Facebook farà scegliere agli utenti quali fonti sono affidabili

Sarà chi usa il social network a decidere quali giornali sono attendibili e quali no

Non passa giorno ormai senza che si torni a parlare di Facebook e delle modifiche che il social network ha in programma per il suo flusso di aggiornamenti, che secondo le ultimi dichiarazioni di Mark Zuckerberg dovrebbe tornare a mostrare più post di amici e famigliari e meno delle pagine che si seguono, quotidiani compresi.

Una modifica importanti, che ha messo sul chi va là la stampa internazionale e che va a sommarsi a un nuovo annuncio da parte del numero uno di Facebook, che ha oggi chiarito che dovranno essere gli utenti a determinare quali fonti siano o non siano attendibili.

"Prevediamo che le news rappresenteranno circa il 4% dei contenuti, rispetto al 5% di oggi", ha detto Zuckerberg, che ha anche aggiunto che la gerarchia tra le varie fonti di informazione non sarà decisa da Facebook, che in qualche modo se ne lava le mani, ma da chi il social lo utilizza, andando a influire direttamente sul funzionamento degli algoritmi.

"Oggi c’è troppo sensazionalismo, disinformazione e polarizzazione delle opinioni", ha aggiunto Zuckerberg, che punta a "promuovere notizie di alta qualità, anche quelle locali", con una strategia che già ha fatto però sorgere molti dubbi.

Secondo Tom Gara, editorialista di BuzzFeed News "è strano" che un problema di attendibilità nato dal fatto che "gli utenti non erano in grado di giudicare accuratamente l'attendibilità delle notizie" a loro proposte sia risolto dagli utenti stessi. E già gli esperti si spaccano: tra chi crede che a essere avvantaggiate saranno le testate che non scatenano particolari antipatie e chi invece ritiene che i media di parte saranno avvantaggiati. Non resta che da attendere.

Commenti

idleproc

Sab, 20/01/2018 - 13:08

Sono loro la "fonte" del Problema insieme al resto della compagnia. Comunque gli zombies son zombies, compresi i "governi" e i partiti che gli si rivolgono e come dice un mio amico, se non puoi risolvere il problema degli zombie, considerali una risorsa.

agosvac

Sab, 20/01/2018 - 13:42

Deve essere proprio vera la maldicenza che il fondatore di facebook abbia rubato l'idea ad un suo amico, infatti sembra non capire la contraddizione che ha proposto e cioè che siano gli stessi utenti a giudicare se una notizia sia falsa o vera!!! Forse il reale ideatore di facebook sarebbe stato abbastanza intelligente dal capire che nessun lettore può giudicare se una notizia sia o no falsa: sarebbe falsa per chi è di idee opposte e vera per chi è di idee favorevoli.

rokko

Sab, 20/01/2018 - 18:26

agosvac, non credo che tu abbia capito bene l'articolo. Gli utenti non decideranno quali notizie sono vere o false, ma quali fonti sono affidabili e quali no. Io dico che sono perfettamente in grado di farlo.

tiromancino

Sab, 20/01/2018 - 21:57

Bontà sua

Ritratto di scipione scalcagnato

scipione scalcagnato

Dom, 21/01/2018 - 09:01

Se le cose stanno effettivamente così (e non v'è molto da dubitarne) l'unica soluzione è un lungo periodo di chiusura dei locali che approfittano in modo indecoroso del turista.

PaK8.8

Dom, 21/01/2018 - 09:04

Rokko, invece agosvac ha centrato il problema. Chiaramente io dirò a Facebook che la CNN è una manica di mentitori, e che Russia Today è affidabile. E come lo farò io, lo faranno e.g. tutti quelli che hanno votato Trump, tutti quelli che hanno votato Brexit e, almeno secondo la CNN, miliooooni di hacker russi. Per carità, a me va bene, ma Zuck passerà dalla padella nella brace.

rokko

Dom, 21/01/2018 - 12:59

PaK8.8, sì ma le opinioni appositamente taroccate verranno individuate, esistono algoritmi per farlo. E soprattutto, nella moltitudine di utenti si perderanno.

frabelli1

Lun, 22/01/2018 - 01:06

Mamma mia ma ha pensato a quello che ha detto? I lettori o i frequentatori dei social network dovranno dire cosa è giusto e cosa non lo è?! Questo è un pazzo da rinchiudere!!