Escursionista stroncato da un infarto sulle Alpi liguri

Inutili i tentativi di rianimarlo da parte degli amici e del medico giunto sul posto

Una camminata in montagna che si è trasformata in tragedia. E’ stato un infarto a stroncare la vita di un uomo di 49 anni originario di Genova. Ieri pomeriggio l’escursionista si trovava in gita con due amici nell’alta Val Nervia, sul monte Toraggio, al confine tra Liguria e Francia.

Purtroppo non sono serviti i tentativi di rianimarlo da parte degli amici che hanno seguito le indicazioni telefoniche del 118 e dal medico elicotterista, primario dell’ospedale Galliera del capoluogo ligure. Il cuore dell’uomo ha smesso di battere e non è restato altro da fare che accertarne il decesso.

Secondo quanto riportato dal Secolo XIX, la disgrazia è successa intorno alle 15:30. I tre amici avevano deciso di percorrere la strada panoramica del Monte Toraggio, situato a 1.973 metri e una delle vette più alte delle Alpi liguri. La zona è molto suggestiva perché in certi punti è possibile vedere Sanremo e Bordighera e si trova a poco più di 20 chilometri in linea d’aria dal mare.

L’uomo ha cominciato ad accusare i primi malori e i suoi amici hanno subito chiamato la centrale unica di emergenza del 112. Quest’ultima ha constatato che non si poteva inviare un’ambulanza in tempi rapidi e ha contattato l’elicottero dei vigili del fuoco. Nel frattempo gli amici hanno chiamato gli operatori del 118 e hanno ricevuto le indicazioni su come rianimare l’uomo. Purtroppo, i loro tentativi, come quelli del medico, sono stati inutili.