Emergenza sicurezza: Milano è un colabrodo, gli altri tribunali peggio

A Roma si entra e si esce senza controlli dal tribunale civile, a Vicenza i metal detector non esistono proprio. A Palermo gli avvocati chiedono telecamere ma "non è possibile installarle"

Esiste un problema: la sicurezza nei tribunali. Peccato che esista da oggi. Serviva una sparatoria con tre morti e due feriti per aprire gli occhi su una questione tanto spinosa quanto ridicola.

A Roma zero controlli

Chi vive a Roma sarà capitato, almeno una volta, al tribunale Civile. Un vespaio di avvocati, giudici, praticanti e clienti. Un porto di mare in cui, pur volendo, sarebbe difficile fare dei controlli a tappeto. Infatti, meglio tagliare la testa al toro: nessun controllo. Neanche un usciere. Si può entrare ed uscire con una facilità disarmante. I pochi uomini delle forze dell'ordine che sono chiusi negli uffici al piano terra e sembra che non escano praticamente mai da quelle stanze. Nel palazzo, infatti, non si vedono.

La presidente della sezione fallimentare, Giovanna Russo, come riporta il quotidiano Il Tempo, si è limitata a dire: "Qui la tranquillità non c’è mai. I controlli sono quelli che vedete". Inesistenti.

Stessa cosa accade al Tar, al Consiglio di Stato e al Giudice di Pace. Nessun metal detector e nessun controllo. Insomma, in tutti questi luoghi che, prima di ieri, non erano percepiti come "pericolosi", si può entrare ed uscire indisturbati. Anche armati fino ai denti. La presidente della sezione, Giovanna Russo, si è limitata a dire: «Qui la tranquillità non c’è mai. I controlli sono quelli che vedete»

Diversa la situazione al tribunale Penale, in Corte d'appello e in Cassazione. Lì i metal detector ci sono. E, quando funzionano, vengono anche utilizzati, ma non da tutti. Praticanti, avvocati e spesso clienti possono tranquillamente evitare i controlli mostrando il tesserino dell'ordine professionale. Se non è successa una tragedia come quella di Milano, è soltanto un caso fortunato. I presupposti di insicurezza generale c'erano tutti.

Vicenza: Tribunale nuovo, nessun metal detector

A Vicenza, invece, il tribunale è stato inaugurato appena due anni fa, alla fine del 2012: eppure, come denuncia oggi Il Giornale di Vicenza, nemmeno quello che dovrebbe essere un modello di modernità e sicurezza è dotato delle più elementari misure di tutela dell'incolumità dei cittadini. Nonostante il palazzo di giustizia fosse costato più di venti milioni di euro, non è mai stato dotato di bussole d'ingresso o di sistemi a controllo remoto. Stesso discorso per i metal detector e le telecamere.

A nulla sono valsi i ripetuti appelli di procuratori e presidenti del tribunale: da Roma hanno sempre risposto picche. Le risorse non si trovavano. L'unica misura di sicurezza è rappresentata dalle guardie giurate, che però non possono perquisire singolarmente ciascuna delle migliaia di persone che ogni giorno entrano in tribunale: la sola soluzione è quella dei controlli a campione.

E, beffa delle beffe, secondo il sito locale Tviweb, nel vecchio tribunale le bussole e i cassettini per riporre gli oggetti metallici all'ingresso esistevano eccome.

A Palermo installare le telecamere "non è possibile"

Proteste per l'emergenza sicurezza nei tribunali sono state espresse anche dagli operatori della giustizia di Palermo, che all'indomani della strage di Milano parlando di "ostacoli istituzionali": "Nei nostri tribunali può entrare chiunque senza essere identificato - spiega il procuratore generale Roberto Scarpinato - E ieri l'assassino ha compreso che poteva accedere senza controlli: avevo anche chiesto la sistemazione di telecamere nel palazzo di fronte al tribunale, ma il Comitato per l'ordine e la sicurezza mi ha informato che non è possibile, perchè il condominio non ha voluto fare entrare i carabinieri".

A Firenze Nardella ostenta sicurezza

Interrogato in merito alla questione-sicurezza, il sindaco di Firenze Dario Nardella ha spiegato che il capoluogo toscano "non ha problemi superiori" ad altre città e ha ricordato di aver sempre trovato i metal detector all'ingresso dei tribunali fiorentini: il successore di Matteo Renzi a Palazzo Vecchio ha anzi respinto l'ipotesi, che era stata ventilata, di reintrodurre i metal detector agli ingressi del palazzo civico fiorentino. A Bologna, invece, il presidente del Tribunale Francesco Scutellari, ha chiesto maggiori fondi da parte del governo: "Ovviamente abbiamo bisogno di fondi da parte del ministero, fondi che al momento non ci sono, non sono stati messi a nostra disposizione".

