È morto Erich Priebke L'ex Ss aveva cento anni "C'è un video testamento"

L'ex SS è morto a Roma all'età di 100 anni. Dopo la guerra scappò in Argentina, nel 1995 l'estradizione in Italia e tre anni dopo la condanna all'ergastolo

L'aguzzino delle Fosse Ardeatine se ne è andato a pochi mesi di distanza dal suo centesimo compleanno. È morto a Roma l'ex Ss Erich Priebke noto per essere stato condannato all'ergastolo come uno degli esecutori della strage delle Fosse Ardeatine, in cui morirono 335 tra civili e militari. La notizia della sua morte è stata comunicata alla stampa dal suo legale Paolo Giachini che ha anche annunciato che Priebke "un ultimo lascito", che consiste in "una intervista scritta e un video, testamento umano e politico".

Priebke nacque ad Hennigsdorf il 29luglio 1913. Militare tedesco, capitano delle SS durante la seconda guerra mondiale in Italia, Aderì al Partito Nazionalsocialista dei Lavoratori Tedeschi quando aveva 20 anni. Nel 1942 divenne capo della sezione di Brescia della Gestapo. L'anno dopo era già nella Capitale, sotto il comando di Herbert Kappler. Dopo l’attacco partigiano che i Gruppi d’azione patriottica misero a segno contro il battaglione Bozen in via Rasella a Roma, il 23 marzo 1944, Kappler lo coinvolse nel piano di organizzazione delle esecuzioni dei 335 ostaggi per vendicare i 33 morti tedeschi. Un eccidio che avvenne il giorno successivo alle Fosse Ardeatine, nelle cave di pozzolana situate due chilometri oltre Porta San Sebastiano. Con un colpo alla nuca vennero uccisi, in ciqnque ore di sangue e follia, 335 persone. Una carneficina senza pari. Dopo la guerra, la fuga. Priebke si rifugiò a San Carlos de Bariloche, un paesino ai piedi delle Ande, riuscendo a sfuggire al Processo di Norimberga, e, anche se i servizi segreti israeliani per molto tempo gli diedero la caccia, non fu mai scoperto. Fino al 1994, quando un membro del Centro Simon Wiesenthal lo riconobbe e ne segnalò la presenza alle autorità argentine, che lo credevano morto da tempo. Nel 1995 Priebke fu estradato in Italia e accusato di aver partecipato all’organizzazione dell’eccidio delle fosse Ardeatine.

Processato, fu dichiarato colpevole di omicidio plurimo dal Tribunale militare di Roma: tuttavia non fu condannato a causa della prescrizione del reato e per la concessione delle attenuanti. Successivamente la Corte di Cassazione annullò quella sentenza, rendendo così obbligatorie nuove udienze per Priebke. Nel marzo del 1998, la Corte d’Appello lo condannò all’ergastolo, insieme all’altro ex ufficiale delle SS Karl Haas. La sentenza, seppur confermata nel novembre dello stesso anno dalla Corte di Cassazione, venne commutata in arresti domiciliari a causa dell’età avanzata dell’imputato. Nel 2009 ha ottenuto il permesso di uscire di casa per fare la spesa, andare a messa e in farmacia.

Cento anni in cui l'ex ufficiale non si è mai pentito, sostenendo sempre di aver solo eseguto gli ordini. Piero Terracina, è uno degli ultimi reduci italiani al campo di sterminio di Auschwitz, un sopravvissuto all’orrore nazista di cui il "boia" Erich Priebke faceva parte, eppure dice di non avere "nè pietà nè gioia" in relazione alla morte dell’ex SS: "Non gioisco della morte di nessuno, spero che faccia i conti nella sede opportuna, quella predicata dalle religioni. Non ha scontato in vita e mi rammarico che non si sia mai pentito". "Rispettiamo la persona di fronte alla morte ma non possiamo dimenticare le vittime delle fosse Ardeatine. Erich Priebke è stato un criminale, al servizio di una dittatura sanguinaria", ha commentato il presidente dell'Anpi Carlo Smuraglia.

Commenti
Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Ven, 11/10/2013 - 15:22

...testamento umano e politico! Mah...

Ritratto di cangrande17

cangrande17

Ven, 11/10/2013 - 15:25

Avrà chiesto di essere cremato?

yulbrynner

Ven, 11/10/2013 - 15:26

se esiste un Dio dovra rendergli conto delle malefatte in vita.. di certo non lo piango una persona cosi spietata e malvagia non merita le mie lacrime, al posto suo non avrei mai accettato di portare a morte oltre 330 persone innocenti perche se l'avessi fatto avrei vissuto in colpa il resto dei miei giorni

Mario-64

Ven, 11/10/2013 - 15:29

"Persecuzione"?? Prima ha ammazzato decine di civili inermi ,poi ha vissuto buona parte della propria esistenza in Argentina nella sua casetta ,con tanto di nome sul campanello... non mi sembra si possa lamentare.

dondomenico

Ven, 11/10/2013 - 15:37

Avvocato Giachini, come fai a parlare di dignità, di lealtà riferita a questo assassino, spietato? La storia non è una barzelletta, è Storia! Tutti noi sappiamo le efferatezze messe in atto dalle SS, non è preistoria, è storia riconducibile ai giorni nostri.Adesso, il tuo ex assistito, con cui il buon Dio è stato molto magnanimo, è davanti ad un Tribunale super partes.... Noi, Popolo Italiano, non siamo qui a piangere per la scomparsa di questa belva umana e non preghiamo per lui

Massimo Bocci

Ven, 11/10/2013 - 15:40

Non so cosa possa aver lasciato di testamento un simile BOIA esecutore di orini CRIMINALI dati da BOIA CRIMINALI!!!, che fanno il paio con quelli che questa ritorsioni/e hanno provocato SCIENTEMENTE, i liberatori, compagni??? Che tiravano il sasso (imboscate) e facevano pagare per i loro bravate liberatorie le inermi popolazioni a suon di rappresaglie quanti erano un tedesco dieci Italiani (ma forse ai compagni e senza forse,delle inermi popolazioni Italiane non gliene fregava un tubo la fine che avrebbero fatto, come ora con EURO), questi atti eroici??? Sono costati migliaia di morti ammazzati, inermi Italiani innocenti fucilati alla schiena, vorrei ricordare ai sostenitori di questi atti eroici che se non ci fossero stati gli Anglo-Americani venuti si loro a morire a miglia, in una terra straniera non loro per liberarci dalla BARBARIE NAZZI FASCISTA, noi oggi parleremo tutti il Tedesco oggi, come ci apprestiamo a fare prossimamente con l'EURO!!!

