Fai il volontario e chiedi un rimborso? Prima paga la tassa

I soccorritori che chiedono il rimborso della giornata di lavoro devono allegare due marche da bollo da 16 euro

Dal sito soccorsoalpinotrentino.it

Ci può essere una pretesa più assurda di quella di far pagare una tassa a chi presta il proprio tempo per opere di volontariato? Temiamo proprio di no, eppure, a quanto pare, si è verificato anche questo. Con un'interrogazione urgente il parlamentare bellunese Roger De Menech (Pd) ha chiesto al governo di fare piena luce su quanto gli è stato segnalato dal responsabile del Soccorso alpino, Fabio Bistrot. "Voglio proprio sapere - dice il parlamentare - chi è il geniale burocrate che pretende 32 euro da ciascun volontario ogni volta che fa un intervento di soccorso e, di conseguenza, chiede il rimborso della giornata di lavoro persa. Di certo non ha mai fatto il volontario". L'importo, a quanto si apprende, corrisponde a due marche da bollo da 16 euro ciascuna da apporre a ciascuna richiesta di rimborso presentata dai volontari. 

"E’ incredibile che qualcuno voglia spremere soldi dai volontari", afferma sdegnato De Menech. "Se a farlo è addirittura lo Stato, aggredisce la dignità dei volontari e mina il principio di sussidiarietà. Questo increscioso episodio conferma l’urgenza non solo di riformare la pubblica amministrazione ma anche di quanto sia necessario e indispensabile il ricambio di personale all’interno della burocrazia italiana. L’attuale burocrazia è ostile ai cittadini e ai contribuenti, e interpreta il proprio ruolo non al servizio degli italiani ma come potere da usare contro i nostri concittadini".

Nell’interrogazione che ha presentato De Menech chiede ai ministeri interessati cosa intendano fare per "superare un’interpretazione giuridica che avvilisce la dignità stessa dei soccorritori, considerato peraltro il ruolo fondamentale da essi svolto nella stagione estiva, sia sull’arco alpino che su quello appenninico, volto a garantire la presenza dello Stato in tali ambienti e a fornire quel supporto di sicurezza, prevenzione e soccorso alle migliaia di turisti, italiani e stranieri, che decidono di trascorre le proprie vacanze in tali luoghi". Con il rischio evidente che, l'assurda tassa, possa scoraggiare i generosi volontari dal continuare a prestare la loro opera. 

 

Commenti

vince50

Dom, 06/07/2014 - 15:26

Le estorsioni di stato non sono assurde,sono arrogantemente pretese.Ovviamente non si può sporgere denuncia per tentata estorsione,non è previsto dalla legge.

Ettore41

Dom, 06/07/2014 - 15:26

Il Soccorso e' un opera di carita'. Se fatta da volontari non veedo perche' debbano essere rimborsati. Il volontariato e' a titolo gratuito, se poi per andare in montagna e all'occorrenza prestare soccorso, nel caso ce ne fosse bisogno, comporta l'assenza dal lavoro, questa e' una decisione del volontario. Che faccia volontariato durante le ferie.

Dany

Dom, 06/07/2014 - 16:00

Hai ragione Ettore41 !!! Basta con sti volontari! Assegnamo tutto ai mafiosi delle Coop ! Quelli si che ci sanno fare e poi sono ladroni autorizzati!!!

Ritratto di GABRIELE FOGLIETTA

GABRIELE FOGLIETTA

Dom, 06/07/2014 - 16:13

Caro Ettore41, ma ci sei o ci fai? Non si parla di retribuire il soccorritore. Se viene richiesto l'impiego di una persona per trovare un disperso sotto la neve, trovi assurdo che il volontario non debba rimetterci la sua giornata di lavoro ordinario? Oltre a fare del bene gratuitamente deve anche rimetterci del suo? Spero non ti debba capitare che in caso di difficoltà i tuoi eventuali soccorritori non abbiano ricevuto le ferie.

Ritratto di Ubidoc

Ubidoc

Dom, 06/07/2014 - 16:36

Siur Foglietta ,il volontario fa le cose di sua volontà rimettendoci del suo se no vada a lavorare che è meglio.

aredo

Dom, 06/07/2014 - 16:45

I volontari non esistono! Tutto il volontariato è un loschissimo giro di soldi che fluiscono dalle casse dello Stato attraverso associazioni, sotto-assocazioni, para-assocazioni, cooperative, pseudo-aziende sociali-solidali e tante belle vaccate che la sinistra e la Chiesa cattocomunista hanno costruito negli scorsi decenni per rubare soldi.