Commenti

cgf

Ven, 10/04/2015 - 18:43

quando Adam Mada Kabobo ha preso a picconate i passanti non vi è stata nessuna emergenza, anzi da allora è notevolmente calato il pattugliamento e non ci sono più i militari aMMilano. cmq se uno squilibrato ce l'avesse con un magistrato, non andrebbe certo in tribunale a fare casino.

blackbird

Ven, 10/04/2015 - 18:47

Ma se sono anni che Striscia denunciam la totale mancanza di controlli! Doveva scapparci il morto perché se ne accorgessero?

blackbird

Ven, 10/04/2015 - 18:48

Ma se sono anni che Striscia denunciam la totale mancanza di controlli! Doveva scapparci il morto perché se ne accorgessero?

macchiapam

Ven, 10/04/2015 - 18:52

Ma piantatela con questo argomento della sicurezza! Se si dovessero mettere in sicurezza rigorosa tutti gli edifici pubblici, diventeremmo pazzi, tutto si fermerebbe e comunque non si risolverebbe il problema perchè i malintenzionati trovano sempre una breccia. Provate a pensare alla stazione centrale di Milano: quale edificio più meritevole di protezione? e come pensereste di metterlo in sicurezza? Per partire in treno dovremmo presentarci due ore prima, come all'aeroporto? Via, piantatela e accettate che possa accadere l'imprevedibile.

Ritratto di uccellino44

uccellino44

Ven, 10/04/2015 - 18:53

A Napoli, scambiato per un magistrato perché elegantemente vestito guidavo un macchinone di lusso, appellandomi "dottò", un poliziotto mi ha autorizzato ad attraversare l'ingresso riservato ai magistrati e invitato a parcheggiare negli appositi spazi, senza l'esibizione di alcun documento! Non basta. Accompagnato dal mio avvocato, che mi aspettava all'interno, quest'ultimo è riuscito ad aprire un armadio tra i tanti situati in un corridoio e, da un fascicolo in esso custodito, ha sostituito una pratica che mi interessava, senza alcun intervento di cancellieri e/o impiegati. Nulla di illegale, circa il mio caso, perché atto dovuto; è se fosse stato un atto illecito? E se al nostro posto fossero entrati terroristi? E se avessi sparato a qualcuno? Boh!

Ritratto di semovente

semovente

Ven, 10/04/2015 - 18:57

Da molto tempo Striscia la Notizia propone servizi che evidenziano la mancanza di sicurezza in svariati tribunali d'Italia. Qualcuno dei soloni che prende decisioni per il martoriato popolo italiano deve pur aver visto quanto detto. Risultato? Quanto avvenuto ieri. Aggiungo, noto che in certi palazzi istituzionali, all'ingresso, sono presenti anche due soldati dell'Esercito Italiano e due Poliziotti in alta uniforme per salutare tutti i soloni anzidetti che peraltro non si degnano di rispondere al saluto. Trattasi di educazione anche perchè in ambito civile salutare è una cortesia rispondere è un dovere. Ma che katzo ci stanno a fare quei rappresentanti delle Forze Armate e della Polizia quando potrebbero essere recuperati a servizi più importanti? Comunque quanto accaduto è un ottimo biglietto da visita da presentare in vista dei futuri avvenimenti che ci porteranno al centro del mondo. Che Dio ce la mandi buona.

19gig50

Ven, 10/04/2015 - 18:59

Non ci sono solo i palazzi di giustizia negli aeroporti e nelle stazioni la situazione è molto peggio e i danni sarebbero molti più gravi. Quelli del parlamento pensano solo a proteggersi con un nutrito numero di militari intorno ai palazzi della politica, se si spostano hanno le scorte e se ne fottono dei cittadini.

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Ven, 10/04/2015 - 19:02

Scappato il gregge tutti corrono a rinforzare lo steccato.

