"Così moriremo insieme". E cosparge la moglie di alcol per darle fuoco

Il 47enne romeno è rientrato ubriaco nel capannone abbandonato in cui vive con la donna e dopo una lite l'ha spinta a terra e le ha cosparso i vestiti con quattro bussolotti di solvente, minacciandola con un accendino

Ha tentato di dar fuoco alla compagna cospargendola di alcol, ma la donna è riuscita a fuggire, chiedendo aiuto in strada, e l'uomo, un 47enne romeno, è stato arrestato dagli agenti delle volanti di polizia. È accaduto ieri pomeriggio a Firenze, in via Pistoiese. Un dramma sfiorata priorio a un giorno dalla Giornata Internazionale contro la Violenza sulle Donne

Secondo quanto ricostruito dalla polizia, l'uomo sarebbe rientrato ubriaco nel capannone abbandonato in cui vive con la donna - una 40enne kosovara - e al culmine di una lite l'avrebbe spinta a terra e le avrebbe cosparso i vestiti con quattro bussolotti di solvente, mentre con un accendino in mano la minacciava dicendole che le avrebbe dato fuoco. I poliziotti hanno rinvenuto nel capannone abbandonato i flaconi di solvente appena svuotati e una pozza di liquido infiammabile. Il 47enne è stato arrestato con l'accusa di tentate lesioni aggravate. La vittima - che è riuscita a fuggire in strada - quando è stata soccorsa indossava un pigiama impregnato di alcol.

Violenza sulle donne: tutti i numeri

In Italia violenze sessuali, stalking e maltrattamenti sulle donne sono in calo, ma aumenta la percentuale di femminicidi. È quanto emerge dai dati pubblicati dalla Direzione centrale anticrimine in occasione della Giornata internazionale contro la violenza di genere. La pubblicazione 'Questo non è amore 2019' fa il punto della situazione sul fenomeno. Un fenomeno che nel biennio 2018-2019 appare in diminuzione: calano del 16,7 % le violenze sessuali (nel 2017 erano in aumento del 14 %) del 2,9 % i maltrattamenti in famiglia, del 12,2% gli atti persecutori.

Rispetto al 2018, nel periodo gennaio-agosto 2019, il numero di vittime di sesso femminile sul totale degli omicidi diminuisce del 4 %, si passa infatti dal 38 al 34 %. E proprio in questo quadro il femminicidio, che a fini operativi è stato definito come un atto criminale estremo perpetrato in danno della donna in ragione del proprio essere, fa registrare un aumento percentuale: si passa dal 37% di femminicidi sul totale delle vittime di sesso femminile del 2018, al 49% nel periodo gennaio-agosto 2019. Il 67% di queste vittime è straniero. Ancora più allarmante è il fatto che nel 61 % dei casi l'autore del femminicidio è il partner e l'arma da taglio è la più utilizzata. Sul fronte della prevenzione, nel 2018 le recidive per i soggetti già ammoniti dalle questure per atti persecutori si attestano sul 20% mentre salgono al 30% per gli ammoniti per violenza domestica.