto, tranne per il fatto che sposarsi è un grosso rischio per quello dei due coniugi che porta i soldi a casa!

Ritratto di elkid

elkid

Mer, 11/07/2018 - 14:33

--la legge è ben fatta--non ci saranno più rigide e gelide cartelle impersonali di parametri da seguire --ma ogni divorzio avrà una propria peculiarità che tiene conto della storia di coppia--i giudici decideranno caso per caso--un matrimonio mordi e fuggi non sarà considerato alla stregua di un matrimonio lungo--verrà tenuta presente l'età di entrambi i coniugi--la loro capacità lavorativa-le loro risorse-le malattie di entrambi--a chi affidare i figli e così via--non ci saranno più ex mariti che finiranno a vivere in auto e neppure ex mogli cacciate via con un piatto di lenticchie--se si prendono in considerazione matrimoni famosi --per es il cav con la nuova legge sarebbe ancora pesantemente in difetto verso la ex lario--ci siamo capiti--swag

Tip74Tap

Mer, 11/07/2018 - 14:37

Se finisci in tribunale puoi affidarti a un mago o fattucchiera che tanto dipende da cosa hanno mangiato quel giorno i giudici. Io mi fido Z-E-R-O della magistratura al punto che potrei pure azzardare di dire che mi fido più dei politici.... ed è tutto dire.... Per quel che riguarda il divorzio c'è una cosa che non considerano questi mentecatti, ovvero la possibilità di ricrearsi una vita e con queste regole direi che il futuro è molto più roseo per una donna che per un uomo infatti se un uomo ne sbaglia 2 di matrimoni è FINITO mentre una donna potrebbe ballare la macarena a vita.

curatola

Mer, 11/07/2018 - 14:43

chi ha voluto il matrimonio civile é preda degli ermellini oltreché vittima della ex moglie che si approprierà della casa e scoraggerà i figli a vedere il padre. Solo i ricchi possono divorziare. Mi dispiace per gli altri. I giovani sono più accorti e convivono liberamente.

lorenzo3m6n

Mer, 11/07/2018 - 14:48

Mi rivolgo ai maschi; l'unica cosa da fare se si possiede qualcosa è fare una dichiarazione dal Notaio prima del matrimonio, che i beni posseduti antecedentemente rimangono fuori dalla comunione dei beni e soprattutto sposarsi una che lavora ed ha un suo stipendio.

Ritratto di Sergio Sanguineti

Sergio Sanguineti

Mer, 11/07/2018 - 14:49

I soliti zerbini che neppure avvertono più l'appartenenza al genere… Così, i maschietti (ormai pari ad una caccarella di mosca), avranno maggiori possibilità di essere ulteriormente spremuti dalle "divine" che li hanno abbindolati con l'utero… Ad Uterolandia, ormai, appartiene anche il cosiddetto belpaese, da oltre 40 anni. Bravi, compagni, complimenti!

Franck Dubosc

Mer, 11/07/2018 - 14:50

@ seccatissimo questa sentenza è nata dall'esigenza di ovviare ad alcune interpretazioni dell'altra sentenza dell'anno scorso che citava lei, che in alcuni casi erano molto penalizzanti nei confronti della parte debole (non lavorativa). Se ben applicata potrebbe essere la giusta via di mezzo tra il regime passato e la sentenza Grilli Lowenstein (lo dice un fresco divorziato)

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Mer, 11/07/2018 - 14:50

Grazie FACCIONE GIALLO per le delucidazioni non avevamo capito.

audace

Mer, 11/07/2018 - 14:53

Il matrimonio è stato creato per caricarsi sulle spalle il coniuge debole e dargli un posto a vita, con liquidazione e pensione nel caso di scioglimento. NON SPOSATEVI.

flip

Mer, 11/07/2018 - 15:22

dopo che uno è stato preso a calci in faccia dalla consorte deve pure pagare nel caso richieda il divorzio?

diesonne

Mer, 11/07/2018 - 15:28

diesonne l'ermellino divorziato quanto passa alla sua ex?giudice ,ma lo dica,anzi lo pubblichi con sentenza

MASSIMOFIRENZE63

Mer, 11/07/2018 - 15:31

Io non mi sono mai sposato semplicemente perché.... non mi mai voluto nessuna. Certo però ora che sento tante brutte storie di padri separati mi consolo e dico che essere single non è poi così male.

