Ecco la nuova Alfa Giulia

Presentata la nuova berlina sportiva. Marchionne: "È uno dei progetti su cui sono più coinvolto anche emotivamente"

L'Alfa Romeo riparte dalla Giulia: la nuova berlina sportiva è stata presentata al museo di Arese nel giono del 105esimo anno dalla fondazione.

Ha aperto l'evento l'ad del brand, Harald Wester: "La nostra missione, quella di Alfa Romeo, è mettere il guidatore al centro, una rivoluzione mentale, non meno che tecnica", ha detto il numero uno di Alfa Romeo, "Abbiamo pianificato il rinascimento, l’Alfa sarà una fusione tra uomo e macchina". In platea c'erano anche l'ad di Fca, Sergio Marchionne, il presidente di Fca, John Elkann, il ministro dei Trasporti, Graziano Delrio, e il presidente della Juventus, Andrea Agnelli.

A sorpresa anche il tenore Andrea Bocelli che ha parlato del proprio amore per le auto e recitato una poesia, prima di cantare l’aria Nessun dorma dalla Turandot con il tradizionale Vincerò. La nuova Alfa è una vettura con motore biturbo a 6 cilindri, ispirato alle tecnologie Ferrari, con trazione posteriore e integrale.

"Non è un mistero che l’Alfa Romeo è uno dei progetti su cui sono più coinvolto anche emotivamente", ha detto poi Sergio Marchionne, "È uno dei più importanti della mia carriera. Il valore del marchio non ha eguali al mondo. Alfa ha un potenziale che si traduce in una opportunità di business unica, ma negli ultimi 30 anni si è portata dietro un senso di incompiutezza che gridava vendetta. Lasciarla a competere con i marchi generalisti avrebbe voluto dire tradirne lo spirito e i valori. Dare voce alla vera Alfa Romeo era un dovere anche morale. Alfa Romeo è la nostra Turandot. Credo che il maestro Bocelli non avrebbe potuto scegliere un’opera migliore. Lo è per la sua genesi travagliata, quella di un capolavoro rimasto per lungo tempo incompiuto, ma lo è soprattutto per la strasformazione eccezionale che ha preso vita in questi due anni. Da principessa di ghiaccio, da progetto in perenne divenire a questo trionfo d’arte e di passione. Oggi possiamo finalmente dire che è il primo giorno di una nuova era Alfa. È un marchio che riprende il posto che merita nel panorama dell’auto".

Commenti

il_viaggiatore

Mer, 24/06/2015 - 19:07

Poco innovativa, come nella tradizione FCA/FIAT. Linea già vista proprio sulle Alfa. Il consumo sarà di sicuro da Ferrari, le finiture e la solidità da Dacia. In bocca al lupo da un ex-alfista ora felicemente passato a Volvo.

frabelli1

Mer, 24/06/2015 - 19:44

Bella, speriamo che il prezzo d'attacco non sia eccessiva, altrimenti le tedesche Mercedes, Bmw e Audo

frabelli1

Mer, 24/06/2015 - 19:45

Speriamo che il prezzo d'attacco non sia eccessivo altrimenti le tedesche ne faranno un sol boccone

Ritratto di alasnairgi

alasnairgi

Mer, 24/06/2015 - 22:05

A mio parere andava fatto per questa nuova vettura lo stesso input fatto per la nuova 500 Fiat. Cioè ricordare con qualche richiamo stilistico la vecchia gloriosa Giulia del passato. D'accordo che c'è in bella vista il famoso scudetto con i baffi, ma mi sembra troppo poco. Occorrerebbe qualche alzata di ingegno stilistico!!!! A meno che la linea sia dettata dalla necessità aerodinamica.

Ritratto di alasnairgi

alasnairgi

Mer, 24/06/2015 - 22:19

Scorrendo Il Giornale ho visto il servizio fotografico al di fuopri di questo servizio: Le prese d'aria anteriori sono molto diverse da quelle presentate sulla foto centrale dell'articolo, mentre sono uguali nella foto di testa con Marchionne che la presenta. E' un errore dell'impaginatore o chè?????

stat

Mer, 24/06/2015 - 23:24

....e il viaggiatore va sul suo carrozzone cino-svedese felice come una pasqua; propongo di inserire i volvisti fra le specie protette.

pastello

Gio, 25/06/2015 - 00:21

Nei primi anni 90 ho avuto una 75 Twin spark, poi rubata. Una macchina fantastica, l'ultima vera Alfa Romeo. Da oggi spero e auguro che sia stata la penultima.

Grix

Gio, 25/06/2015 - 02:16

Un po' da tamarro.

acam

Gio, 25/06/2015 - 07:13

il_viaggiatore Mer, 24/06/2015 - 19:07 Puoi trasperiti in svezia, inquanto al confronto con dacia si vede che stando con volvo non hai seguito l'evoluzione dell'industria italiana, ci sono punto dell'80 che che ancora camminano, sicuramente pui attraenti di una costosa volvo che per essere in grado di mantenersi hai i fari a mandorla. la mercedes OGGI-Vincitutto ha dovuto trafugare la tecnologia Ferrari per risogere,. quind starei attento prima di parlare a vanvera

Ritratto di bobirons

bobirons

Gio, 25/06/2015 - 08:06

@ il_viaggiatore - Da ex alfista anch'io, due Alfetta ed una Giulietta, ho imparato che nell'A.R. quello che conta non é l'aspetto della carrozzeria ma il complesso motore/sospensioni/freni. La vocazione sportiva del marchio, anche in era dove le velocità sulle strade sono necessariamente mortificate, mortificata da una trazione anteriore che in corsa solo il buon Munari sapeva sfruttare, sentire un motore che ruggisce sotto il cofano, la ripresa fulminea, la tenuta di strada ottima, la frenata eccezionale fanno dell'Alfa un unico che ne Volvo, BMW o altri possono sognarsi di confrontare. Un po' come era la Jaguar inglese prima dell'assorbimento tedesco, un motore eccezionale dentro una carrozzeria qualunque. Comunque, per me, ora sogni di un tempo che fu, passato a Dacia Duster che in quanto a solidità e finiture offre ben più del prezzo d'acquisto, non potendo più ammaestrare 200 e passa cavalli.

Oraculus

Gio, 25/06/2015 - 08:56

Cosi' a prima vista non mi dice nulla!! , anche agli imbecilli era facile intuire che un ritorno della Giulia avrebbe dovuto ispirarsi a quella del passato magari ristilizzata in una versone moderna , esattamente come si e' fatto con la 500 FIAT.

dalodilorenzo

Gio, 25/06/2015 - 10:19

Finalmente l' Alfa Romeo lancia nuovi modelli sul mercato, fino adesso non c' erano berline competitive con quelle tedesche, a vedere le foto sembra bella, speriamo che ci sia il rilancio del marchio italiano.