Francia citerà in giudizio Google e Apple per pratiche scorrette

Lo Stato francese potrebbe citare in giudizio Apple e Google per "pratiche commerciali scorrette" e chiedere una sanzione di due milioni di euro

La Francia citerà in giudizio Apple e Google per pratiche commerciali scorrette. Lo ha annunciato il ministro dell'Economia e delle finanze, Bruno Le Maire, in un'intervista a Rtl spiegando che potrebbe arrivare una sanzione di "milioni di euro".

In difesa della start-up francesi

"Credo in un'economia fondata sulla giustizia - ha detto Le Maire - e mi appresto quindi a citare in giudizio Google e Apple al tribunale del commercio di Parigi per pratiche commerciali scorrette" nei confronti delle start-up francesi.

Il ministro ha rimarcato che le start-up si vedono "imporre delle tariffe" quando negoziano la vendita delle loro applicazioni a Google o Apple, che possono cambiare "unilateralmente i contratti". Per Le Maire questa situazione è "inaccettabile".

La replica di Google

Dopo l'annuncio del ministro, il colosso americano ha precisato di aver sempre agito con pratiche commerciali "conformi alla legge francese". "Siamo pronti a spiegare la nostra posizione in tribunale", ha dichiarato un portavoce di Google France.

Commenti

cgf

Mer, 14/03/2018 - 15:16

Non voglio difendere Apple e Google, ma i francesi... che dire allora che anche Iliad ed Orange possono cambiare UNILATERALMENTE le condizioni e zitto-mosca! Come quando i francesi vanno a comprare altrove, ma guai a casa loro. Ci sono esempi a non finire.