ABC1935

Ven, 10/04/2015 - 19:02

Quando ho sentito la radio parlare di "attentato alla procura di Milano , il mio pensiero ha collegato immediatamente il fatto ai nominativi di Bruti Liberati e Boccassini ! Strano, non riesco a spiegarmene il motivo !!!!!

ghorio

Ven, 10/04/2015 - 19:13

Si, d'accordo ma la sicurezza non si deve scoprire dopo. Certo il mondo di adesso è sicuramente peggiore del passato ma contro i "pazzi" e i delinquenti ogni sistema potrebbe presentare dei lati deboli. E' triste doverlo constatare ma il mondo non è più l'isola felice o quasi di 50 anni fa.

killkoms

Ven, 10/04/2015 - 19:16

ora i giudici vogliono essere protetti da quei poliziotti che spesso bistrattano..!

Nadia Vouch

Ven, 10/04/2015 - 19:23

Il concetto è che non ci si può far giustizia da soli. Finora, sempre più, chi vive nella quotidianità, deve ribadirlo, poiché l'animo, e l'animosità, sono una cosa sola, da Nord a Sud.

Ritratto di giangol

giangol

Ven, 10/04/2015 - 19:33

non ci sono soldi per la sicurezza. ci sarebbero 10 milioni di euro al mese e piu ma sono dedicati agli africani. i magistrati se ne facciano una ragione. come rischiamo noi per strada possono rischiare anche loro!!

sardocampidanes...

Ven, 10/04/2015 - 19:49

half-ano e renzo.....siete ridicoli...aspettate un po che arrivano i mao mao...che poi vi rendete conto..di come siete ridicoli....spero di sbagliarmi...ma quamdo arriverà il petardino che vi brucierà i peletti del culetto ..vi renderete conto che siete piccoli e ingenui...a meno che col benestare drago-europa vi sarete messi il culetto lontano al caldo....ma comunque vado il vostro governo è abusivo....e i conti arrivano sempre....fadeisi coddai

Nonmimandanessuno

Ven, 10/04/2015 - 20:29

Visto che Alfano è attaccato alla poltrona non solo con l'Attack, ma pure coi chiodi: che ha più a cuore gli stranieri che gli italiani, considerato che non c'è più la Democrazia (non cristiana) per cui non possiamo dimostrare col voto quanto abbiamo schifo di costoro, consiglierei il Mr. Beam de nojarti, nonchè precoce dittatorello fiorentino, almeno di spostarlo agli Esteri, perchè gli Interni sono stati rovinati anche troppo.

seran

Ven, 10/04/2015 - 20:32

Ma poi anche se ci fossero centinaia di poliziotti, non potrebbero intervenire per paura di essere poi denunciati, essere vittime di giudizio penale con spese legali e processuali a loro carico se non addirittura la galera. Non c'è soluzione in un paese così.

seran

Ven, 10/04/2015 - 20:35

Quando in un paese è consentito a nomadi di rubare, a spacciatori di spacciare, a stupratori di stuprare e quant'altro, non possiamo poi meravigliarci se tutta la feccia mondiale arriva qui e se tutti si sentono in diritto di delinquere.

Nonmimandanessuno

Ven, 10/04/2015 - 20:37

Su, sforziamoci di capirli poverini; quei magistrati sempre solleciti a spiare sotto le coperte le performance altrui, non potevano mica accorgersi di quello che succedeva a tre metri di distanza. Ai capi bastava l'odore d'incenso al loro passaggio, e che li si riverisse: di queste quisquiglie se ne occupassero gli altri.

frateindovino

Ven, 10/04/2015 - 20:42

Emergenza sicurezza: ma non fate ridere gli altri e piangere i vostri per favore.......con sti titoli che non sanno di nulla, perlomeno qui sappiatevi distinguere, ecchecavolo!!!!sappiamo benissimo tutti da decenni che la sicurezza è un colabrodo, esempio lampante l'11 settettembre di qualche anno fa e non sono bruscolini, il problema non è la sicurezza dei tribunali.... il problema "sono" i tribunali, e i legislatori in primis, questo episodio è l'effetto, non la causa,la giustizia ingiusta produce questi effetti,ma che deve fare una persona che vede il carnefice che gli ha rovinato la vita libero di girare per la strada solo perchè ha il vil danaro per pagare avvocati migliori dei suoi, e non mi riferisco all'episodio di cui si parla, la mia è una valutazione generale.

info@licht-ital...