Ritratto di ComparucciDi1000Merende

ComparucciDi100...

Dom, 06/07/2014 - 17:01

in italia ci associazioni e associazioni, da quelle di volontariato a quelle a delinquere di stampo legale

Ettore41

Dom, 06/07/2014 - 17:40

@GABRIELE FOGLITTA...... Un po crudamente le ha risposto Ubidoc. Quando ci fu il terremoto in Irpinia il sottoscritto prese 10 gg di ferie ed fece il volontario, scavando e cercando. Il terremoto in Grecia, con alcuni colleghi altri 10 gg di ferie, affittammo un camion caricammo cibo e vestiti e via a soccorrere. E' gente come Lei che manda ed ha mandato questo paese in rovina "solo diritti niente doveri". Mi faccia una cortesia pubblichi una sua foto cosi, dovessi trovarla sotto un metro di neve faro' finta di nulla e passero' oltre.

Ettore41

Dom, 06/07/2014 - 17:45

@GABRIELE FOGLITTA...... Un po crudamente le ha risposto Ubidoc. Quando ci fu il terremoto in Irpinia il sottoscritto prese 10 gg di ferie ed fece il volontario, scavando e cercando. Il terremoto in Grecia, con alcuni colleghi altri 10 gg di ferie, affittammo un camion caricammo cibo e vestiti e via a soccorrere. E' gente come Lei che manda ed ha mandato questo paese in rovina "solo diritti niente doveri". Mi faccia una cortesia pubblichi una sua foto cosi, dovessi trovarla sotto un metro di neve faro' finta di nulla e passero' oltre.

serpe5

Dom, 06/07/2014 - 17:46

aredo, stia attento alle bestialità che dice, in Italia non c'è giustizia, ma c'è quella divina! Prima di criticare, bisogna conoscere l'argomento. È bello criticare ed offendere la gente che chi come me, lavora GRATIS per gli altri. Qui si sta parlando del VOLONTARIO, non di associazioni od organizzazioni. Faccia il volontario, e poi critichi! od è una scusante per farsi comodamente i C...I propri? Se ha bisogno di un soccorso, chiami un taxi non il 118!

Ritratto di michageo

michageo

Dom, 06/07/2014 - 18:02

..e se invece istituissimo la marca da bollo per la pirlaggine di tanti burocrati e di certi politici?.....credo che risolveremmo annualmente tutti i problemi delle "manovre" e "manovrine" finanziarie varie........

Ritratto di michageo

michageo

Dom, 06/07/2014 - 18:10

...mi sembra che regni parecchia confusione e malanimo tra i "postatori": evidentemente nessuno di questi "signori" si è trovato nella necessità di essere soccorso, o vive blindato a casa a prova di acqua fuoco terremoti incidenti vari e condivido pienamente l'osservazione di Foglietta!

gigi0000

Dom, 06/07/2014 - 18:11

Come spesso accade, quando l'anonimato protegge, si sparano fesserie immonde, capendo Roma per toma e sostenendo tesi improbabili. I volontari prestano la loro opera GRATUITAMENTE nel proprio tempo libero. Che qualcuno poi ci speculi è ormai risaputo, ma non c'interessa in questo momento. Quando però il volontario è chiamato per un'emergenza (sia per il soccorso alpino, per l'alluvione, come vigile del fuoco, ecc.) in un giorno nel quale invece dovrebbe lavorare, oltre ai rischiare la vita, fare magari orari impossibili ed assistere a scene talvolta orride, per non rimetterci pure i quattrini, chiede all'organizzazione che gli venga rimborsata la giornata persa. Il burocrate fenomeno ha pensato di richiedere le marche da bollo. No comment.

linoalo1

Dom, 06/07/2014 - 18:12

E' ovvio,he per far fronte a tutte le puttanate promesse da Renzi,i Comunisti debbono prendere i soldi da qualche parte!Loro però,sono sempre esenti!Lino.

smalp77

Dom, 06/07/2014 - 18:39

Anch'io ho fortissimi dubbi su tutta una serie di "volontari" a tempo pieno, però qui il problema è diverso. Gli appartenenti al Soccorso Alpino sono persone super specializzate, guide, maestri di sci, ecc. che hanno una loro occupazione e che vengono chiamate, secondo bisogno per interventi che altri non sarebbero in grado di fare o in aiuto o sostituzione di alto personale. Aderiscono volontariamente, ma gli interventi sono comandati e sono spesso oltremodo pericolosi Sarebbe assurdo che dovessero perdere il corrispettivo di una giornata o più di lavoro. Ancor più assurdo il balzello imposto.

