Ecco la verità sul giallo dei gettoni d'oro Rai

Ferruccio Invernizzi, presidente della Pronto Gold SpA (Banco Metalli Preziosi): "C’è una percentuale d’oro più bassa nel gettone"

Il “giallo dei gettoni d’oro” scuote i palazzi della Rai e fa discutere. Maria Cristina Sparanide, impiegata di 45 anni, concorrente vincitrice di un programma della televisione pubblica, Red Or Black, accusa: “Ho vinto 100mila euro in gettoni d’oro, le tasse me ne hanno lasciati 80mila, ma poi ho riscosso 60mila euro”. Una perdita secca di altri 20mila euro. Perché? Perché, tra l’altro, i gettoni d’oro non sono di metallo purissimo. Questo hanno detto alcuni esperti alla signora Sparanide. La competenza e l’esperienza di Ferruccio Invernizzi (che non è tra gli esperti interpellati dalla concorrente), presidente della Pronto Gold SpA (Banco Metalli Preziosi) che opera da anni nel settore anche con estimi professionali e certificati di metalli preziosi, gli fanno aguzzare la vista.

La concorrente denuncia una diminuzione sul singolo gettone d’oro da 999,9 a 995. Cosa significa?

“Vuol dire che da oro puro, cioè 999,9 per mille, si passa a 995 per mille, cioè un valore che indica un oro non puro. Quindi c’è una percentuale d’oro più bassa nel gettone, il 5 per mille in meno”.

In soldoni cosa comporta una diminuzione di questo genere?

“La concorrente ha parlato di quattro gettoni del valore di 20mila euro ciascuno che avrebbero dovuto fruttarle 80mila euro. Sono stati invece convertiti in 60mila euro. Una diminuzione di 5 grammi per ogni chilo d’oro su circa 2 chili e 300 grammi complessivi di peso dei gettoni fanno circa 11 grammi. Alle quotazioni attuali dell’oro, cioè 35 euro al grammo, la concorrente ha perso poco più di 385 euro”.

Quali voci pesano sulla conversione dei gettoni d’oro in denaro contante?

“Anzitutto un’ulteriore percentuale stabilita a forfait per il calo di fusione. Cioè quando si fonde l’oro se ne perde una piccolissima parte. Un calo normale è tra il 2 e il 5 per mille, in questo caso circa 300 euro in tutto. Poi la lavorazione, detta lingottatura, cioè la trasformazione dell’oro in gettone; normalmente per un gettone di questo tipo circa 100 euro. Quindi 700 euro complessivi di costi industriali. Pare invece che i costi applicati alla concorrente fossero più alti. E non dimentichiamoci dell’IVA”.

Perché la concorrente non avrebbe dovuto pagare l’IVA?

"Si tratta di oro in lingotti a forma di gettoni. Quindi si tratterebbe di oro da investimento, che per legge non è soggetto ad IVA come invece i monili da gioielleria. In questo caso parliamo di circa 17mila euro”.

Cosa deve fare chi vince dei gettoni d’oro a un quiz televisivo?

“Anzitutto controllare le voci di spesa: calo di fusione, la lingottatura e la purezza del metallo. I valori sono standard, basta verificarli con un consulente esperto. E poi, se questi gettoni sono catalogabili come oro da investimento, l’IVA non è dovuta. Sarebbe necessario in tal senso un pronunciamento chiaro e definitivo del Ministero dell’Economia e delle Finanze”. Non è tutto oro quel che luccica! Mai detto fu più calzante…

Commenti

vince50_19

Mer, 27/04/2016 - 17:26

Certe faccende come questa alla Rai dovrebbero spiegarle a monte del gioco a premi in gettoni d'oro, non dopo. Sono solamente dei cialtroni.

accanove

Mer, 27/04/2016 - 17:35

della serie dobbiamo guardarci anche se ci premiamo, hai la voglia di coprire quei 20.000 euro mancanti, ci hanno mangiato alla grande.

Ritratto di tomari

tomari

Mer, 27/04/2016 - 17:36

E la fatica di consegnare i gettoni al vincitore,non la mettono? Sono ridicoli,se uno vince 100.000€ Deve avere in mano 100.000€! Altrimenti facciamo come l'imponibile lordo...se uno guadagna 100.000€ e 95.000€ se ne vanno in trattenute,io,per lo stato, ho GUADAGNATO 95.000€...anche se effettivamente mi sono venuti in saccoccia SOLO 5.000€...bel guadagno!

giovauriem

Mer, 27/04/2016 - 17:57

cosa c'è di onesto nella rai ? quello è un lazzaretto !

Ritratto di manganellomonello

manganellomonello

Mer, 27/04/2016 - 17:59

Cosa deve fare chi vince dei gettoni d’oro a un quiz televisivo? Portarseli a Panama.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mer, 27/04/2016 - 18:04

Poi parlano di "trasparenza"!!!!

routier

Mer, 27/04/2016 - 20:10

La cosa più saggia sarebbe disertare totalmente i programmi Rai TV. Con l'avvento del digitale terrestre rimangono a disposizione centinaia di canali ed alcuni di loro sono di gran lunga migliori delle trasmissioni di Stato.

tiromancino

Mer, 27/04/2016 - 22:11

Un bel suggerimento,pensate che diventerà oro da investimento e perdere di botto l'iva? Le sanguisughe si nutrono di sangue,umano

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Gio, 28/04/2016 - 01:07

Resto in attesa del BOTTO DELL'ORO DEI GETTONI RAI dato che da anni tutti i premi sono stati erogati in gettoni d'oro.

un_infiltrato

Gio, 28/04/2016 - 07:16

Ma è proprio "tignosa" questa signora di Perugia. Non stia a farla poi tanto tragica. In soldoni.. anche in questo caso parliamo appena di un "cinque per mille" di cresta. Anche se, non proprio.. di quelli destinati alla povertà oppure ad opere e/o fondazioni meritorie. In fondo, molto in fondo, si tratta di una percentualina.. su grandi numeri però... che magicamente si trasforma in milioni che qualcuno - della serie "involontariamente senza saperlo" - intasca impunemente da decenni e decenni. Che schifo, che vergogna, che gentaglia, che ladri.

steffff

Gio, 28/04/2016 - 08:54

avrebbe dovuto andarli a cambiare in Svizzera.

un_infiltrato

Gio, 28/04/2016 - 10:41

Il rimborso all'avente diritto, signora perugina, costituirà un precedente perchè vengano rimborsati tutti i concorrenti analogamente truffati in precedenza. Rai sarà quindi condannata a pagare, e per farlo dovrà vendersi i gioielli di famiglia che ha acquistato nel tempo grazie anche al mio canone. Non tutti i mali vengono per nuocere. Grazie alla perugina, abbiamo trovato il modo di toglierci dalle sfere l'inutile Ente Radiotelevisivo di Stato. Era ora. E' proprio vero che la cioccolata fa bene.

cicero08

Gio, 28/04/2016 - 11:40

una vera delusione per me che pensavo fosse tutta colpa di banca Etruria...