Ritratto di Loredana.S

Loredana.S

Ven, 11/10/2013 - 15:43

Ora dovrà affrontare la vera giustizia!

Ritratto di Geppa

Geppa

Ven, 11/10/2013 - 15:48

comunque sempre troppo tardi e' morto...

mbotawy'

Ven, 11/10/2013 - 15:48

Esegui'un ordine dato,in tempo di guerra,da un suo superiore,come in qualsiasi altro stato in guerra, per cui un rifiuto implica la condanna a morte per diserzione.Dal tribunale militare italiano fu' assolto.

Amon

Ven, 11/10/2013 - 15:51

fin troppa attenzione per un assassino..

Roberto Monaco

Ven, 11/10/2013 - 15:52

Se penso che una mia amica è morta di cancro a 36 anni, e questo è arrivato a 100, devo dire che aveva ragione mio suocero, quando diceva che la logica nella vita non esiste.

uggla2011

Ven, 11/10/2013 - 15:53

Continueremo a parlarne per altri venti o trent'anni secondo il nostro stile dietrologico oppure inizieremo a parlare di argomenti più attuali?

marcos74

Ven, 11/10/2013 - 15:53

sputerei sulla sua bara!

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Ven, 11/10/2013 - 15:58

Gli eroici partigiani che provocarono, con la loro valorosissima impresa, la reazione tedesca lo hanno preceduto di molto nell'aldilà. Soddisfazione non da poco.

Damiano Guerra

Ven, 11/10/2013 - 16:01

Testamenti umani non può averne lasciati, al massimo organici vista la natura del soggetto in questione, da oggi l'inferno puzzerà un pò di più, in compenso su questo pianeta da oggi l'aria è un pò più pulita.

yulbrynner

Ven, 11/10/2013 - 16:03

mio pare e' campato meno di priebke ma lui donnee bambini in guerra li ha salvati e non mitragliati come facevano i suoi commilitoni ergo.. mio padre era molto meglio di priebke e tanti altri e lo stesso chi come lui ha rischiato la fucilazione x salvare vite umane

bruno49

Ven, 11/10/2013 - 16:07

#mbotawy': Posso capire che non abbia avuto il coraggio di disobbedire ai superiori e che quindi si sia trasformato in boia. Ma poi ha avuto 70 anni per pentirsi e mi pare che non l'abbia fatto. Dio gli ha dato altri 70 anni di vita per pentirsi. Che l'abbia fatto in punto di morte? Nessuno potrà mai saperlo.

Damiano Guerra

Ven, 11/10/2013 - 16:09

Si Massimo Bocci, lei deve aver visto Captain America l'altra sera..... gli americani erano qui come i russi nel resto dell'europa per spartirsi il continente sicuramente non perchè loro importasse qualcosa di noi. Per il resto, dica cosa doveva fare la resistenza, piegare ulteriormente la testa di fronte ai soprusi? Se proprio bisogna trovare una colpa perchè non individuarla nel suino pelato di Predappio che andò ad immischiarsi con il pazzo nazista?

AG485151

Ven, 11/10/2013 - 16:13

MIO PAPA' che non era certo fascista mi diceva che questo è un assassino a prescindere ma che la rappresaglia , prevista dal codice di guerra , era stata fatta perchè a Roma , dichiarata " città aperta " una banda di sciagurati aveva fatto un attentato a dei soldati che stavano tornando a casa rispettando il patto che non avrebbero fatto null'altro che attraversare la città . E questi sciagurati , a differenza di Salvo d'Acquisto , non si sono presentati ad assumersi le loro responsabilità ma hanno lasciato fucilare 335 persone .

lino961

Ven, 11/10/2013 - 16:14

Siamo qui a sparare a zero contro Priebke per il suo operato in tempo di guerra e in guerra le atrocità sono parte integrante e non prescindibile della stessa ma la nostra generazione non ha imparato niente dalla storia se si va a dare il premio Nobel per la pace ad un certo Arafat spietato terrorista di settembre nero ed anche lui ne ha di morti sul groppone,ma!

onurb

Ven, 11/10/2013 - 16:14

mbotawy'. C'è da aggiungere che la rappresaglia era codificata dal diritto internazionale vigente all'epoca. Con ciò non voglio giustificare nessuno. In ogni caso chi vuole avere un'idea di ciò che succedeva in giro per il mondo, ma succede anche oggi senza che nessuno si scandalizzi, può fare un salto a Vilnius a visitare il museo del genocidio, ex sede del KGB e luogo di atrocità inimmaginabili, operativo fino al 1992.

bruno49

Ven, 11/10/2013 - 16:16

#marcos74: capisco profondamente il suo sdegno, ma non scenda al livello di chi, su questo stesso blog, ha vigliaccamente esultato alla notizia della morte di persone che non erano "politicamente" dalla loro parte (esempio: il Cardinal Tonini, Franca Rame, il Presidente Scalfaro, Don Gallo, addirittura la Levi Montalcini ecc. ecc.)

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Ven, 11/10/2013 - 16:17

E gli eroci partigiani che provocarono la rappresaglia tedesca di quanto l'han preceduto?

Ritratto di pisistrato

pisistrato

Ven, 11/10/2013 - 16:29

L'erba cattiva non muore mai... o muore in tardissima età.