corto lirazza

Dom, 06/07/2014 - 18:46

aredo: esatto!

leo_polemico

Dom, 06/07/2014 - 18:49

Leggendo i post precedenti, mi sembra di sognare. Credo che i lettori che finora hanno avuto pubblicato il loro scritto NON abbiano mai avuto bisogno di intervento di "volontari", non ha importanza se della "protezione civile" o di una qualche "pubblica assistenza". Vi posso garantire che, senza l'opera di volontari e delle associazioini di "publica assistenza", molti ospedali NON avrebbero il servizio di ambulanza, e questo anche in regioni come l'Emilia Romagna, portate ad esempio per il buon funzionamento della sanità, dimenticando però i tempi biblici necessari per alcuni esami, che, per puro caso a pagamento, si fanno subito. Vi garantisco, per esperienza diretta, che i veri volontari, (e mio figlio lo è stato per molti anni), NON sono retribuiti, e, se di turno, si pagano di tasca propria pranzo o cena, che qualche volta, NON riescono a fare per le necessità del "servizio". Certo è che, con tutti i magna-magna, dei quali si hanno numerosi esempi, è molto facile fare del "disfattismo" buttando alle ortiche quello che fanno di buono i veri volontari. Ripeto: i "veri volontari", soccorritori e autisti delle pubbliche assistenze NON sono retribuiti.

@ollel63

Dom, 06/07/2014 - 19:20

vigliaccata di uno stato italiano mafioso!

frabelli1

Dom, 06/07/2014 - 19:37

Mancava solo di tassare chi ci aiuta senza chiedere nulla. Complimenti Italia, o meglio, a chi la guida!!

Ritratto di Flex

Flex

Dom, 06/07/2014 - 19:59

Credo sia giunto il momento che i Cittadini usino gli stessi mezzi che usa lo "Stato". Volete i soccorsi? bene, prima pagate, dateci i mezzi e poi vedremo cosa si potrà fare, al tutto aggiungete 50 euro per competenze "contabili"......ma non se ne può più....................

NON RASSEGNATO

Dom, 06/07/2014 - 20:15

Soccorso alpino, blocca i soccorsi e vedrai come si svegliano.

soldellavvenire

Dom, 06/07/2014 - 20:22

il lavoratore che si offre volontario dovrebbe essere gestito come se fosse in malattia, sarebbe cosí semplice: il soccorritore deve essere un professionista, pubblico o privato, con contratto e partita iva relativi; e, quando ha bisogno dei rinforzi, basterebbe certificasse ufficialmente, ottenendo il rimborso spese dallo stato, con detrazione fiscale. e che ci vorrebbe? ah... c'é il biznis, capito

elio2

Dom, 06/07/2014 - 20:25

I compagni Ettore41 & Ubidoc, non hanno voluto mancare di fare la loro brutta figura quotidiana, infatti, pur non sapendo neppure di cosa parlano, sono riusciti a ricordare a tutti che per i dipendenti delle coop rosse il volontariato è sempre stato solo a pagamento, quindi sono già pagati tutti i giorni e non devono richiedere nessun rimborso.

Ritratto di atlantide23

atlantide23

Dom, 06/07/2014 - 23:34

....tanto i cialtroni italiani accettano tutto....

blackbird

Dom, 06/07/2014 - 23:58

I soccorsi li devono pagare quelli che si mettono, volontariamente, nelle condizioni di doverli richiedere, come nei Paesi civili. Perché la sbadataggine, pressappochismo o esibizionismo di alcuni debbano ricadere economicamente sui contribuenti? Rimborso tra privati, così non servono bolli!

cgf

Lun, 07/07/2014 - 07:22

Sarebbe molto cattivo pensare di farsi male e non lo faccio!! Senza volontari l'ambulanza potrebbe non arrivasse, e non perché non ci sia (perché ci sono!!), ma potrebbe mancare chi la guida. La maggior parte di coloro che guidano le ambulanze in Italia sono volontari, non ci sono abbastanza fondi a sufficienza per pagare autisti!! Però certuni davvero meriterebbero di perdersi nei boschi e, siccome non si vive facendo solo la guida, nessun 'volontario' disposto a perdere ore di lavoro retribuito, potrà aspettare sabato o domenica, peccato che oggi sia lunedì. nb gl'imprudenti invece non pagano nulla!!

