Firenze, denunciata maestra: spinge a terra alunno e lo fa picchiare

Venuti a conoscenza dei fatti, i genitori del piccolo hanno subito sporto denuncia per percosse e lesioni. Il preside della scuola elementare ha avviato delle verifiche

Grave episodio avvenuto lo scorso giovedì in una scuola elementare della periferia di Firenze, dove un’insegnante ha spinto di proposito un suo alunno per farlo cadere a terra, ordinando poi ad un altro ragazzino di colpirlo.

Una notizia che lascia basiti, soprattutto perché la maestra avrebbe agito con il solo intento di “educare” gli allievi. Stando a quanto riferito dai genitori, che hanno ovviamente sporto denuncia, i due bambini coinvolti nella vicenda stavano giocando durante la ricreazione, quando uno dei due ha dato un calcio all’altro, facendolo cadere. Dopo avere assistito alla scena, l’insegnante è subito intervenuta, affidandosi ad un metodo piuttosto discutibile. La donna ha rimproverato il colpevole per poi spingerlo più volte, fino a farlo cadere rovinosamente a terra. Nell’impatto, infatti, il bambino ha battuto la testa, ricavandone un leggero trauma cranico.

La punizione, tuttavia, non si era conclusa. Dato che l’altro bambino era finito a terra dopo avere ricevuto un calcio, la maestra ha stabilito che anche il responsabile dovesse subìre lo stesso, ed ha invitato la vittima iniziale a restituire i colpi al compagno.

Venuti a conoscenza della vicenda, i genitori del piccolo redarguito e punito dalla maestra si sono immediatamente presentati dai carabinieri della compagnia di Soffiano (Firenze) ed una denuncia per percosse e lesioni è stata spiccata nei confronti della docente.

Nessuna grave conseguenza per il ragazzino vittima della violenza. Dopo aver raccontato l’accaduto, i familiari lo hanno portato al pronto soccorso dell’ospedale di Torregalli, dove i medici hanno riscontrato un trauma cranico di lieve entità.

Sono ora aperte delle indagini interne fra le mura dell’istituto promosse dal dirigente scolastico, che intende vederci chiaro. In futuro, dunque, potrebbero essere presi ulteriori provvedimenti nei confronti dell’insegnante. Grave anche il fatto che la donna, dopo avere portato a termine il proprio operato, abbia detto ai suoi alunni di non riferire nulla di quanto accaduto alle loro famiglie.

Commenti

Kamen

Lun, 04/03/2019 - 14:45

É la buona scuola.

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Lun, 04/03/2019 - 14:49

povera Italia, a leggere certe notizie vengono i brividi.