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Ven, 11/10/2013 - 16:29

Il vero ed unico responsabile del massacro delle Ardeatine (addebitato a Erich Priebke) fu il vigliacco comunista Rosario Bentivegna (ex Fascista del GUF) che dopo aver messo in atto il 23.03.1944 il vile attentato di Via Rasella pochi giorni dopo Roma fu liberata dagli angloamericani non dai comunisti) contro dei riservisti altoatesini determinando oltre la morte di 33 di loro anche quella di un bambino italiano Pietro Zuccheretti (al quale l'effetto della tremenda esplosione staccò di netto il tronco dal resto del corpo e comunque mai ricordato e commemorato da nessuno dei nostri valorosi antifascisti), si rifiutò di palesarsi come responsabile del vile attentato determinando, come il vigliacco ben sapeva, la sanguinosa rappresaglia delle Fosse Ardeatine che, invece, gli procurò anche una medaglia al valore! Una vergogna che grida ancora vendetta. Però che beffa, mentre il "glorioso attentatore" è morto a 90 anni, Erich Priebke gli è sopravvissuto per altri dieci. Alla faccia dei tanti vigliacchi comunisti che non solo coprirono il terrorista gappista, ma ancora oggi, senza un minimo di vergogna, ritengono un valoroso "atto di guerra", l’attentato compiuto da un miserabile civile, mentre "ubbidire agli ordini" da parte di un militare - in tempo di guerra - un qualcosa da scontare con il carcere a vita. Erich Priebke, però, prima di morire a questi merdosi ha indirizzato una sonora pernacchia!

Ritratto di marforio

marforio

Ven, 11/10/2013 - 16:36

Adesso se la vedra con Dio.Da dire ci saremmo risparmiati la strage se i vigliacchi dei partigiani si fossero consegnati alle autorita tedesche.Perche in Guerra si sa non si guarda in faccia nessuno.E loro vigliacchi pur sapendo che ci sarebbe stata rappresaglia , se ne fregarono die poveri innocenti .Poi come Giuliano padre pure onori parlamentari .Da aggiungere ai cretini che Hanno avuto padri cambiati da fascisti a comunisti da un giorno all´ altro ,mio padre dovette fuggire da Roma.

MEFEL68

Ven, 11/10/2013 - 16:37

Lo abbiamo detestato da vivo, ignoriamolo da morto. Non serve sputare.

yulbrynner

Ven, 11/10/2013 - 16:38

in questo caso i partigiani non sono stati eroici avrebbero dovuto consegnarsi invece coem fanno il 99e oltre degli italiani tengo famiglia hanno inguaiato gl ialtri e causato la rappresagliua tedesca..se qualcuno di loro e' sopravvissutoalal guerra vorei vedere con che faccia tosta ha potuto tener testa alla sua coscienza e vivere il resto deisuoi giorni bel tranquill o e sereno.

onurb

Ven, 11/10/2013 - 16:43

marcos74. E' il titolo di un film; bisogna pagare i diritti d'autore.

yulbrynner

Ven, 11/10/2013 - 16:51

morettini capisco che tu sei un fasciston e in tuo onore potrei farti una bella inperpretazione del duce del fassismo la colpa e' sia di sto rosario bentivegna e soci che non si sono costituiti ma anche di kapler e priebke la medagliaal valore dovevan odarla a mio padre e a quanti come lui hanno salvato in guerra donne e bambini rischiando la fucilazione.

Ritratto di xulxul

xulxul

Ven, 11/10/2013 - 16:57

Risulta a qlc che un criminale comunista (e ce ne sono tanti vivi e vegeti anche in Italia dove invece hanno fatto carriera...) abbia avuto lo stesso trattamento? Cmq la cosa più sensata è affidato alla misericordia di Dio.

Ritratto di ashton68

ashton68

Ven, 11/10/2013 - 16:58

Troverà posto all'inferno, insieme ai partigiani, nel girone degli assassini.

yulbrynner

Ven, 11/10/2013 - 17:04

marforio io ho sempre avuto nonni e genitori coerenti quindi.. non e' il mio caso. sempre e comunque anti-fascisti

bruno49

Ven, 11/10/2013 - 17:04

Come mai i familiari dei trucidati alle Fosse Ardeatine hanno sempre incolpato i nazisti e mai i partigiani? Solo a loro sarebbe spettato il diritto di giudicare, non a voi che sparate giudizi a destra e a manca, spesso falsificando i dati storici.

Ritratto di bassfox

bassfox

Ven, 11/10/2013 - 17:06

qui sopra le logiche sono sempre le stesse: non conta la reazione abnorme e spropositata, l'importante è dare sempre contro ai partigiani..non vi preoccupate, il saldo finale è solo stato rimandato

Ritratto di xulxul

xulxul

Ven, 11/10/2013 - 17:07

I responsabili morali della strage delle ardeatine furono i criminali comunisti partigiani (Bentivegna & c.), con il recondito fine di far uccidere qualche compagno scomodo che era a Regina Coeli. Questo dice la storia, non quella ad uso del popolo bue riscritta dall'anpi ed insegnata a scuola da insegnanti ignoranti ed in malafede.

rossini

Ven, 11/10/2013 - 17:09

Coloro che adesso se la prendono con un vecchio di 100 anni, che comunque ha pagato il suo conto con la giustizia, dicano qualcosa su questi galantuomini: Colonnello Paul Tibbets, pilota; Capitano Robert A. Lewis, copilota; Maggiore Thomas Ferebee, bombardiere; Capitano Theodore Van Kirk, navigatore; Tenente Jacob Beser, contromisure radar; Capitano William Sterling "Deak" Parsons, responsabile armamenti; Sottotenente Morris R. Jeppson, assistente del responsabile armamenti; Sergente Joe S. Stiborik, radar; Staff Sergeant Robert Caron, mitragliere di coda; Sergente Robert Shumard, assistente ingegnere di volo; Private First Class Richard Nelson, operatore radio; Technical Sergeant Wyatt Duzenberry, ingegnere di volo. Chi sono questi galantuomini? Sono quelli che, il mattino del 6 agosto 1945 alle 8:16, sganciarono sulla città di Hiroshima la bomba atomica che, in pochi secondi, vaporizzò circa 100.000 civili fra uomini e donne, vecchi e bambini.

