Foggia, orrore nel campo rom: bebè venduto per 28mila euro

Sei rom arrestati per aver costretto a prostituirsi tre minorenni. E avevano messo in vendita il nascituro di una di loro

Foto d'archivio

Non solo le hanno segregate nelle baracche, picchiate e costrette a vivere "come animali" e a prostituirsi. Ma quando una di loro è rimasta incinta hanno provato persino a vendere il nascituro per 28mila euro.

L'orrore è stato scoperto nel campo nomadi sorto alla periferia di Foggia, dove sei rom (due uomini, due donne e due ragazzini) sono stati arrestati per aver ridotto in schiavitù tre minorenni tra i 16 e i 17 anni, anch'esse rom. L'indagine che ha portato alle manette e alle accuse di riduzione e mantenimento in stato di servitù, induzione e sfruttamento della prostituzione minorile e sequestro di persona ai danni di minori, è partita proprio da una delle tre ragazzine seviziate.

La giovane è riuscita a scappare dopo essere stata selvaggiamente pestata con calci, pugni, schiaffi e cinghiate, sferrati in ogni parte del corpo, sulla faccia, sulla pancia e dietro la schiena, nonché trascinata per i capelli e fatta strisciare per terra all'interno della baracca nella quale era stata segregata.

Secondo gli inquirenti, la banda di rom avrebbe attirato le vittime - tutte appartenenti a famiglie disagiate - nella campo rom con inganni e stratagemmi. Poi le avrebbe chiuse in una baracca con catena e lucchetto, picchiate per più giorni e infine costrette a vendere il proprio corpo sotto il diretto controllo dei loro aguzzini. Tutte erano costantemente controllate e rese incapaci di scappare dal campo. Ognuno dei fermati aveva un ruolo ben preciso: chi gestiva tutta l'attività illegale, chi accompagnava le ragazze dove si prostituivano, chi forniva loro anticoncezionali e chi le controllava durante la loro permanenza nel campo rom. Nel corso delle indagini è emerso che gli indagati costringevano le minorenni a prostituirsi anche durante la gravidanza: in un'occasione una vittima è stata costretta a prostituirsi fino al settimo mese di gestazione e uno degli indagati aveva ipotizzato di vendere il figlio ad una persona che conosceva per 28mila euro.

Commenti
Ritratto di filospinato

filospinato

Mer, 05/12/2018 - 14:35

unica soluzione ph 2

paolone67

Mer, 05/12/2018 - 14:36

Un po' caro. Lo stato Italiano, in collaborazione con le associazioni che hanno il monopolio delle adozioni internazionali, li vendono a meno. Con 15mila euro uno se la cava. E loro si sono pure auto-assegnati la patente di legalità. C'è solo il problema che la domanda è superiore all'offerta, ma per il resto, appena inizi il percorso di adozione, cominciano a mungerti.

Ritratto di chietoScuso

chietoScuso

Mer, 05/12/2018 - 14:38

RASSISTI, TRATTASI di PURA cultura rom

Popi46

Mer, 05/12/2018 - 14:56

Poi dicono che in Italia non si fanno figli perché costano (i figli....)

dagoleo

Mer, 05/12/2018 - 15:02

Le risorse preziose. Gliele porterei volentieri sotto casa della Boldrini.

Ritratto di navigatore

navigatore

Mer, 05/12/2018 - 15:03

questo dimostra che non hanno il senso della famiglia,i figli sono e restano merce di scambio,come nei popoli islamici,informate, quelli del PD, chissà che non imparino le loro usanze,in fondo i soldi son soldi

Ritratto di jonny$xx

jonny$xx

Mer, 05/12/2018 - 15:13

chi scendera' in piazza a favore di questi e contro il governo?

Ritratto di giovinap

giovinap

Mer, 05/12/2018 - 15:18

i prezzi sono molto aumentati negli ultimi tempi!

baio57

Mer, 05/12/2018 - 15:34

Quella di schiavizzare i minori e mandarli per strada a rubare o chiedere elemosina ,picchiarli se la sera non portano il contributo stabilito,è la prassi da sempre di queste etnie tanto care ai sinistrati mentali.

edoardo11

Mer, 05/12/2018 - 15:36

Le RISORSE!

semelor

Mer, 05/12/2018 - 15:37

Una cosa mi domando e dico: chi sono gli uomini che pagano per andare con queste disgraziate? Quali orribili esseri possono celarsi dentro alcune persone.

Egli

Mer, 05/12/2018 - 15:44

Viva la Troika.

Valvo Vittorio

Mer, 05/12/2018 - 15:44

Qui non è in gioco una misera cronaca nera, ma uno scontro fra civiltà. Siamo stati abituati alla cronaca nera, mafiosa, alla gelosia morbosa. Qui si rasenta un mix d'incultura, arroganza e istinti primordiali. E' gente catapultata in Italia grazie al " buonismo di facciata" dei cattocomunisti, che imbevuti di fratellanza e di accoglienza minano il nostro popolo e la nostra cultura. Occorre ripristinare le frontiere a livello europeo.

Ritratto di hernando45

hernando45

Mer, 05/12/2018 - 15:52

E la Pavlov o come cavolo si chiama, la LORO protettrice, CHE DICEEEE!!! AMEN.

Happy1937

Mer, 05/12/2018 - 16:48

Tutto cio`alla querula CEI non interessa.

Ritratto di alfredido2

alfredido2

Mer, 05/12/2018 - 17:27

I ROM dovrebbero integrarsi e vivere come tutti gli Italiani,,lavorando e non rubando o chiedendo elemosina. Spero che ai malfattori in questione siano dati 20 anni non di galera ma di lavoro socialmente utile non retribuito.

Geegrobot

Mer, 05/12/2018 - 17:52

La loro cultura sarà la nostra? Azzz

Ritratto di pierluigiv

pierluigiv

Mer, 05/12/2018 - 17:55

sono in trepidante attesa che Vauro Boldrini e Saviani si indignino

Giorgio5819

Mer, 05/12/2018 - 20:32

"orrore nel campo rom..." noooooo ! L'orrore é nella faccia di quelli che difendono questa razza di parassiti criminali da estinguere...