Ritratto di elkid

elkid

Mer, 11/07/2018 - 15:32

---audace--non è come dici---se il tuo matrimonio è durato molto a lugo e la tua consorte per lavarti i calzini e mutande non ha potuto costituirsi una buona posizione lavorativa --è ovvio che i giudici ti imporranno di aiutarla---ma se la tua consorte è ancora nel pieno degli anni--ammettiamo una under 30 --perchè a te sporcaccione piacciono giovani lol---i giudici terranno presente che una donna sotto i 30 ha ancora tutte le opportunità di lavoro intatte e non andranno a sfruculiare molto nei tuoi cc--ripeto--considerare di volta in volta tutti i fattori --senza usare tabelle stabilite --sarà meglio per entrambi gli ex--

paco51

Mer, 11/07/2018 - 16:05

Padre,Figliolo e Spirito Santo: ho fatto il somaro fino a che campo ( formula del matrimonio per le signore).

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mer, 11/07/2018 - 16:17

Mi sembra più corretto.

MARCO 34

Mer, 11/07/2018 - 16:21

Elkid - "per lavarti i calzini e le mutande…". Ma quando mai le donne hanno lavato calzini e mutande dei mariti? Sin dagli anni '50 esistono, anche in Italia, le lavatrici e devo ancora vedere una donna che dopo stiri questi capi. Elkid sveglia!!

Boxster65

Mer, 11/07/2018 - 18:07

Dire che abbiamo una giustizia da quarto mondo è offendere i paesi dell'africa sub sahariana. Ogni giorno la scassazione, la sconsulta e chiunque legifera ed interpreta in maniera diametralmente opposta. Non più di due o tre anni fa Berlusconi condannato ad un vitalizio alla ex sposa di 30 mln di € mensili.... qualche mese fa, dietro front l'assegno non si calcola più sul mantenimento del tenore di vita ma sul livello di sussistenza, oggi nuovo dietrofront.... mandiamo sta gente a raddrizzare le banane in africa che sarebbero ben più utili!!

Boxster65

Mer, 11/07/2018 - 18:14

elkid... quello che è certo è che te non avrai nessun problema di divorzio perché da disokkupato non ti sposa nessuno e si ci fosse una che ha questo insano istinto tutt'al più dividerà con te il reddito di cittadinanza che ti elemosinerà Di Maio!!

miu67

Mer, 11/07/2018 - 19:38

Io, da donna, consiglierei a un uomo di non sposarsi!! Capisco xchè in molti convivono terrorizzati dal matrimonio……. Non è possibile che un uomo debba mantenere la ex moglie a vita con lo stesso tenore di vita, magari con un amante nella casa coniugale, suvvia…..è folle!

giovanni235

Mer, 11/07/2018 - 20:22

Tanto per dimostrare,casomai ce ne fosse bisogno,che i giudici fanno i cavolo che vogliono,a seconda del primo piede a terra quando scendono dal letto,destro o sinistro.Più passa il tempo e più giudici scemi ci troviamo.

Divoll

Mer, 11/07/2018 - 20:29

Ecco perche' i saggi antichi non avevano il divorzio. Non dico che sia sbagliato divorziare quando si sta davvero male insieme, o se uno dei due e' violento, oppure tradisce in continuazione. Ma bisogna ammettere che quando il divorzio non c'era, le coppie facevano del loro meglio per andare d'accordo, per trovare affiatamento anche laddove non c'era amore, e i figli crescevano in maggiore armonia e sicurezza. Tutto questo sta uccidendo la famiglia.

Ritratto di thunder

thunder

Gio, 12/07/2018 - 00:30

La solita cagata all'italiana! fine del matrimonio divisione al 50% e fine.troppo complicato? o perche'siamo dei sudditi e non cittadini?

GrifoXV

Gio, 12/07/2018 - 00:52

@ Marco 34: Lascia perdere, in Ucraina usa ancora che le mogli lavano mutande e calzini

flip

Gio, 12/07/2018 - 07:50

qualche giudice avrà provato l'ebrezza del divorzio ed adesso raglia.

pardinant

Gio, 12/07/2018 - 09:00

Attualmente sono fermamente convinto che in questo Strano Paese, con le Leggi vigenti sul divorzio-separazione, chi decide di sposarsi è sicuramente affetto da una grave patologia mentale a meno che non stia per sposare un "ricco" (e mi scusino i tali a volte molto permalosi) evidentemente malato allo stato terminale.