Due romeni rapinano connazionali poi vanno a giocare alle slot machine

Due romeni hanno rapinato due loro connazionali di tutto e poi sono andati a giocare alle slot machines

“Vi ammazziamo, dateci tutto quello che avete". Così due trentenni romeni hanno minacciato due loro connazionali aggredendoli con un coltello. Dopo averli rapinati di denaro, carte di credito, tablet, cellulari ed un pc portatile, sono andati a giocare alle slot machines.

È successo a Roma, in zona Montagnola, verso l’una e mezza di notte. Tutto è iniziato, scrive Romatoday, quando i due romeni hanno raggiunto e aggredito a calci e pugni le due vittime. Gli uomini del reparto Volanti, una volta prese le descrizioni dei rapinatori, hanno avviato le ricerche a via Ostiense ed è lì che sono stati trovati mentre giocavano dentro la sala delle slot machines di un bar. I due fermati avevano con sé ancora il coltello usato per la rapina e tutta la refurtiva delle due vittime. I due ladri sono stati quindi accompagnati presso il commissariato Esposizione e, alla fine, stati arrestati per "rapina aggravata" e "lesioni personali aggravate in concorso”.