Ritratto di sydneysider

sydneysider

Lun, 07/07/2014 - 07:38

forse dovremmo ciamarli in qualche altro modo (diversamente lavoratori?). Il concetto di volontariato chiaramente non prevede il rimborso giornaliero. Io farei un servizio su tutti questi volontari che prestano servizio nel Terzo Mondo. Un volontariato gestito da organizzazioni di sinistri o di cattolici intorno al quale girano un sacco di soldi.per molti e' diventato un lavoro vero e ben retribuito.

Paperino230

Lun, 07/07/2014 - 09:18

grande aredo! i volontari esistono ma sono pochi. certo e quello che dici; tutto e perverso nel nostro stato oramai. associazioni, contr-associazioni in un giro perverso di ruba ruba vergognoso, anche nel volontariato. lo dice la parola stessa: chi volontario e' deve "dare", non "chiedere". che cavolo vuol dire che chiede il rimborso della giornata di lavoro....... allora e' pagato, non volontario. Chiamioli, meno eroicamente, "sostitutivi" o qualcosa del genere, e lasciamo la parola "volontario" a chi gratiitamente, compie una funzione eroica apprezzata dagli esseri umani de da Dio.

Paperino230

Lun, 07/07/2014 - 09:38

ho visto adesso il commento di Sydneysider, del tutto simile al mio. Allegria, allora non solo l'unico a pensare che questi signori col "volontariato" c'entrano poco! . "Diversamente lavoratori "o "sostitutivi", poco mi interessa il nome ma di certo dovremmo lasciare il nome "volontari" a chi si sacrifica per gli altri senza esere remunerato.

epc

Lun, 07/07/2014 - 09:45

Vorrei modestamente cercare di sfatare un mito e marcare una certa differenza: è vero, come dicono alcuni, che ci sono volontari e volontari. Alcune associazioni cosidette no-profit, cooperative ecc. sono semplicemente degli stipendifici a spese dello Stato. Ce ne sono tante (quasi tutte di area cattolica o sinistrorsa....) ed è giusto denunciarle come FALSO VOLONTARIATO. I volontari del Soccorso Alpino sono molto diversi: tutta gente che ha un lavoro normale, e che presta volontariamente la propria opera a RISCHIO DELLA VITA in un servizio che lo Stato non ha i soldi e/o la capacità di offrire. E' una cosa ben diversa. Non campano di questa attività e non fanno i soldi. E, ribadisco, è un tipo di volontariato in cui rischiano la vita: i molti tragici casi di questi ultimi anni l'anno dimostrato.

epc

Lun, 07/07/2014 - 09:46

Vorrei modestamente cercare di sfatare un mito e marcare una certa differenza: è vero, come dicono alcuni, che ci sono volontari e volontari. Alcune associazioni cosidette no-profit, cooperative ecc. sono semplicemente degli stipendifici a spese dello Stato. Ce ne sono tante (quasi tutte di area cattolica o sinistrorsa....) ed è giusto denunciarle come FALSO VOLONTARIATO. I volontari del Soccorso Alpino sono molto diversi: tutta gente che ha un lavoro normale, e che presta volontariamente la propria opera a RISCHIO DELLA VITA in un servizio che lo Stato non ha i soldi e/o la capacità di offrire. E' una cosa ben diversa. Non campano di questa attività e non fanno i soldi. E, ribadisco, è un tipo di volontariato in cui rischiano la vita: i molti tragici casi di questi ultimi anni l'hanno dimostrato.

Vero_liberista

Lun, 07/07/2014 - 09:53

A tutti quelli che sostengono che i volontari essendo volontari non hanno diritto ad un centesimo dallo stato, tipico pensiero della sinistra che pensa evidentente che soldi e risorse per fare qualsiasi attività utile cadano dal cielo, li invito a fare un esperimento. Spogliatevi, svuotatevi il portafoglio e poi procuratevi da volontari, e ovviamente da volontari senza chiedere nulla a nessuno (al massimo fate l'elemosina), cibo, risorse e qualsiasi cosa vi serva per vivere , vediamo cosa fate e quanto resistete. Poi ne riparliamo.

aredo

Lun, 07/07/2014 - 10:06

@serpe5: io so esattamente di cosa parlo, voi comunisti e cattocomunisti le vostre favolette andatele a raccontare altrove!

aredo

Lun, 07/07/2014 - 10:17

@Vero_liberista: qui il comunista sei tu. Il tuo giochetto è patetico e ridicolo. Un volontario non deve percepire nulla. Qualsiasi forma di pagamento non lo rende più un volontario. Ed i loschi giri di soldi in nero attorno al volontariato su cui mangiano comunisti e cattocomunisti è una assoluta piaga.

