Furbetti del cartellino, truffa alla Asl di Viterbo per un milione e 300mila euro

Alcuni dipendenti dell'azienda sanitaria sono riusciti a ottenere maggiorazioni dello stipendio persino in giornate in cui erano assenti dal posto di lavoro

Truffa alla Asl di Viterbo per un milione e 300mila euro. Timbrano il cartellino e si danno alla fuga. Chi va alla recita di Natale del figlioletto, chi a fare acquisti, altri al mercato rionale. Alcuni, in particolare, non si fanno alcuno scrupolo e se ne tornano a casa.

Sono 23 le denunce per altrettanti dipendenti, tra medici, infermieri e funzionari dell’ospedale Belcolle di Viterbo, tutti con l'ipotesi di reato di falso e truffa ai danni dello Stato. Una pratica fin troppo diffusa quella del badge prestato "allegramente" a colleghi e amici da timbrare al posto di altri, tanto che i finanzieri della cittadina a nord della capitale hanno avviato una prima indagine "d'iniziativa".

Appostamenti e pedinamenti in pochi giorni portano ai primi risultati tanto da convincere la Procura viterbese ad autorizzare l'installazione di telecamere e microspie nonché a monitorare gli spostamenti degli impiegati Asl attraverso i movimenti dei loro telefoni cellulari. Un lavoro investigativo particolarmente difficile per la possibilità dei dipendenti di timbrare il badge in varie postazioni della struttura ospedaliera.

I dati raccolti, comunque, vengono incrociati con l'attività di pedinamento e di analisi dei tabulati telefonici. Risultato? Presenze registrate, assenze e spostamenti durante l'orario di lavoro puntano su un gruppo di dipendenti. "Una pratica tristemente diffusa - spiegano le Fiamme Gialle - per alcuni lavoratori compiacenti che si prestano a coprire altri colleghi che restano a casa o si dedicano ad altri impegni familiari, pur risultando regolarmente sul posto di lavoro". È il caso di una donna intenta a fare spese durante l'orario di ufficio o di un'altra impiegata impegnata nella rappresentazione teatrale del figlio.

Un'inchiesta certosina, tanto che i baschi verdi hanno esaminato oltre mille posizioni giornaliere. Le indagini, poi, si sono concentrate su altre gravi quanto illegali abitudini dei dipendenti Asl. Come quella di ottenere maggiorazioni dello stipendio persino in giornate in cui erano assenti dal posto di lavoro.

Dal sospetto alla certezza: basta incrociare i documenti degli ultimi cinque anni dell'azienda sanitaria di Viterbo e della Regione Lazio per ricostruire l'ammontare di indennità percepite indebitamente dal personale medico e infermieristico in servizio presso una certa Unità Operativa. Fra queste anche assistenze domiciliari mai effettuate. "In dettaglio - conclude la Guardia di Finanza - sono state prodotte false attestazioni mediante le quali dodici indagati, tra medici e infermieri, hanno percepito indennità accessorie allo stipendio per prestazioni domiciliari effettuate in giorni di assenza dal lavoro, oppure gonfiate nella quantità. Ovvero effettuate si, ma registrate anche a favore di terzi che non avevano partecipato all’intervento domiciliare". A quanto ammonta la truffa? A un milione e 300mila euro. Fra i 23 dipendenti uno (solo), in particolare, è stato sospeso dal servizio. (GUARDA IL VIDEO)

Commenti

cgf

Mar, 31/01/2017 - 13:43

il rilevamento dell'impronta digitale è comunemente accettato per gli smartphone e altro ancora, io lo trovo comodo per l'apertura delle porte d'ingresso condominiali (non esiste chiave, tutti i condomini e le persone registrate possono accedere senza che alcun altro apra) perché non usare lo stesso sistema per la rilevazione presenze? La vedo più difficile barare, a meno che qualcuno che 'timbra' per altri non si faccia dare un dito...

giovinap

Mar, 31/01/2017 - 13:47

anche noi abbiamo avuto gli obama(cha hanno operato contro l'italia) ma non avremo un trump !

ectario

Mar, 31/01/2017 - 13:55

Per i sindacati in Italia sono solo il liberi porfessioni ad evadere le tasse: perchè sta roba qua, diffussissima in modo spudorato, come si chiama se non sottrazione di risorse dello stato (Miliardi), oltre che servizi non dati?

il sorpasso

Mar, 31/01/2017 - 14:02

Renzi non aveva detto che andavano licenziati subito? dov'è il problema si deve applicare le leggi e basta!

giovinap

Mar, 31/01/2017 - 14:18

se addizioniamo tutto quello che truffano gli statali alla collettività con l'assenteismo il nullafecentismo e il pressapochismo , potremmo fare 4 finanziarie .

venco

Mar, 31/01/2017 - 15:10

Per i dipendenti pubblici l'importante è che timbrino il cartellino, il resto non serve.

Rossana Rossi

Mar, 31/01/2017 - 15:57

E' il solito schifo del permissivismo rosso sindacale dove anche chi truffa viene protetto. E poi ci meravigliamo se al pronto soccorso scambiano le barelle.......la mancanza assoluta di senso del dovere e professionalità è proprio dovuta questa vergognosa tolleranza che porta tutti a fregare. Se questi ladri venissero licenziati in tronco forse la musica cambierebbe......o si ha paura di essere troppo cattivi? E allora facciamoci rubare, poi però non lamentiamoci........

Silvio B Parodi

Mar, 31/01/2017 - 16:15

bisogna rinnovare il contratto agli statali" tutti in galera I truffatori, ma forse no, quelli votano PD. visto I ladri?? e io pago!!!

Silvio B Parodi

Mar, 31/01/2017 - 16:16

perche' FURBETTI??? io direi Truffatori.

Silvio B Parodi

Mar, 31/01/2017 - 16:17

dipendenti pubblici che frodano lo stato e I cittadini italiani sono tutti quelli che votano pd

Ritratto di mariosirio

mariosirio

Mar, 31/01/2017 - 17:21

Gli si addebitino i costi delle investigazioni, dei processi, i soldi presi non dovuti, interessi, ammenda e li si tenga a lavorare sempre lì con stipendio decurtato, finito il lavoro, firma dalla guardie e casa senza uscire fino a estinzione del debito. Mica li licenzi e poi non pagano un cip.

cianciano

Mar, 31/01/2017 - 17:52

rossana rossi. Concordo al 110%. E' così evidente e così sfacciata la protezione di questi esseri schifosi che sembra impossibile non poterne venire a capo. Sono protetti da tutto l'apparato statale ivi compresi i sindacati per primi. VOGLIAMO TRAMP.....questo firma subito !!!!!!

Ritratto di hernando45

hernando45

Mar, 31/01/2017 - 18:05

Ogni tanto fanno finta di scoprirne qualcuno, bensapendo da sempre, che i dipendenti pubblici fanno TUTTI cosi da TUTTE le parti!!!!!AMEN.

cianciano

Mar, 31/01/2017 - 18:25

Questi farabutti oltre a fare una vita di "lavoro" assente, al momento della pensione verranno poi anche retribuiti con il 92% dello stipendio che avevano. Una cosa del genere è da non credere. Oltre al danno anche la beffa. UNA SITUAZIONE DEL GENERE,MI CHIEDO, E' DI UN PAESE NORMALE ????..... BASTA !!!! oltre al licenziamento in tronco devono risarcire del doppio il danno procurato a me e agli altri italiani.....e poi una pensione max di 500 euro. Fine