La macelleria non è a norma, magrebino attacca militari con bombola di gas

Lo straniero ha reagito in malo modo alla comunicazione del sequestro della sua macelleria, non in regola sia per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro che per le norme igienico-sanitarie: lievemente ferito un carabiniere

Grave episodio di aggressione ai danni dei carabinieri avvenuto ad Eboli (Salerno) durante la mattinata di ieri.

I militari della locale compagnia, unitamente ai colleghi del comando provinciale di Salerno ed al nucleo cinofili di Sarno, erano impegnati in un'operazione coordinata straordinaria di controllo del territorio. Le verifiche sono state effettuate nella zona di Eboli, in località Santa Cecilia ed a Campagna.

Nel corso della giornata, gli uomini dell'Arma si sono occupati anche di effettuare degli accertamenti su alcune attività commerciali, tra cui una macelleria collocata lungo la litoranea. L'esercizio commerciale, di proprietà di un 48enne marocchino, è stato sottoposto a sequestro, in quanto non conforme alle norme inerenti la sicurezza sul lavoro e quelle igienico-sanitarie.

Fin da subito ostile, il nordafricano ha perso completamente il controllo quando gli è stato comunicato l'esito delle verifiche e le decisioni prese dai carabinieri a riguardo. Strenua la resistenza opposta dallo straniero, che ha anche afferrato e brandito una bombola di gas contro i militari, aggredendoli e cercando di colpirli prima di venire fermato. Uno di essi è stato lievemente ferito nella concitazione di quegli attimi.

Il 48enne M.J. è stato quindi tratto in arresto e si trova ora ai domiciliari in attesa di giudizio direttissimo.