Expo, rubata la mano bionica nel padiglione Toscana: spionaggio o bravata?

Venerdì scorso è stata sottratta una vera eccellenza regionale, nata da un'idea del Sant'Anna di Pisa e realizzata a Pontedera, per un valore di 30mila euro

Un'altra falla nel sistema di controllo di Expo. La mano bionica, in mostra al padiglione Toscana, una vera eccellenza regionale, nata da un'idea del Sant'Anna di Pisa e realizzata a Pontedera, per un valore di 30mila euro, è stata rubata venerdì scorso. Il ladro è riuscito a fuggire con l'oggetto, senza che nessuno lo notasse.

Un'eccellenza della scienza italiana, la mano bionica è stata inventata e sperimentata alla scuola superiore Sant'Anna di Pisa, nel dipartimento di biorobotica in collaborazione con altre università, tutte italiane. Un esemplare simile a quello in mostra a Milano si chiama Life Hand 2 ed è stato recentemente impiantato su un paziente vero, durante un'operazione pilota reliazzata al Policlinico Gemelli di Roma.

Due sono le ipotesi al vaglio dei carabinieri: in un primo momento si era pensato ad un furto con fini di spionaggio industriale, mentre ora le indagini sembrano essersi spostate sulla tesi della bravata di una delle scolaresche che in questi giorni, soprattutto al mattino, stanno visitando in massa l'Expo.

Commenti

plaunad

Gio, 14/05/2015 - 10:16

Ma quanto sono utili ed istruttive le gite scolastiche .......

buri

Gio, 14/05/2015 - 10:57

ma le cose sono lasciate cos' senza sorveglianza? secosì è bisogna pure riconoscere che gli espositori sono, a sceltam ingenui o pirla, in vero invito allo spionaggio industriale

Albius50

Gio, 14/05/2015 - 11:23

Cosa ci faceva una mano bionico in EXPO dove si deve parlare di cibo.