Ven, 10/04/2015 - 20:43

La Germania. Sara anche un paese di arroganti sxxxxxi. Ma la loro giustizia funziona Ed e pic svelta In Italia parte Della giustizia lavora per la sinistral spudoratamente. Piu del 5o percento. Chi tutti I giorni rovina famili e esistenze DeveEsser pronto ad accettare la giustizia Della strada

beale

Ven, 10/04/2015 - 20:50

i burocrati rompono le palle con la legge 81 ex 626 e non c'è giornalista che domandi se c'è un piano di evacuazione, le mappe dei percorsi, i punti di coordinamento, chi sono i responsabili della sicurezza. oltre a quello che è successo, c'è da segnalare anche il reato omissivo per quanto riguardi le normative della sicurezza.

moshe

Ven, 10/04/2015 - 20:52

Emergenza sicurezza nei tribunali di tutta Italia ..... ..... ..... L'emergenza sicurezza, QUELLA VERA, QUELLA DI TUTTI I GIORNI, è scaricata sui CITTADINI !!!!! Quello che è successo al tribunale di Milano, in confronto a quello che devono subire i cittadini italiani, tutti i giorni dell'anno, è una inezia, abbiamo un governo incapace di vedere e di capire, un governo capace solo di esaltare fatti come quelli successi ieri, ma cieco ed ottuso di fronte a tutti i soprusi, che grazie alla sua incapacità, connivenza, favoreggiamento, lascia liberi i delinquenti di imperversare sulla popolazione italiana, abbiamo un governo da SBATTERETE IN GALERA ASSIEME A TUTTI I DELINQUENTI CHE IMPERVERSANO SUI POVERI ITALIANI CHE NON HANNO NEMMENO IL DIRITTO DI DIFENDERSI !!!!!

tRHC

Ven, 10/04/2015 - 21:48

moshe:Concordo con te al 100% %

tRHC

Ven, 10/04/2015 - 21:51

moshe:Concordo con te al 100%

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Ven, 10/04/2015 - 23:42

Ma di quale sicurezza vanno cianciando quegli stolti del governo? Hanno depenalizzato molti reati PER NON AFFOLLARE LE CARCERI ED EVITARE LE INFRAZIONI E LE CONSEGUENTI SANZIONI EUROPEE. Questo è un modo criminale di governare a scapito della sicurezza dei cittadini. Continuate a votare questi incoscienti che NON METTONO PIÙ IN GALERA CHI VI RUBA IN CASA.

Joe

Sab, 11/04/2015 - 02:58

In Italia nessun ITALIANO è al sicuro, a parte le solite varie caste degli intoccabili!

Accademico

Sab, 11/04/2015 - 06:35

Pagliacci. E' semplicissimo controllare il traffico di chi entra nei tribunali o negli altri obiettivi sensibili: lo 80% del transito, rappresentato dal personale di ogni ordine e grado, venga dotato di appositi microchip. Il rimanente 20, costituito da avventori a vario titolo, venga accuratamente perquisito fin nelle chiappe delc ulo. Si risparmieranno così numero dei controllori, tempi e denaro. Al momento, i carabinieri in coppia dislocati qua e là, più o meno a vanvera, svolgono una funzione puramente decorativa. Pagliacci,

gpl_srl@yahoo.it

Sab, 11/04/2015 - 08:40

LA GENTE SPESSO RITIENE DI ESSERE BERSAGLIO COMODO DI GIUDICI TROPPO SEVERI ED EST SUFFICIENTE CONSIDERARE I CASI DEL TIPO CORONA CHE INVIANO IN PRIGIONE PER DODICI ANNI IL COLPEVOLE DI FOTOGRAFIE CHE TUTTI I GIORNALISTI DI CERTI SETTIMANALI FANNO E INVIANO IN PRIGIONE PER POCHI GIORNI COLPEVOLI DI BEN ALTRE MALEFATTE: QUANDO I GIUDICI SARANNO RESPONSABILIZZATI DEI LORO ERRORI, LE COSE AUTOMATICAMENTE CAMBIERANNO.

linoalo1

Sab, 11/04/2015 - 08:49

Quanta Ignoranza!!Quanto durerà questa Emergenza?Un mese?Poi,tutto tornerà come prima!Infatti,chiunque voglia fare un attentato od utilizzare un'arma,lo potrà fare tranquillamente,perchè non esisterà mai un Sistema di Sicurezza Totale!

piedilucy

Sab, 11/04/2015 - 09:57

l'emergenza è per i poveri cittadini onesti italiani che ogni giorno si devono confrontare con i delinquenti assassini rilasciati proprio dai cari giudici e avvocati...perciò fate il vostro lavoro e mettete i n galera i delinquenti invece di fare di tutto per rilasciarli...carissimi ci avete rimesso le penne e sarà solo l'inizio