Due minori bruciano un senzatetto: ​"Volevamo fargli uno scherzo"

Il senzatetto attaccato da due minorenni con petardi e rotoli di carta in fiamme. Il più piccolo ha 13 anni: non è imputabile

"Volevamo soltanto fargli uno scherzo...". Invece l'hanno bruciato vivo. È successo a Zevio, paesino di meno di 15mila abitanti a una dozzina di chilometri da Verona. Qui Ahmed Fdil, 64enne marocchino soprannominato "il Baffo", è stato ammazzatto. È il 13 dicembre, poco dopo le otto di sera, quando due ragazzini, figli di immigrati, hanno dato fuoco alla Fiat Bravo in cui dormiva il senzatetto. Hanno appiccato le fiamme con petardi e rotoli di carta. E l'auto si è trasformata in una immensa torcia.

Ieri Salah Fdil, il nipote di Ahmed, ha voluto andare a vedere coi propri occhi il luogo in cui i due minorenni si sono accaniti contro il senzatetto indifeso. "Forse lui desiderava morire proprio qui - ha detto ai microfoni del Corriere della Sera - ma quel che è certo è che non meritava una fine del genere". Ed è proprio il quotidiano di via Solferino a ricostruire cosa è successo in quella sera di dicembre. Fdil, che era emigrato dal Marocco nel 1990 per trovare un lavoro, era stato impiegato come operaio specializzato da una fabbrica della zona. Poi la crisi gli aveva portato via tutto. Da tempo vive per strada e dormiva in una Fiat Bravo. Quando i vigili del fuoco sono riusciti a spegnere l'incendio appiccato dai due ragazzini hanno trovato il cadavere "in parte riverso all'esterno, all'altezza della portiera anteriore destra".

Fdil era da tempo perseguitato da alcuni ragazzini. Gli lanciavano addosso i petardi. "Anche quella sera ho sentito un botto - ha raccontato una testimone al Corriere della Sera - e quando mi sono affacciata alla finestra ho scorto le fiamme che salivano". In poco tempo i carabinieri hanno trovato i colpevoli del barbaro gesto. Si tratta di due amici. Uno ha 13 anni, l'altro 17. Entrambi sono figli di immigrati. Il più piccolo non è nemmeno imputabile dal momento che è troppo giovane. I due si sono prima trovati nella piazzetta del paese, poi sono andati all'auto in cui viveva il senzatetto. "Abbiamo preso della carta dal rotolo che c'era in una pizzeria e ce la siamo divisa", ha raccontato il 13enne. Un pezzo di carta è finito nell'abitacolo della Fiat Bravo passando dal finestrino. "Io ci ho provato ma mi si è sciolto in mano, non so se sia entrato oppure no".

Mappa

Commenti

beowulfagate

Ven, 12/01/2018 - 11:02

Viva lo ius soli.

osco-

Ven, 12/01/2018 - 11:04

in patania questo ed altro

Ritratto di giovinap

giovinap

Ven, 12/01/2018 - 11:13

98nare, dove sei guarda che succede nella tua lurida città! vieni a commentare , i tuoi paesani sono più precoci dei "nostri" si vede che hanno un brodo di coltura migliore e imparano prima . facci sapere !

ziobeppe1951

Ven, 12/01/2018 - 11:30

giovinguappo+losco...avete letto l’articolo?..sono figli di immigrati..come voi

Gianluca_Pozzoli

Ven, 12/01/2018 - 11:31

oh non sono italiani, ma immigrati!...ragazzini risorse! IUS-SOLI SUBITO

mork

Ven, 12/01/2018 - 11:44

L' OSCO ti stai esaurendo come giovinap...irla o sei un troll ??? ciucciariello

rudyger

Ven, 12/01/2018 - 11:45

galera fino alla maggiore età e decadenza da tutti i diritti, poi pena di morte. questa è civiltà.

osco-

Ven, 12/01/2018 - 11:56

confermo, in patania questo ed altro, sarà l'aria, sarà l'ambiente, la pseudocultura che si respira che dà questi risultati. Ricordiamo i tanti es. di figli che ammazzano i genitori per intascare l'eredità, cose impensabili al Sud.

Ritratto di elkid

elkid

Ven, 12/01/2018 - 12:00

---hanno tirato un sospiro di sollievo i commentatori quando hanno letto che gli incendiari erano ragazzotti migranti---come se i ragazzotti italioti fossero immuni da simili divertimenti--credo anzi che i piccoli stranieri abbiano imparato per emulazione dagli autoctoni---amcici italici mi hanno riferito che nella notte di san silvestro --mute di ragazzotti italici --in città come milano e roma--andavano a caccia di migranti---specie se vecchi e lenti---per lanciargli addosso piogge di mortaretti---se nella cronaca non abbiamo letto di disgrazie similari --è solo un puro caso---

Ritratto di 98NARE

98NARE

Ven, 12/01/2018 - 12:12

scem otto di un Campano, hai capito o no che i 2 animali NON SONO VERONESI/VENETI/ITALIANI o stai acora facendo colazione col BABBA'?

Ritratto di 98NARE

98NARE

Ven, 12/01/2018 - 12:13

elkid taci zecca non italiana

ziobeppe1951

Ven, 12/01/2018 - 12:18

losco....ti piace tornare indietro nel tempo..ok te ne racconto una, Repubblica..(1989)Napoli..ne ha ammazzati quattro, un’intera famiglia..a Pollena Trocchia, alle falde del Vesuvio, in una casa appena fuori dell’abitato...sterminati intorno al tavolo dove stavano cenando..ecc..ecc..

Zizzigo

Ven, 12/01/2018 - 12:20

Quando l’ottuso legge e non capisce, starnazza e starnazzando si tradisce.

osco-

Ven, 12/01/2018 - 12:25

per ziobeppe1951 il casertano emigrato. leggi bene, ho scritto che in patania lo si fa per soldi, uccidere i genitori per soldi è quanto di più schifoso possa esistere.

Ritratto di Lissa

Lissa

Ven, 12/01/2018 - 13:44

Azz, le risorse boldricchiane iniziano presto.

giovanni951

Ven, 12/01/2018 - 13:47

giovinap...ma sai leggere? i due delinquenti sono figli di immigrati. ‘gnurant ti e ul to amis osco.

delio100

Ven, 12/01/2018 - 13:53

questo è il razzismo che più odio

Ritratto di mbferno

mbferno

Ven, 12/01/2018 - 14:55

Bruciategli i cabasisi.....per scherzo sia chiaro!

Tuthankamon

Ven, 12/01/2018 - 15:49

Due tipici rappresentanti del nulla morale e culturale in cui stiamo precipitando. Ho notato, magari mi sbaglio che i TG sempre prodighi di dettagli, in questo caso non hanno (per ora) parlato delle famiglie di questi due "disperati". Ora sono curioso di conoscere il ... background!|

Tuthankamon

Ven, 12/01/2018 - 15:52

Una cosa è certa li manterremo per tutta la vita, usciranno e faranno qualche altro casino.

Ritratto di giovinap

giovinap

Ven, 12/01/2018 - 16:11

giovanni951, solo per che ti sei italianizzato il nome credi che non si capisce che sei africano come loro ? nella foga ti sei scomposto e hai scritto nella tua lingua marocchina ah ah ah 1

il sorpasso

Ven, 12/01/2018 - 17:38

Stessa fine né più né meno!