Cosa si nasconde dietro le Ong "amiche" dei terroristi islamici

Molte organizzazioni umanitarie islamiche hanno legami con i gruppi jihadisti. Ecco quelle attive in Italia

Sono numerose le Ong islamiche che appoggiano la guerra santa dei terroristi contro l'Occidente. Non è un mistero: dietro lo scudo degli aiuti umanitari spesso si nasconde il sostegno al jihadismo internazionale. Vale in tutto il mondo: amicizie con i Fratelli Musulmani, appoggio ai "ribelli" siriani e sostegno alla causa palestinese. Nemmeno l'Italia è immune a questo cancro.

A destare sospetti, infatti, sono due Ong attive nel Belpaese: la Onsur-Italia (Campagna mondiale di sostegno al popolo siriano) e la Ossmei (Organizzazione Siriana dei Servizi Medici di Emergenza in Italia​). Oltre a lavorare quasi sempre assieme, le due Ong condividono un particolare non secondario: nei loro stemmi compare la bandiera dei "ribelli siriani". Quelli, per intenderci, che si oppongono ad Assad e che nei giorni scorsi hanno sgozzato un bambino di 11 anni accusandolo di essere una spia.

I legami della Onsur con i Fratelli Musulmani

Partiamo dai legami delle Ong con i Fratelli Musulmani, il movimento islamico bandito da Emirati Arabi, Arabia Saudita e Egitto con l'accusa di essere un'organizzazione terroristica. Il presidente della Onsur è Ahmad Amer Dachan, un italo-siriano molto attivo sui social network. Se non si tratta di un caso di omonimia, suo padre è Nour Dachan, presidente emerito dell'Ucoii, l'Unione delle Comunità Islamiche Italiane che subisce l'influenza dei Fratelli Musulmani. La sorella invece è stata fidanzata con Ammar Bacha, uno dei jihadisti di Cologno Monzese partiti nel 2012 per combattere in Siria contro Assad.

A documentare la vicinanza tra la Onsur e la Fratellanza Musulmana ci sarebbero poi alcune foto presenti nel profilo Facebook di Dachan. In un'occasione si è fatto immortalare in un caloroso abbraccio con un volontario della Islamic Relief. Nulla di strano, se non fosse che questa Ong (attiva in molti Paesi e con sede a Londra) è stata accusata dal governo di Israele di aver sostenuto la cellula terroristica che ha rapito tre studenti israeliani nel 2014. Tra i dirigenti di Islamic Relief, inoltre, spiccano nel tempo individui come Ibrahim El-Zayyat, Essam el-Haddad e Ahmed al-Rawi a loro volta rappresentanti autorevoli della Fratellanza.

Se il quadro non fosse abbastanza chiaro, il puzzle si conclude con altri due tasselli: il primo è una foto che ritrae Dachan ad un gazebo a sostegno di Mohamed Morsi, l'ex presidente egiziano esponente dei Fratelli Musulmani; il secondo, un evento organizzato dal Nour Dachan nel 2015 per conto dell'Ucoii in cui - come ha ricostruito Valentina Colombo - avrebbe invitato a parlare membri della Fratellanza.

Le amicizie della Onsur con i jihadisti palestinesi

Come se non bastasse, lo scorso ottobre Ahmad Amer Dachan si scatta un selfie sotto la sede della Abspp, l'Associazione Benefica di Solidarietà con il Po­polo Palestinese. Questa Onlus ha sede a Genova e - per ammissione del suo stesso fondatore, Mohammad Hannoun - con le donazioni raccolte ha più volte foraggiato le famiglie dei kamikaze palestinesi. Beneficienza per sostenere il terrorismo.

Non è tutto. Un'altra foto imbarazza le due Ong. Sui pacchi degli aiuti umanitari diretti in Siria, i loghi della Onsur e della Osmei vengono applicati a fianco di quelli della Insani Yardim Vafki (IHH), una Ong islamica turca. La IHH è considerata dai servizi segreti di molti Paesi vicina ad Al Quaeda e Hamas. Oltre ad Israele, che l'ha inserita tra le organizzazioni terroristiche, anche il governo tedesco ha riscontrato legami con i jihadisti. Nel 2010 l'allora ministro dell'Interno, Thomas de Maiziere, disse senza peli sulla lingua: "Sotto la copertura degli aiuti umanitari la IHH appoggia finanziariamente (...) associazioni legate ad Hamas, responsabile di azioni di violenza contro Israele e gli israeliani".

La Ossmei e il traffico di migranti

Per quanto riguarda la Ossmei, non sono pochi gli episodi di dubbia legalità. Nel 2013, El Debuch Ahmad, 51enne siriano, è stato arrestato con l'accusa di essere uno "scafista di terra". La polizia di Reggello (Firenze) gli sequestrò 3600 dollari mentre era in compagnia di due clandestini siriani, soldi riconducibili al traffico di migranti. Interrogato, non negò di "essere responsabile dell’associazione Ossmei".

Ecco. Questa è la realtà delle Ong islamiche che operano in Italia. Visto il velo di mistero che le ricopre ed appurati i loro legami con i Fratelli Musulmani, forse le attività che conducono meriterebbero maggiore attenzione da parte del governo. Ma al momento tutto tace.