Ritratto di attore1961

attore1961

Lun, 07/07/2014 - 11:13

Occorrerebbe distinguere tra volontariato e volontariato. Perché esistono organizzazioni che VERAMENTE fanno volontariato mentre ce ne sono altre che di sociale non hanno proprio nulla. Chi salva vite umane , chi si occupa dei più deboli. Il vero problema sono associazioni con scopi non propriamente umanitari. Se occorre rimborsare chi si svolge attività umanitarie va bene, ma chi fa il volontario per la onlus che si occupa della "difesa del dente dello scoiattolo canadese dalla coda blu" beh in questo caso, mi va bene che paghino il bollo. Il problema sono proprio quelle associazioni che pur essendo di volontariato, ben poco hanno a che vedere con il volontariato vero, quello umanitario, quello che salva le vite, quello che assiste gli emarginati, i deboli.

serpe5

Lun, 07/07/2014 - 15:24

aredo, penso che lei, non abbia l'intelligenza per parlare. l'unico comunista è lei! perché si comporta come tale, etichettando gli altri che agiscono nel bene comune, e non sparando emerite idiozie! se conoscesse l'argomento non parlerebbe. comunque, se lei crede di essere nel giusto, faccia denuncia a chi di dovere. lei è un emerito comunista maxista bolscevico! e come lei, chi parla solo per dire qualcosa. se si permette ancora di offendere la gente, chiederò spiegazioni alla redazione. A lei, ci deve pensare colui che tutto vede e sà, ovvero Dio! L'Italia va male per i comunisti come lei, che sanno solo criticare e cagare sentenze. Incominciate a rimboccarvi le maniche a darvi da fare per cambiare questa società, invece di accusare sempre gli altri ed offendendoli. Se fossero ancora aperti i manicomi, quelli come lei, dai modi di fare comunisti, li riempireste tutti! quando avrai bisogno te o quella della tua razza, non chiamare i volontari, faccia l'uomo di principio e di sani ideali, non il comunista cagasentenze! Io sono Ateo e di destra, ma mi piace pensare che da qualche parte, ci sia una giustizia divina. Lei non sa cosa dice, come i mentalmente disturbati e vigliacchi. Se lei ha ragione, metta una sua foto e scriva le sue generalità, così si espone di persona, come tutti i volontari! Ho colleghi che sono MORTI, e spero, non per soccorrere gente come lei!

Raoul Pontalti

Lun, 07/07/2014 - 16:40

aredo, Ettore41, bottegai della meschinità....il volontario che si diverte anziché a girare per le osterie a prestare servizio di volontariato non percepisce nulla perché effettivamente lo fa a tempo perso. Il volontario del soccorso alpino o dei pompieri o del soccorso speleologico etc. che sono indispensabili per determinate operazioni di soccorso o di spegnimento di incendi o altro e che devono agire con celerità vengono richiamati dal luogo di lavoro e sono autorizzati dalla legge ad abbandonare il posto di lavoro per prestare la loro opera di volontari. Il danno patito dal datore di lavoro va risarcito (il rimborso va in genere a lui) che non può per contro tagliare salario o stipendio al dipendente. Ma i bananas nemmeno cosa siano il volontariato e la solidarietà sono in grado di capire....Dare dei comunisti o dei cattocomunisti al soccorso alpino o ai pompieri volontari significa avere la notte nella testa rischiarata solo dai riflessi della grappa....

serpe5

Lun, 07/07/2014 - 17:21

Io sono Volontario del Soccorso della Croce Rossa Italiana. Io dallo stato, o da altri, non ricevo nulla, e spesso neanche un grazie. Anzi, Roma ogni anno batte cassa, vuole 8 €, od il volontariato lo faccio a casa mia! La mia organizzazione, fa parte della protezione civile, e se ho una chiamata per emergenza territoriale, come alluvioni o terremoti, DEVO ANDARE, per un lavoro h24. Se nel frattempo, io ed il mio datore di lavoro, da questo riceviamo un danno economico, mi sembra corretto avere il rimborso delle 8 ore di lavoro perse. E le mie 8 ore da operaio, costano meno di quelle di uno stipendiato che fa il mio lavoro di volontariato. La precettazione, mi sembra corretta! Se a certi italiani sottosviluppati, fa schifo avere dei volontari, che fanno GRATIS il lavoto degli stipendiati, propongano un referendum! Così si ritroveranno, a strapagare in tasse, gli organi dei ministeri della Sanità e dell'interno. Vedi Asl, Protezione civile, Pompieri, ecc.....!