Ritratto di stock47

stock47

Ven, 11/10/2013 - 17:11

Priebke l'ha già dichiarato, le circostanze sfavorevoli l'hanno portato in una situazione in cui è stato costretto ad obbedire, pena la morte. Di cosa si sarebbe dovuto pentire se chiunque al suo posto avrebbe fatto lo stesso? Il fatto che fosse nazista e indossasse la divisa delle SS non ne fa, giocoforza, il colpevole dei danni del nazismo hitleriano ma solo un aderente ad un ideologia. Se è tutta questa la sua colpa quanto maggiormente sono colpevoli chi progettò la morte degli altoatesini tedeschi (33 morti immediati ma ce ne furono altri 9 per le ferite subite) e di alcuni innocenti italiani presenti sapendo le conseguenze dovute alle leggi di guerra?

bruno49

Ven, 11/10/2013 - 17:13

yulbrynner: infatti gli ebrei celebrano come "I Giusti" gli uomini come suo padre. Sono questi gli uomini che riscattano il genere umano. Onore a suo padre e a lei stesso che ne ravviva la memoria!

Ritratto di StefOmega

StefOmega

Ven, 11/10/2013 - 17:14

Più tempo passo qui, e più mi convinco che voi abbiate l'ossessione dei comunisti. È morto un genocida, mi spiegate cosa c'entra adesso fare paragoni con i comunisti in Russia o con i partigiani (che tra l'altro non siete nemmeno degni di nominare)?

minestrone

Ven, 11/10/2013 - 17:14

all'inferno assassino

gneo58

Ven, 11/10/2013 - 17:17

spesso penso che per fortuna c'e' qualcuno piu' in su che puo' giudicare conoscendo tutte le pieghe piu' recondite dell'animo umano

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Ven, 11/10/2013 - 17:19

Pisistrato se sei cristiano dillo al Signore questo.

yulbrynner

Ven, 11/10/2013 - 17:26

x rossini bhe priebke il conto con la giustizia non lha mai pagatocoem nopn lha mai pagato bentivegna e soci ,,anche quest iamericani sono colpevoli io non riuscirei a vivere con un peso simile sulla coscienza c'e c i e meno sensibile se ne sbatte le palle

bruno49

Ven, 11/10/2013 - 17:29

rossini: infatti molti di loro sono impazziti per il rimorso. Priebke no.

yulbrynner

Ven, 11/10/2013 - 17:30

x bruno grazie di cuore x mio padre e x chi altri come lui hanno salvato vite umane in guerra x stock 47 evidentemente non tutti erano dei priebke prendiadesempio don pappagallo e salvo d'acquisto che sono morti per salvare altre vite poriebke bentivegna ecc non erano manco degni di lustrarli la lapide

gian paolo cardelli

Ven, 11/10/2013 - 17:36

Beata ignoranza: fu condannato per quei CINQUE IN PIU', non per la strage in se, visto che il diritto di rappresaglia è riconosciuto dalle convenzioni internazionali. E la condanna avvenne perchè la comunità ebraica prese quasi d'assalto il Tribunale dove venne applicata la Legge vigente: la condanna successiva fu un abominio del Diritto. ORa vediamo in quanti mi accuseranno di essere nazista...

gian paolo cardelli

Ven, 11/10/2013 - 17:37

A proposito di "carneficine sena pari": e Katyn come la vogliamo considerare? ma piantiamola con la prosopopea filopartigiana e menzognera: "nel Dopoguerra quattro quinti dei vertici del Partito Comunista Italiano, al pari di tutti gli altri partiti dell'epoca, erano composti da ex-gerarchi fascisti", Luciano Violante.

Ritratto di Attila51

Attila51

Ven, 11/10/2013 - 17:37

E l'americano che ha comandato il bombardamento a Milano e ha centrato la scuola di Gorla con. 235 bambini uccisi? E i 6500 morti dei bombardamenti alleati agosto 44 a Milano? Medagliati? E l'eroe che ha messo la bomba in Via Rasella perché non si è presentato evitando l'eccidio? Altra medaglia d'oro al valore? Ma fatemi il piacere va!!!! Tutti eroi perché vincitori? E le bombe atomiche.. E le stragi di Stalin?

dukestir

Ven, 11/10/2013 - 17:44

AG485151: Roma era stata dichiarata "zona di operazioni" 2 mesi prima dell'attentato di via Rasella. Giusto per correttezza di informazione.

Ritratto di promfran

promfran

Ven, 11/10/2013 - 17:44

Tutti i testimoni di accordi segreti fra l'inghilterra e il re d'Italia sono stati uccisi con la rappresaglia di via Rasella. Attentato costruito a tavolino, per provocare la rappresaglia e poi consegnare i suddetti testimoni scomodi, facendoli eliminare senza destare sospetti. Coloro che organizzarono tale soluzione sono da 50 anni al governo ben pagati e riveriti. Naturalmente la Storia l'hanno scritta loro. Vergogna

Ritratto di pisistrato

pisistrato

Ven, 11/10/2013 - 17:48

@franco-a-trier_DE - sono agnostico

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Ven, 11/10/2013 - 17:50

yulbrinner non scrivere cazzate piuttosto devi dire che i prescelti erano dei conigli per non dire complici di un omicidio visto che sapevano che il carabiniere era innocente e lo hanno lasciato uccidere.

Silvio B Parodi

Ven, 11/10/2013 - 17:51

signori ** si fa' per dire** 1' se quei vigliacchi di partigiani non avessere fatto saltare un camion di 35 altoatesini disarmati solo perche' erano in divisa, e se si fossero presentati alle autorita' I criminali, si sarebbero fucilati I due o tre colpevoli, e avrebbero evitato la morte dei 300 civili . 2' quell'ordine veniva da Gobbels, e il capitano Priebke lo esegui! quindi la responsabilita' in tempo di Guerra e' di chi comanda, non di chi eseguisce. ignoranti.

bruno49

Ven, 11/10/2013 - 17:54

yulbrynner: Allora mi permetta di ricordare a mia volta mio padre. Era ufficiale dell'esercito italiano e aveva fatto anni di guerra prima nel deserto libico, poi in Montenegro. L'8 settembre del '43 si trovava a Roma e gli fu proposto dai Fascisti e dai Nazisti di continuare a combattere contro gli Alleati. Mio padre, che pure era stato Littore (e quindi appartenente all'élite universitaria fascista)nei primi anni '30, avendo visto a quale catastrofe il Fascismo aveva portato l'Italia, rifiutò, pur sapendo bene che si sarebbe meritata la deportazione in un campo di concentramento in Germania, al confine con la Polonia. Entrò nel campo alla fine del '43 che pesava 80 chili e ne uscì nei primi mesi del '45 che ne pesava 42, di chili(e fu fortunato, perché moltissimi suoi compagni morirono di fame e di freddo). Non salvò forse tante vite ma non si imbrancò, per avere delle comodità, con chi ormai disprezzava da tempo. Si chiamava Remigio Del Grosso (io Bruno). Nessuno ora osi fare commenti offensivi.

