Dramma nel Torinese, 85enne uccide a martellate la figlia disabile

L'omicidio commesso nella notte a Orbassano. Ad avvisare i carabinieri sarebbe stato il padre 87enne

Colpita con numerose martellate, che alla fine l'hanno lasciata senza vita. È morta così una donna disabile di 44 anni. Ad ucciderla, secondo le prime ricostruzioni, sarebbe stata la madre di 85 anni.

Questa mattina, in un appartamento di Orbassano, in provincia di Torino, si è consumato un dramma. Secondo le prime informazioni, riportate da AdnKronos, verso le 8:40 di questa mattina, i carabinieri sono intervenuti in un appartamento della città del Torinese, dove è stato rinvenuto il corpo di una donna disabile di 44 anni, colpita alla testa da diversi colpi di martello. L'omicidio sarebbe avvenuto nella notte.

A colpirla al capo, fino ad ucciderla, forse per porre fine alla sua sofferenza, sarebbe stata la madre 85enne della donna. In casa, al momento della tragedia, sarebbe stato presente anche il padre della 44enne. Infatti, sarebbe stato proprio l'uomo di 87 anni a chiamare i carabinieri, raccontando ciò che era successo e chiedendo l'intervento delle forze dell'ordine. Sul posto, oltre ai militari dell'Arma dei carabinieri, anche la sezione Investigazioni scientifiche, che stanno svolgendo un primo sopralluogo. Sul comodino è stato trovato e sequestrato il martello, usato dalla donna per colpire la figlia.

Quando i carabinieri sono entrati nell'appartamento di Orbassano, la madre 85enne era accanto alla figlia, ma non era in buone condizioni per l'assunzione di farmaci ed è stata portata in ospedale. A quanto si è appreso, la figlia sarebbe stata disabile dalla nascita, ma non sarebbe stata costretta a stare a letto

Commenti

PRALBOINO

Dom, 08/12/2019 - 11:03

Domanda dove stavano i servizi sociali? Avrebbero DOVUTO alleviare le fatiche fisiche e psicologiche di questi genitori che hanno lottato una intera vita contro la disabilità della loro figlia. L'informazione non può essere data in modo superficiale questo denota scarsa professionalità

Ritratto di Acquachiara

Acquachiara

Dom, 08/12/2019 - 11:54

E' l'epilogo di una storia di una tristezza infinita. Povere persone.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Dom, 08/12/2019 - 15:52

@Acquachiara 11:54...concordo con lei!PRALBOINO 11:03...non mi parli dei "sevizi sociali"....quelli si occupano di altre cose,...di queste vere tragedie famigliari,non si curano!....Tristezza infinita!Tre vite distrutte!Questi sono VERI problemi sociali ITALIANI,....ma quel bel tomo di Fico,dice:"Lasciare bambini in mare,va contro la Costituzione"!(chi li ha portati "in mare"?...Mio nonno?!)....E abbandonare famiglie in queste condizioni,non va contro la "costituzione"?

Ritratto di No_sinistri

No_sinistri

Dom, 08/12/2019 - 17:58

Le famiglie con figli disabili finiscono sempre per dover contare solo sulle proprie forze. Lo stato è assente perché non fanno rumore. Al contrario di altre categorie.

steacanessa

Dom, 08/12/2019 - 19:01

Povera signora la sofferenza ha avuto il sopravvento.

Savoiardo

Dom, 08/12/2019 - 19:03

E'il frutto avvelenato del compromesso storico tra DC e PCI che portato alla Legge di riforma sanitaria, alla Legge Basaglia ecc. Bei risultati. Poveri Genitori con i loro 44 anni di sofferenza. A chi avrebbero lasciata la povera figlia?

mimmo1960

Dom, 08/12/2019 - 19:04

La mamma 85 anni, la figlia invalida, mi chiedo se le istituzioni si sono adoperati per evitare la tragedia???

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Dom, 08/12/2019 - 20:21

Attenzione agli stupratori, che se avete sempre quel chiodo fisso in testa, qualcuno ve lo conficcherà con un bel martello.

Ritratto di Gius1

Gius1

Dom, 08/12/2019 - 23:27

povera famiglia. lasciata sola dai governi per aiutare altri.....

Antonio Chichierchia

Lun, 09/12/2019 - 00:11

Levare la vita ad un altro essere è sempre un gesto di uno stato emotivo esasperato. Non credo che quella madre lo abbia fatto per liberarsi del suo problema e vivere dopo una vita spensierata,quanto piuttosto è stata sovraffatta dal pensiero della fine che avrebbe fatto sua figlia un domani senza di loro.Come ha detto @Acquachiara è l'epilogo di una storia di tristezza infinita,laddove si prende atto di essere rimasti sempre più soli.