Fagioli scambiati per ovuli: disavventura per un turista in aeroporto

Il passeggero atterrato a Malpensa proveniente dal Brasile è stato fermato perché aveva tutte le caratteristiche dell’ovulatore. Ma il mattino successivo ha espulso quanto aveva nell’intestino: legumi.

Non erano ovuli contenenti droga. Erano fagioli. Forse la prossima volta che prenderà un aereo, il passeggero proveniente dal Brasile fermato qualche giorno fa all'aeroporto della Malpensa starà più attento a che cosa mangerà. A lui i legumi hanno fatto vivere una brutta avventura.

Come riporta Varesenews, l’uomo, arrivato nello scalo lombardo dopo un volo transoceanico, è apparso particolarmente nervoso al momento dei controlli alla dogana. Corriere della droga, il turista ne aveva tutte le caratteristiche: il biglietto di ritorno per il Brasile dopo soli sette giorni, un bagaglio da stiva privo di vestiario e nessun famoigliare ad accoglierlo. Non solo. L’indirizzo di Monza dove il viaggiatore avrebbe dovuto recarsi risultava inesistente e il cugino che avrebbe dovuto ospitarlo in Italia non rispondeva alle chiamate.

Il sospetto ovulatore è stato poi sottoposto ad una radiografia: e a questo punto il quadro è parso completo. Le immagini hanno mostrato dei corpi estranei, della grandezza di un centimetro e a forma di ovulo, nell’intestino del sudamericano.

L’Autorità giudiziaria ha quindi deciso di attendere che quegli oggetti, forse, appunto, involucri di sostanze stupefacenti, presenti nel corpo dell’uomo venissero espulsi.

Il mattino dopo la sorpresa. Il secondo esame radiologico non ha rilevato più i corpi estranei nell’intestino del brasiliano e l’esame delle feci ha dimostrato che si trattava solo di fagioli.

Per questo motivo il giudice del Tribunale di Busto Arsizio (Varese) ha immediatamente disposto la liberazione del turista sudamericano con tante scuse.