Ritratto di marforio

marforio

Ven, 11/10/2013 - 17:54

xbruno49-Facci i nomi di queste Mimose piene di sentimenti umani, morte con rimorso.

Ritratto di stock47

stock47

Ven, 11/10/2013 - 17:55

yulbrynner, Salvo D'Acquisto si è sacrificato per i suoi concittadini, Priebke, secondo lei, perchè si sarebbe dovuto sacrificare per dei nemici? L'ha detto, come essere umano la cosa gli ripugnava ma come necessità di sopravvivenza l'ha dovuto fare. A parte questo non credo che lei possa imputare a chiunque di non essere un eroe che si fa uccidere. Ma cos'ha in testa, le pigne?

Ritratto di marforio

marforio

Ven, 11/10/2013 - 17:58

Gianpaolocardelli. Pietroingrao non lo dimentichiamo.Anche il nostro ex presidente molto coerente e voltagabbana.

bruno49

Ven, 11/10/2013 - 18:00

franco-a-trier_DE: LO SAPEVANO ANCHE I NAZISTI CHE SALVO D'ACQUISTO ERA INNOCENTE. MA LO FUCILARONO LO STESSO

Ritratto di leopardi50

leopardi50

Ven, 11/10/2013 - 18:00

Per potere evitare le condanne del boia nazista lo si potevano candidare nel listino bloccato di qualche partito alle elezioni politiche e poi varare una legge per prescrivere i reati contestati. Si sarebbe potuto sobillare le piazze al grido di magistrati mafiosi e se si fosse arrivati ad un voto dell'aula, si poteva sempre affermare che era il nonno della famosa nipote. Tanto ci sono i fessi che si bevono tutto.

Ritratto di Senior

Senior

Ven, 11/10/2013 - 18:05

Non vorrei sembrare truce, umanamente anche lui è stato vittima di se stesso e della guerra che è sempre crudele, ma se moriva settanta anni prima avremmo avuto in vita 320 innocenti in più ed un soldato senza scrupoli di coscienza in meno. senior

Ritratto di GiovanniBagheria

GiovanniBagheria

Ven, 11/10/2013 - 18:06

Gli Dei del Wahalla ti siano propizi camerata Priebke. Non hai tradito ne' rinnegato. Sei stato il prigioniero politico e militare piu' vecchio della Storia. Altri che hanno commesso i tuoi stessi fatti sono celebrati come condottieri - es il gen Patton - o i loro crimini ignorati ( Vedi La dozzina di stragi contro i prigionieri di guerra italiani e i civili in Sicilia nel 1943). Quindi... Avevo un camerata...

andrea24

Ven, 11/10/2013 - 18:08

I giornali sionisti come Libero sono vergognosi quando titolano "l'Italia si leva un peso".Per Priebke una preghiera di sicuro come persona e come defunto.

Ritratto di Roberto di Bruno

Roberto di Bruno

Ven, 11/10/2013 - 18:12

Ha pagato; o vogliamo condannarlo per l'eternità? I Romani, a quanto pare più caritatevoli di tanti contemporanei, dicevano: de mortuis nihil nisi bonum (dei morti non dire nulla che non sia buono). E che dire delle parole del presidente dell'Anpi: "un criminale, al servizio di una dittatura sanginaria" ? Tra i suoi antenati ideologici non trova nessuno costui cui applicare la medesima definizione?

Paolora

Ven, 11/10/2013 - 18:13

E' veramente brutto che chi la pensa diversamente non rispetti mai la verità , cercate di sputare meno odio ed analizzate la cosa , se veramente hanno ucciso 33 militari tedeschi che dovevano solo passare , è normale che ci sia una rappresaglia , sicuramente bestiale come vigliacca è stata l'uccisione dei militari. Sarebbe bene a tutti fare sapere la verità su queste cose senza modificarle a proprio uso , poi ognuno trarra' le sue conclusioni e gli artefici risponderanno davanti a qualche Dio se esiste.

Ritratto di serjoe

serjoe

Ven, 11/10/2013 - 18:16

Di onore se ne intende chi l'anima non vende:...grassa,nera,rossa o barbuta,si esprime con identica battuta:..il principio si rispetta anche se ne va della propria testa,la parola non e' nebbia,tradimento da celare, per miseria propria salvaguardare.

Francosoft

Ven, 11/10/2013 - 18:17

CARO LUCA ROMANO, TI RAMMENTO CHE PRIEBKE FU CONDANNATO ALL'ERGASTOLO PER AVER UCCISO "CINQUE" PERSONE IN PIù DEI 350 (COME PREVISTO DALLA CONVENZIONE DI GINEVRA) E DIRE CHE E' IL RESPONSABILE DELL'ECCIDIO DELLE FOSSE ARDEATINE E' FALSO STORICAMENTE. MA LA DOMANDA CHE MI FACCIO ANCOR OGGI DOVE SONO I VERI RESPONSABILI? HANNO AVUTO ADDIRITTURA ONORIFICENZE. E NE PARLO CON TUTTO IL RISPETTO PER LE POVERE VITTIME

Ritratto di ashton68

ashton68

Ven, 11/10/2013 - 18:21

Nessuno sconto per Priebke. Ma che tristezza vedere che c'è ancora chi ancor oggi difende i partigiani negandone le stragi, gli strupri, i saccheggi e tutte le altre nefandezze di cui si sono macchiati, anche a guerra finita. Capisco che la propaganda dei cosiddetti vincitori abbia usato tonnellate di detersivo per tentare di ripulire le loro malefatte e gli orrori compiuti, arrivando a proclamarli eroi nazionali ed amnistiandone in blocco le colpe ma c'è un limite a tutto e la loro viltà resterà scritta nella pietra della storia e nella memoria collettiva per sempre.

pedrosa

Ven, 11/10/2013 - 18:28

@ gian paolo cardelli, per dovere di informazione, Luciano Violante è nato nel 1941, dunque durante la guerra aveve 4/5 anni,veda un po lei come poteva agire in modo criminoso.