Commenti
Ritratto di bandog

bandog

Ven, 05/08/2016 - 19:26

Non ci posso credereeee!!Ma come le ong muslims di pace e bene che foraggiano i terroristi,anzi i fratelli musulmani che sbagliano..vuoi vedere che c'è anche qualche pdiota di mezzo??

fft

Ven, 05/08/2016 - 19:28

io nacondo, tu nacondi, egli naconda...

OttavioM.

Ven, 05/08/2016 - 19:33

In Italia bisogna cominciare a fare sul serio la lotta al terrorismo,per esempio cominciando a vedere chi c'è davvero dietro il traffico di clandestini,cosa finanzia questo traffico e se per caso con la scusa dei migranti non fanno entrare terroristi che poi vengono lasciati passare senza controlli.Per anni il governo ha preferito dare retta ai lamenti di tante associazioni,ong,coop e anime belle che dicono di battersi per i diritti dei clandestini e non vogliono controlli,frontiere,che si prendono le impronte ecc. Invece il governo si deve preoccupare della sicurezza degli italiani,devono identificare e rimpatriare i clandestini e soprattutto chiudere le frontiere.

Ritratto di il navigante

il navigante

Ven, 05/08/2016 - 19:34

Eh sì, Paese che vai, ONG che trovi...

sottovento

Ven, 05/08/2016 - 19:35

La verità è che nonostante siamo paesi evoluti e ricchi di tecnologie i terroristi ci hanno preso in contropiede giocando sulle nostre falle e sul nostro buonismo ed è così che ci colpiscono. Solo ora si corre ai ripari ma prima li si è lasciati dilagare su internet, nei loro quartieri ghetto e nelle moschee (anche abusive), non possiamo permetterci di accogliere tutta l'Africa con una guerra alle porte (Libia). Siamo in guerra, una guerra non convenzionale per la quale dobbiamo intraprendere azioni poco convenzionali. Basta buonismo di sinistra!!

Iena_Plinsky

Ven, 05/08/2016 - 19:41

E cosa dire delle ONG occidentali che pagano ribelli e I jihaidsti (Al Qaeda) per essere protetti nelle zone di guerra. Non e' una novita' e sta andando avanti da anni.

venco

Ven, 05/08/2016 - 19:45

Ci sono delle analogie fra la massoneria politica mondiale e l'ideologia islamica: tutte due sono antidemocratiche e contro la libertà civile, e per la sottomissione delle persone.

Linucs

Ven, 05/08/2016 - 19:47

Pazzesco! Un po' come le ONG di Soros!

alberto_his

Ven, 05/08/2016 - 19:53

Mi preoccuperei di più delle ong di Soros o delle agenzie non governative/no-profit come usaid e ned: quelle ne fanno di ogni

rossini

Ven, 05/08/2016 - 20:04

Al primo posto in classifica spicca fra tutte una ONG che si chiama Chiesa Cattolica. Evitate di finanziarla con l'8 per 1000. Vuol consegnare l'Italia e l'Europa all'ISLAM.

Ritratto di 02121940

02121940

Ven, 05/08/2016 - 20:05

Non esiste un Islam "pacifico", non è previsto dal Corano. Dove sono in minoranza si adattano alla situazione locale, ma sono solo "dormienti", pronti a svegliarsi quando viene a loro ordinato da chi conta. Lo dice la storia.

Ritratto di il navigante

il navigante

Ven, 05/08/2016 - 20:44

Eh si, Paese che vai ONG che trovi e che lavorano sempre ...per conto terzi.

MgK457

Ven, 05/08/2016 - 23:14

Sono lupi travestiti da pecore, buonanotte Bergoglio.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Sab, 06/08/2016 - 00:20

Si spera che le tanto decantate operazioni di "intelligenza" svolte dai servizi segreti abbiano nel mirino questi truffatori che agiscono NEL NOSTRO PAESE DA QUINTA COLONNA ISLAMICA DEL FONDAMENTALISMO. Speriamo che non resti solo una speranza.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Sab, 06/08/2016 - 00:35

Ma la Onsur-Italia non è la stessa organizzazione della quale facevano parte le due "RAPITE" Greta Ramelli e Vanessa Marzullo? Quelle tali che trascorsero un "ANGOSCIANTE RAPIMENTO", durante il quale vennero minacciate di morte se non veniva pagato il riscatto? Le stesse che si presentarono BELLE TRANQUILLE E PASCIUTE, come fossero state in vacanza, a pagamento avvenuto?

greg

Sab, 06/08/2016 - 08:13

Nessun timore: Alfano ha dichiarato che terroristi in Italia non ce ne sono e con i controlli che fa lui non ne possono entrare. E poi c'è Renzi, l'inflessibile tutore dell'italico onore e decoro, che non permetterebbe mai tali azioni sul territorio italiano, .......o forse non li vede, troppo impegnato a svolazzare in giro per il mondo, a fare che cosa non è ancora dato sapere...

Ritratto di stenos

stenos

Sab, 06/08/2016 - 09:07

ONG, l'ultima trovata dei delinquenti.