Non regge alla morte della moglie: 79enne si uccide tagliandosi le vene

La scoperta del cadavere dopo la Messa in suffragio della moglie morta una settimana prima. La comunità di Fenile sconvolta dalla drammatica storia

Una vita passata insieme, tra sogni ed affetti e le immancabili difficoltà affrontate sempre con la consapevolezza di poter contare uno sull’altro. E, poi, all’improvviso tutte le certezze che crollano a causa di un malore improvviso che spegne per sempre un’esistenza e spinge nell’oscuro baratro del dolore chi resta in questo mondo. È quanto capitato a Maria e Giuseppe, una dolce coppia di anziani, entrambi 79enni, residenti a Fenile, frazione del comune marchigiano di Fano.

Come riporta Il Messaggero, lei pochi giorni fa è volata in cielo a causa di un infarto. Lui non ha potuto salvare la sua amata. È rimasto solo con i suoi ricordi, il suo dolore e quel vuoto immenso che niente e nessuno potrà mai colmare.

Dover dire addio ad una persona cara è un’esperienza devastante. La morte risulta essere sempre un evento drammatico nonostante in ogni essere umano ci sia la consapevolezza della sua inevitabilità. A volte, anche se può sembrare strano, è proprio chi resta a soffrire di più. Tutto cambia per sempre. I momenti belli del passato che si ricordavano con piacere si trasformano in coltelli che con le loro lame affilate plasmate di nostalgia squarciano il cuore e l’animo.

Probabilmente era quello che stava tormentando Giuseppe, lasciato da solo ad affrontare l’ultimo tratto del cammino su questa Terra. “Adesso mi chiudo in casa senza rispondere a nessuno. E se mia moglie mi chiama la raggiungo”, avrebbe detto ad alcuni vicini il pover’uomo sconvolto dal vuoto immenso che si era creato nell’abitazione.

Lo scorso sabato, gli abitanti di Fenile si sono ritrovati nella chiesa dei Santi Pietro e Andrea per la Messa in suffragio di Maria a sette giorni della sua scomparsa e per mostrare vicinanza a Giuseppe. Ma Giuseppe. stranamente, non c’era.

Dopo la funzione religiosa, i vicini si sono recati nella casa dell’anziano ma non hanno ricevuto risposte. Allarmati, hanno subito chiamato le forze dell’ordine. Una pattuglia è intervenuta facendosi assistere dai vigili del fuoco per entrare nell’abitazione. Qui, la drammatica scoperta. Il 79enne aveva deciso di varcare la misteriosa porta così da raggiungere la sua amata. In preda alla disperazione si era tagliato le vene. Il decesso, causato da una emorragia, risale a qualche giorno addietro.

La drammatica storia ha suscitato forte impressione nella comunità di Fenile dove la coppia era arrivata da qualche anno ed era stata ben accolta. I coniugi si erano inseriti bene anche nella vita parrocchiale tanto che nel 2017 avevano partecipato al pellegrinaggio a Fatima per il centenario delle apparizioni della Madonna. Ora Maria e Giuseppe sono di nuovo insieme. Il dolore è solo un ricordo, il vuoto è stato colmato, le lacrime sono state asciugate. Ora nulla li potrà più separare.

Commenti

Italianocattolico2

Lun, 02/12/2019 - 21:11

Alla nostra età la perdita della compagna di una vita diventa atroce ed insopportabile Riposino in pace, assieme ancora come una volta....!!!