Wolfy

Ven, 11/10/2013 - 18:37

Quanti moralisti. Io non avrei, io non avrei... A parlare sono bravi tutti. Ce ne fossero di eroi come voi, pronti a sacrificarsi per gli altri (a parole).

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Ven, 11/10/2013 - 18:38

bruno49 necessitava un colpevole leggi di guerra erano bastava uno per salvare 335 persone però sapendo chi hanno fucilato non è che dispiaccia molto

Ritratto di marforio

marforio

Ven, 11/10/2013 - 18:46

xbruno49-Gia che ci sono mi permetto anche io di dire la mia .Mio padre classe 1888 , fece la prima Guerra mondiale , la campagna di etiopia , la seconda Guerra mondiale . Suo Fratello ufficiale mori a Bengasi sotto un bombardamento .Al tempo di rappresaglia a lui come socialista che mai ha avuto ne tessera di partito ne fatto cose comuni con i fascisti , tramite questura lo andaro a cercare a casa. Lui fuggi nelle marche . A Guerra finita non Salto sul carro dei vincitori. Come vede io la penso diversamente forse nel nostro DNA non abbiamo sangue di gente che si vende.

Ritratto di marforio

marforio

Ven, 11/10/2013 - 18:49

Leopardi50- la sua Paranoia anche in questo articolo non céntra. Vadi sul corriere della serva una volta per tutte.

Ritratto di Maurizio Accica

Maurizio Accica

Ven, 11/10/2013 - 18:56

I familiari accusano ancora i nazisti per coprire la vergogna che furono i loro stessi compari dei GAP a causare il fattaccio. Lo dimostrano i familiari di un "morto per caso in via Rasella" tale Antonio Chiaretti(da Leonessa RI) di Bandiera Rossa, i quali sono restii a parlare del loro congiunto morto assieme al bambino fatto apezzi ecc. ecc. la cui foto è stata addirittura contestata da quelli che usano gli occhiali rossi per vedere la storia anche a distanza di 70 anni adducendo che a via rasella non estevano i marciapiede metre il ciglio che si vede nella foto altro non è che il basamento del palazzo ecc. ecc. Basta leggere gli elenchi delle persone trucidate e la loro appartenenza politica: erano di tutte le specie peno che del PCI !! O meglio nelle liste ce ne erano alcuni ma, guarda caso, furono depennati (letterale di penna) dai dattiloscritti ecc. ecc. Documentarsi sulla triste fine dell'ex direttore di Regina Coeli giustiziato dalla Folla al palazzaccio ecc. ecc. I sinistri non cambieranno mai. Si nega l'evidenza fino e oltre la morte. Saluti.

Ritratto di marco.aliaslosciccos

marco.aliaslosciccos

Ven, 11/10/2013 - 19:00

...quanti Priebke mancano all'appello? Solo perché appartenenti ai vinmcitori sono ricordati persino come eroi. Crimini contro l'umanità come il bombardamento di Dresda con bombe al fosforo vietate dall'allora convenzione di Gineva, i cui bombardamenti programmati per radere al suolo una città che ospitava rifugiati che scappavano dalla guerra, così causando una strage di circa 300mila morti. Gli inermi di Hiroshima e Nagasaki? Le fosse di Katyn (le fosse Ardeatine polacche), un eccidio di oltre 22mila ufficiali, dirigenti e politici polacchi di ogni ordine al solo scopo di decapitare la classe dirigente di una nazione... Un vecchio detto recita: "NON SEMPRE LA RAGIONE E' DALLA PARTE DEL VINCITORE"... in questo caso SI... ma dove sono i"Priebke" dei vincitori???

Ritratto di Maurizio Accica

Maurizio Accica

Ven, 11/10/2013 - 19:01

P.S. I 33 militari morti in via Rasella non erano tedeschi : erano dei ripescati ed erano TUTTI della Bozen ed erano dei tirolesi e quindi italiani.

gian paolo cardelli

Ven, 11/10/2013 - 19:12

Leopardi50: ancora una volta ha dimostrato la sua inutilità come partecipante alle discussioni.

Ritratto di Roberto di Bruno

Roberto di Bruno

Ven, 11/10/2013 - 19:13

Chi augura l'inferno augura una tortura atroce che non ha mai fine. Altro che il "boia delle fosse ardeatine"! Perdono e condanna dopo la morte, lasciamoli all'Unico che sia competente a deciderli!

odifrep

Ven, 11/10/2013 - 19:15

Credo che i nostri commenti odierni non saranno presi in considerazione dalla giustizia Divina. Innanzi ad un Priebke (qualsiasi) oggi defunto, non rimane altro che rendergli un pò di rispetto e di silenzio.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Ven, 11/10/2013 - 19:29

bruno49 conosci le leggi di guerra?

bruno49

Ven, 11/10/2013 - 19:43

franco-a-trier_DE: ho a casa un Codice Militare di Guerra. Lì c'è scritto tutto. Poi ci sono le leggi etiche, le leggi dell'onore, le leggi che fanno di un uomo, un UOMO. Quelle non stanno scritte sui libri.

titina

Ven, 11/10/2013 - 19:45

Il video testamento lo distruggerei. Spero che non lo facciano vedere in televisione: è un insulto alle persone che ha ammazzato!!!

Ritratto di stenos

stenos

Ven, 11/10/2013 - 19:46

Ok, il boia è morto. Ma raccontate anche il resto. Un attentato inutile fatto da vigliacchi che sono spariti. Le liste della mattanza in cui sono spariti i comunisti è finiti dentro altri. Il direttore del carcere linciato in tribunale perché' tenesse la bocca chiusa. A 70 in questo cesso di paese non si può ancora parlare di cosa veramente è successo.

Gianni Barbero

Ven, 11/10/2013 - 19:49

Montanelli scrisse a Priebke una lettera di solidarietà.Strano che nessuno lo ricordi e meno che meno la pubblichi!

