Domnica: "Schettino mi querela? Non ho paura"

La moldava torna a farsi sentire. Intanto il processo sul naufragio della Concordia va avanti

Domnica Cemortan, la moldava che viaggiava sulla Costa Concordia in compagnia di Schettino la notte del disastro all'Isola del Giglio, torna a farsi sentire. "Schettino mi querela? non ho nulla da temere. Io sono qua, ero pronta anche a un faccia a faccia con Schettino in diretta tv, ma all’ultimo momento, dopo aver detto che si sarebbero presentati in studio, né lui né i suoi legali si sono fatti vedere. Se adesso vogliono denunciarmi per la mia opinione su quello che è successo quella notte sul ponte 11 non ho nulla da temere". La Cemortan lo dichiara al settimanale Oggi, domani in edicola. Schettino ha deciso di denunciare la donna dopo le dichiarazioni che la ballerina ed ex hostess della Costa Concordia ha fatto di recente sulla notte del naufragio, tra cui quella di un possibile tentativo di fuga in elicottero del comandante e quella su un misterioso borsone portato via dalla nave.

Il processo va avanti

Oggi secondo giorno di udienza, al Teatro Moderno di Grosseto, per il processo sul naufragio della nave. Ancora una volta senza Schettino. Il comandante, assente anche ieri, oggi non è arrivato a Grosseto per problemi familiari. L’udienza è iniziata con i test dei naufraghi. A parlare è stato il legale del comandante Schettino, Domenico Pepe. "Se Domnica Cemortan si dovesse candidare alle prossime elezioni in Moldavia allora saremo davvero alla frutta". 

 

Commenti

Furgo76

Mar, 07/10/2014 - 20:33

se schettino la fará franca allora si saremo alla frutta!

Ritratto di stock47

stock47

Mar, 07/10/2014 - 21:28

Al posto di Schettino la lascerei perdere a nuotare nel suo brodo. Nessuno in Italia, alla moldava, le da una lira di credibilità, perché mai glie la dovrebbe dare lui facendo il suo gioco? Ridicolo.

Ritratto di pinox

pinox

Mar, 07/10/2014 - 23:01

questa cerbottan è disposta a tutto pur di mettersi in evidenza.

leo_polemico

Mar, 07/10/2014 - 23:56

A parte la considerazioni che la ballerina, se sincera, avrebbe potuto e dovuto parlare prima, soprattutto per rispetto nei confronti delle vittime di una bravata evitabile, sorge spontanea la domanda: cosa era andato a fare schettino (minuscolo) sul ponte più alto della nave che stava affondando? Cosa risponde il codardo e irresponsabile fuggitivo schettino? Come fa un timoniere, anche inesperto ma alla guida di una nave così grande, a non tener conto delle indicazioni dei sistemi satellitari di navigazione che danno la posizione con tolleranze inferiori ad un metro? E' stato scritto che l'inchino era una tradizione: c'era forse un gara tra i vari comandanti delle navi da crociera per "passare" il più vicino possibile all'isola?

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Mer, 08/10/2014 - 08:28

Domnica mandalo in galera quel assassino di un terrone.

meloni.bruno@ya...

Mer, 08/10/2014 - 08:34

Va a finire che pretenderà di essere ricevuto dal presidente della republica come un eroe!Sarebbe come se un pilota di un aereo cambiasse rotta per salutare i genitori al mare,in caso di disastro i genitori sarebbero i responsabili?

Ritratto di Azo

Azo

Mer, 08/10/2014 - 08:50

Lo Stato Italiano e la Magistratura, devono essere equi su questo processo, NON DEVONO FAR VALERE LA LEGGE DEL PIÙ FORTE, se vogliono riprendersi la fiducia, della popolazione e del resto del mondo, DEVONO FAR SI CHE LA LEGGE SIA UGUALE PER TUTTI E CHE LE COLPE, SIANO PAGATE DAI COLPEVOLI,NON DAGLI INNOCENTI.