Immigrato espulso, torna in Italia e chiede pure il permesso di soggiorno

A Gallarate (VA) i poliziotti arrestano un albanese su cui pendeva un provvedimento di espulsione del Prefetto di Milano

Sembra surreale, eppure è accaduto. Nel 2015 un cittadino albanese era stato espulso dal territorio nazionale. Qualche giorno fa la stessa persona si è presentata al Commissariato della Polizia di Stato di Gallarate, in Provincia di Varese, chiedendo nientemeno che il rilascio di un permesso di soggiorno. L’uomo è stato immediatamente arrestato.

Lo straniero voleva un permesso di soggiorno per cure mediche a seguito della nascita della figlia: per questo si era rivolto all’Ufficio immigrazione.

Ma agli agenti non è sfuggito che sull’utente che avevano appena foto segnalato e che avevano sottoposto ai controlli di rito pendeva un provvedimento di espulsione del Prefetto di Milano, eseguito nel giugno di tre anni e mezzo fa, che vietava allo stesso il reingresso nel territorio nazionale senza la speciale autorizzazione del Ministro dell’Interno o quella al ricongiungimento familiare.

Gli uomini dell’Ufficio Polizia amministrativa, sociale e dell’immigrazione hanno quindi tratto in arresto lo straniero irregolare che, d’intesa con il PM di turno, è stato trattenuto nelle camere di sicurezza. Successivamente l’albanese è stato processato con rito direttissimo presso il Tribunale di Busto Arsizio che ha convalidato l’arresto.

Commenti
Ritratto di giangol

giangol

Ven, 09/11/2018 - 12:34

e pensione, villa con piscina, internet e sigarette no!?!?!?

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Ven, 09/11/2018 - 12:45

adesso rimandatelo a casa a nuoto.

GioZ

Ven, 09/11/2018 - 12:52

Ha seguito i suggerimenti del manuale "Welcome to Europe" diffuso dalle ONG. Leggetevelo, una vera e propria guida per clandestini, con tutti i sotterfugi per ottenere asilo senza averne diritto.

venco

Ven, 09/11/2018 - 12:56

Ditegli che chieda il permesso di soggiorno quando torna il PD al governo.

greg

Ven, 09/11/2018 - 12:58

A questa gente (per non chiamarli delinquenti) la sinistra ha insegnato che in Italia possono fare ciò che vogliono e saranno sempre impuniti. Un decreto di espulsione firmato dal prefetto di Milano? Ma non scherziamo. La maggior parte dei prefetti è di nomina della sinistra,e seguono gli ordini del PD. Consegnare un foglio di espulsione e poi aspettarsi che l'espulso obbediente se ne vada è come pretendere che il sole non sorga all'alba. Un albanese, poi, è fra i peggiori clandestini mai entrati in Italia, delinquenti e criminali per DNA, cresciuti alla scuola di Henver Hoxha, il dittatore comunista dell'Albania dal 1944 al 1985, che disseminò il suo paese dei cadaveri dei suoi oppositori. Dove c'è stato, e c'è ancora il comunismo, è come spargere sale sulla terra e poi sperare che ci cresca il grano

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Ven, 09/11/2018 - 13:08

Calcinculo fino al più vicino confine con l'Albania e poi a nuoto..

agosvac

Ven, 09/11/2018 - 13:08

Purtroppo , per lui, ha sbagliato giudice. Un giudice "serio" lo avrebbe immediatamente scarcerato ed accompagnato di persona dalla figlioletta appena nata!

Ritratto di stenos

stenos

Ven, 09/11/2018 - 13:11

Direi che è normale. Ha capito che la nostra è una nazione di idioti.

Ritratto di hernando45

hernando45

Ven, 09/11/2018 - 13:25

Secondo me l'articolo spiega male, con quel titolo "TORNA IN ITALIA" Secondo me questo ESPULSO con un pezzo di carta, non se n'era mai andato dall'Italia!!! O NO. Buenos dias dal Nicaragua.

dagoleo

Ven, 09/11/2018 - 13:55

E' tornato perchè era mosso dall'impellente necessità e desiderio di pagarci le pensioni. Mandatelo dalla Boldri, forse in casa sua, nella stanza degli ospiti, ha posto libero.

Ritratto di navajo

navajo

Ven, 09/11/2018 - 14:05

Greg, ma la finisci di scrivere prima di me quello che volevo scrivere!!

Geegrobot

Ven, 09/11/2018 - 14:41

Tutto questo grazie a quelli come Elkid e varie mogliettinae rosse dal buonismo pensiero. Questo ci ha provato, non si sia mai che magari trova qualche rimbambito di sinistra e dredetemi c'è ne sono a vagonate, con slogan tipo... "nessuno tocchi Caino" intraprende scioperi della fame e girotondi vari al grido fasisti rassiissti

Dordolio

Ven, 09/11/2018 - 14:42

Certo che glielo diamo. Nella più vicina Casa Circondariale però.

mimmo1960

Ven, 09/11/2018 - 14:59

E' tornato perchè vuole il premio.

giovanni951

Ven, 09/11/2018 - 17:07

a questo punto glielo daranno. Anzi magari gli danno pure la nazionalità italiana.

killkoms

Ven, 09/11/2018 - 22:00

faccia di c()o!

greg

Ven, 09/11/2018 - 22:23

Cavani. Scusa, ti metto in contatto con il mio agente letterario così concorderemo i commenti

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Ven, 09/11/2018 - 22:44

Quelli di sinistra gli diranno bentornato. Qui di lavoro (sporco) ne abbiamo tanto da fare, vero?