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Ven, 11/10/2013 - 20:04

Stef Omega chi ha detto che era un genocida? Era un militare che ha ucciso dietro ordini superiori non certo per piacere,poi in guerra si va per uccidere o no,ricordati che ha eliminato delinquenti dalle carceri comunisti ed ebrei, poi tu sai cosa hanno fatto gli italiani nelle colonie in Africa? Ti sembra che tagliare le teste come souvenir dei locali come fecero gli italiani sia meno di ciò che ha fatto Priebke?Perchè non ti guardi un po youtube?

Anonimo (non verificato)

retnimare

Ven, 11/10/2013 - 20:05

Macche' boia. Il vero boia e' stato quel codardo vigliacco di Rosario Bentivegna. Riposa in pace soldato: onore.

Ritratto di robertoguli

robertoguli

Ven, 11/10/2013 - 20:06

Condivido il commento del lettore AG4851. Su "Via Rasella" lentamente sta venendo fuori una verità sconcertante. Troppi fatti (nel 45) sono serviti da trampolino di lancio per opportunisti con un briciolo di coscienza. Il mio ricordo va a quel bambino di 9 anni e ad altri 2 civili che furono coinvolti ingiustamente. Distinti saluti. Roby

Nonmimandanessuno

Ven, 11/10/2013 - 20:08

Quando processarono Kappler -capo supremo anche di Priebke, quest'ultimo e i suoi pari grado, furono assolti. Perchè a Kappler, è stato permesso di andare a morire in Germania ( governo Andreotti) scusa ufficiale, "Portato fuori dall'ospedale militare Celio di Roma, dalla moglie quasi ottantenne dentro una valigia!". La Germania ci prestò dei soldi perchè, ma guarda tu, eravamo sull'orlo del fallimento anche allora, poi pretese quale garanzia l'oro della Banca d'Italia e la liberazione di Kappler. E qui, s'è rifatto il processo a Priebke con degli scalmanati in aula che minacciavano i giudici, per irifarci la verginità. Siamo o no antifascisti? Sono nato dopo il Fascismo, non lo voterei mai, ma la verità non me la faccio raccontare da chi ha interesse a mistificarla. Siamo buoni, tolleranti e permissivi con tutti, vedi immigrati, rom e pure delinquenti, e ci accaniamo con un vecchio quando per le nostre leggi un settantenne non deve più stare in prigione. Sepolcri imbiancati.

Ritratto di pisistrato

pisistrato

Ven, 11/10/2013 - 20:09

@Maurizio Accica - vai a chiedere ad un tirolese se è italiano e vedi che ti risponde.....

bruno49

Ven, 11/10/2013 - 20:13

#promfran: di tutti i commenti letti il suo è quello più inquietante e per questo il più intrigante. Anche Mussolini aveva un carteggio segreto con Churchill. Le chiedo un favore: dove si possono trovare ulteriori particolari sulla tesi che lei ha proposto? Grazie.

Ivano66

Ven, 11/10/2013 - 20:25

I fascisti hanno sempre falsificato la storia e oggi in Italia, grazie a Berlusconi, tirano di nuovo fuori la testa dalle fogne.

angriff

Ven, 11/10/2013 - 20:32

Nulla si odia e si teme più dell'esempio.

angriff

Ven, 11/10/2013 - 20:35

Ivano 66 posa il fiasco!

Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Ven, 11/10/2013 - 20:39

Se n'è andato un Gentiluomo. Non accanitevi contro di lui, che era innocente. Ma devolvete la vostra rabbia e le maledizioni contro antonio di pietro che ci ha ridotto in miseria, decapitando le migliori energie del Paese. Vomitate l'animaccia vostra su marco travaglio, michele santoro, peter gomez, carlo maledetto, su quei magistrati che hanno rovinato l'Italia mandando al patibolo Berlusconi. E lasciate in pace Erich PRIEBKE che era migliore di tutti voi, messi insieme. --- riproduzione riservata -- 20,39 == 11.10.2013

Wolfy

Ven, 11/10/2013 - 20:54

Ivano66 l'inferno è il posto giusto per una merda di fogna come te. Mi meraviglio come "il Giornale" possa avere scritto Boia. Forse che anche "il Giornale" si è "companizzato"? Ha eseguito gli ordini in un periodo completamente diverso di 70 anni fa, dove la maggior parte della popolazione tedesca, che piaccia o no, era nazista. Quindi al limite si sarebbe potuto definire "disertore" se non avesse obbedito. Ma è ovvio, siamo in una bella democrazia senza libertà di parola e neppure di pensiero visto che la stampa ti mette in testa quello che vuole. Vogliamo parlare dei crimini dei partigiani? Di quando hanno imbottito la vagina della presunta moglie di un fascista e poi fatta esplodere?

Ritratto di marforio

marforio

Ven, 11/10/2013 - 20:55

IVANO66-Senti da quale pulpito viene la predica. Pupetto lascia il vino bevi ancora il lattuccio e vai a nanna.

Ritratto di bracco

bracco

Ven, 11/10/2013 - 21:16

Su lo stesso piano di questo assassino mettiamo anche quello che mise la bomba che provocò la ritorsione.....

Anonimo (non verificato)

J.J.R

Ven, 11/10/2013 - 21:43

mbotawy': ordini dei superiori...certo. Sono quelli come te che tengono in piedi le guerre.

Graffito

Ven, 11/10/2013 - 21:53

Qui in Italia tutti i cretini sono comunisti, perciò che cosa vi aspettate che facessero se non una cretinata degna di loro, poi pensare che si sarebbero dovuti presentare alle autorità per evitare la rappresaglia è una vera utopia, il già pensare a loro stessi gli fa utilizzare tutte le loro misere energie psitiche, oltre, proprio, non ce la fanno. Priebke nell'eseguire gli ordini cercò di salvare più italiani possibili mandando alla fucilazione soprattutto ebrei.

gesmund@

Ven, 11/10/2013 - 21:56

Dimenticate, o figli, le nuvole di sangue Salite dalla terra, dimenticate i padri: le loro tombe affondano nella cenere, gli uccelli neri, il vento, coprono il loro cuore. (Uomo del mio tempo)

TheSchef

Ven, 11/10/2013 - 22:12

Nessuna giustificazione ma chi fu artefice di Via Rasella non fu abbastanza uomo da farsi avanti, altro che eroe della resistenza!

Ritratto di CesareAugusto

CesareAugusto

Ven, 11/10/2013 - 23:14

E' morto un uomo saldo nelle sue convinzioni e fermo nella lealtà ad un codice militare.

TONI-GARATTI

Ven, 11/10/2013 - 23:27

La canaglia partigiana ne ha uccisi molti di più a sangue freddo, almeno i nazisti erano uomini che hanno combattuto palmo a palmo su tutti i fronti e contro tutti, i partigiani che ora parlano o i loro eredi sono solo topi di fogna bravi solo a colpire a tradimento!!! Che smettano di vomitare il loro fluido fetenziale e ributtante!!

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Ven, 11/10/2013 - 23:32

bruno49 un soldato non deve comportarsi come uomo ma come soldato i soldati sono delle pedine, se si comportassero con umanità non ucciderebbero e non andrebbero in querra,semmai in guerra si perde la umanità o tu ammazzi me o io te capisci questo?Non hai capito che più uccidi e più vieni premiato? Pisistrato io ero in Sud Tirolo 10 giorni fa ed ho chiesto ad alcuni del luogo, ci sono 3 tipi di tirolesi ho capito che una parte ti dice che si sentono austriaci, una altra parte ti dice che sono indipendenti e non vogliono essere ne sotto la Austria e ne sotto alla Italia, una altra parte questo mi disse un titolare di un ristorante, io sono e mi sento italiano però sono di quà e lasciatemi quà.Infine voi che criticate i misfatti della Germania avete dimenticato che insieme a lei c'erano anche gli italiani? Quando bruciavano un paese insieme ai tedeschi anzi forse in prima linea c'erano gli italiani interpreti eccetera camicie nere,quindi prima di scrivere pensare bene.

francoberto

Sab, 12/10/2013 - 00:54

Trovo che l'ignoranza,la malafede,la grossolanità che trasudano da questo forum(a cominciare dal "giornalista"),suscitino disgusto eguale-superiore a quello dell'eccidio incriminato. Mi domando come cazzo facciano (i più!)a vivere in modo tanto squallido e,peggio di cani randagi,a trovare l'ardire di "avere certezze".Sparatevi da soli!Un Priebke sarebbe sprecato.

Accademico

Sab, 12/10/2013 - 08:40

Francesco.... ma come faccio a perdonare il Demonio?

James Cook

Sab, 12/10/2013 - 08:41

Gian Paolo Cardelli,Lei è un povero essere imbevuto di retorica nazista! Quanti MILIONI di Ebrei hanno sterminato i nazisti! solo un imbecille becero come lei può dire che la colpa fu dei partigiani che in una azione di guerriglia urbana,in pieno conflitto uccisero i soldati Tedeschi. I fascisti italiani e nazisti tedeschi UCCISERO E TORTURARONO centinaia di Partigiani italiani. Si rilegga le stragi di Marzabotto e S.Anna di Stazzena Ancora oggi esistono degli esseri come lei che fanno un calcolo aritmetico? Lei è solo un imbecille, che se oggi può scrivere queste cose lo deve anche a coloro che hanno dato la vita per il suo e il mio diritto alla democrazia! lei è un vero demente!

Ritratto di bobirons

bobirons

Sab, 12/10/2013 - 08:55

Vae Victis - Priebke é certamente da condannare per il suo rifiuto di riconoscere alcuni dei crimini perpetrati dal regime a cui aveva giurato fedeltà. Forse anche per aver aderito ad un corpo militare ma sottoposto ad un'autorità politica, come le SS. Ma sulla strage delle Fosse Ardeatine, orribile crimine condannabile così come sono da condannare tanti altri fatti di guerra (ad esempio, bombardamento su città - Coventry, Dresda, Hiroshima) ma a cui lui, esecutore, non poteva esimersi a meno di un personale atto eroico, che comunque niente avrebbe cambiato nell'esecuzione. Rifiutare di eseguire un ordine in zona d'operazioni equivale ad essere fucilati sul posto, immediatamente. Non è neppure necessaria una sentenza di un tribunale militare, basta la relazione del superiore, comandante l'operazione nel complesso. Nell'ordine ascendente, Kappler, che prese ordine da Kesserling, che prese ordine dal Fuehrer. Ed a corollario della storia complessiva, l'appropriazione fatta dalla comunità ebraica che, giustamente, piange i suoi 75 italiani israeliti morti, quasi fossero più importanti dei 260 italiani cristiani, atei o di altre confessioni. Furono massacrate 335 persone, punto, crimine non ad personam o confessionale, ma contro l'umanità.

J.J.R

Sab, 12/10/2013 - 10:57

Silvio B Parodi...di chi "eseguisce"??? E sarebbero gli altri gli ignoranti?

DonatoDS

Sab, 12/10/2013 - 13:14

Solo per francotrierde. "ricordati che ha eliminato delinquenti dalle carceri comunisti ed ebrei"...Lasciami commentare... MALANTINATADELIMORTACCITUAEDESTOBOVENAZISTADADUSORDIFARZI!!!

DonatoDS

Sab, 12/10/2013 - 13:53

Lo sanno tutti ormai: gli ordini si eseguiscono senza se e senza ma. Tutti gli non eseguenti vengono puniti da quelli che eseguiscono l'ordine di eseguiscare...IGNORANTI, convertitevi alla cultura ed eseguiscate!!!

odifrep

Sab, 12/10/2013 - 14:29

James Cook (08:41) - Marzabotto - Sant'Anna di Stazzena, perché non aggiunge anche Rovetta per completezza della storia. Meno male che Andreotti fece togliere dalla targa della stazione di Bologna, la scritta :"....strage fascista....). Lei è solo un emerito moncopecocaproide che, cercando di lavarsi il viso, si ficca negli occhi le dita della mano monca. Aveva ragione Battisti a dire :"per poi farli diventar così, preferisco allevar vitelli e conigli" riferendosi a persone come lei.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Sab, 12/10/2013 - 17:55

Poi i lettori la gente dicono che era un criminale perchè si sono fatti emozionare dal numero dei morti 335, se fosse stato uno solo neppure lo avrebbero nominato o guardato.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Sab, 12/10/2013 - 17:56

ci voleva un tedesco per eliminare un bel numero di comunisti in Italia, altro che tenerli in carcere e mantenerli.