Gallipoli, coppia gay si bacia, il cameriere li riprende

Accade a pochi giorni dal Salento Pride


"Senza scomodare il codice penale, ogni atteggiamento volgare in una spiaggia frequentata anche da bambini e famiglie deve essere bloccato all’istante. Non si parla nel caso specifico di baci romantici al tramonto ma di effusioni più spinte, molto più che censurabili. Non scendiamo nei particolari per una mera questione di buon gusto." Si difende così il G Beach di Gallipoli in località Punta Suina per il fatto accaduto ieri: una coppia gay è stata interrotta da un cameriere mentre pare si stesse baciando.
"Le due persone semplicemente non mantenevano un contegno adeguato" continua il comunicato stampa dello stabilimento balneare.
Subito il gruppo di amici della coppia voleva spiegazioni sul perché un bacio creasse tanto scalpore. Così il proprietario, per scusarsi, ha consegnato una bottiglia di spumante e pare abbia giustificato l'intervento del cameriere in relazione a un calo dei clienti facoltosi in quanto stabilimento di riferimento della comunità LGBT.
"L’orientamento sessuale resta sempre una scelta privata - continua il comunicato del G Beach - non ha ovviamente inciso nella nostra decisione; in passato egual trattamento è stato riservato ad una giovane coppia etero che aveva avuto comportamenti analoghi. L’omofobia non appartiene né alla gestione del G Beach né alla storia del suo titolare milanese, famoso per i suoi party (Exogroove, New York Bar, Salvation) sia in Italia che all’estero dove la comunità gay e LGBT è sempre stata trattata con grande rispetto, un rispetto reciproco. Il G Beach è un attività friendly e sempre tale rimarrà. In ogni caso non si transige su atteggiamenti equivoci e volgari, a prescindere da ogni orientamento sessuale."
Insomma, quello che prima era il Mako Beach, riconosciuto su Gaynews.it come lo stabilimento della comunità LGBT, oggi vorrebbe cambiar faccia e orientamento. Ma i vecchi clienti non ci stanno. Ed il caso fa molto scalpore proprio a pochi giorni (Sabato 19 Agosto) dal Salento Pride. L'Arcigay Salento, l'arcigay Puglia e il Salento Pride, infatti, parlano di un caso di omofobia sottolineando come, ironia della sorte, lo stabilimento in questione si trovi proprio accanto alla spiaggia dove Ferzan Ozpetek girò una delle scene simbolo del film “Mine Vaganti”. E si dicono "sconcertati dell'accaduto" scusandosi "personalmente con chi è stato discriminato in maniera così eclatante per un semplice bacio. "
Il caso, come si legge sempre su Gaynews.it, è stato già segnalato al presidente della Regione Puglia Michele Emiliano. Si preannuncia, così, un gay pride molto caldo. La parata inizierà proprio nelle ore più afose di questa torrida estate, alle 16.30.

Commenti

frapito

Mer, 16/08/2017 - 23:16

Prima l'albergo, poi la spiaggia, poi il ristorante, ora uno stabilimento balneare, tutto perfettamente organizzato e temporizzato per provocare e creare situazioni ad alta visibilità. Che cosa ha preparato la regia per la prossima settimana?

swiller

Gio, 17/08/2017 - 03:16

Che schifo.......

Popi46

Gio, 17/08/2017 - 06:55

Certo che in foto sono proprio carini...

FRATERRA

Gio, 17/08/2017 - 06:56

In parole povere;uno non solo deve sopportare lo SCHIFO ma non può neanche indignarsi....siamo a REGIME ....

il sorpasso

Gio, 17/08/2017 - 07:25

Che schifo non c'è più rispetto e sempre grazie al PD che ha fatto di tutto per i gay.

Ritratto di massacrato

massacrato

Gio, 17/08/2017 - 08:48

A me pare che ormai ci sia un protezionismo esasperato a difesa di un diritto che nessuno nega. Il bacio IN PUBBLICO può avere mille risvolti: può essere accettabile o essere volgare e fastidioso, indipendentemente dal sesso. Solo che molto probabilmente se fossero stati redarquiti un uomo e una donna per un fatto analogo, nessuno ne avrebbe nemmeno parlato.

Ritratto di FRANZ58

FRANZ58

Gio, 17/08/2017 - 09:05

Il bon ton (eufemismo) è cosa che sta bene ovunque e buono per tutti. il legislatore dovrebbe pensare al cartello 'accesso vietato ANCHE ai minori accompagnati' - ognuno è libero di fare quanto crede, ma nei luoghi più opportuni. solo bon ton.

Ritratto di mbferno

mbferno

Gio, 17/08/2017 - 09:19

Dove poteva avvenire questo increscioso episodio fra due "porcellini"? Ma a punta Suina naturalmente.

Ritratto di etaducsum

etaducsum

Gio, 17/08/2017 - 10:10

(…post 2) – Alcuni, però, molto più uguali degli altri. Ecco, nell’ordine, la graduatoria: 1) la nomenklatura del sinistrume imperante; 2) i loro clienti più… generosi in soldi e voti e le loro coop «socialmente utili» ed «umanitarie» e relativi picciotti sfascia vetrine e teste di poliziotti; 3)i fighetti radical chic; 4) le lobby gay; 5) le «preziose risorse» che pagheranno le pensioni degli italiani, quando l’etnia italiana sarà estinta; 6) i rom… ultimi) gli italiani, meno uguali perfino degli orsi. PS: inutile dire: continuate a votare i sinistri o a non andare a votare «tanto sono tutti uguali…». TROPPO TARDI: I GIOCHI SONO FATTI!!!

Morker83

Gio, 17/08/2017 - 10:30

Voi sapete che se non fosse stato per il turismo gay, Gallipoli non sarebbe stata nulla oggi? E' stata scelta come meta gay una decina di anni fa ed è stata trasformata nella super meta tursitica di massa che è oggi. Finché il turismo gay ha portato denaro andava bene, ora che sono arrivate le famiglie si sputa nel piatto in cui si è mangiato. Due persone che si amano sono sempre una meraviglia e due genitori intelligenti dovrebbero insegnare la bellezza di ogni amore vero. L'ostentazione di atti amorosi in pubblico va invece bloccata, di qualsiasi tipo essa sia.

Ritratto di FRANZ58

FRANZ58

Gio, 17/08/2017 - 11:06

Morker83: solo bon ton. vede, ognuno è libero di trovare l'amore dove crede, se intelligente, nel rispetto delle categorie più deboli, i bimbi. ad esempio, per quanto tu possa spiegare, per loro rimane sempre incomprensibile come da uomo/uomo o donna/donna possa nascere un bimbo, è l'innocenza allo stato puro. se evitava la parte economica, sarebbe stato meglio. è bon ton anche quello.

steacanessa

Gio, 17/08/2017 - 11:07

Bravo il Cameriere!

lorenzovan

Gio, 17/08/2017 - 11:20

@frapito...gombloto gaio intergalattico !!!! occorre reagire immediatamente ed armare i missili nucleari....lolololololo

Totonno58

Gio, 17/08/2017 - 11:24

Dopo i proprietari di case, direttori di alberghi ecc,ora il Paese deve anche preoccuparsi delle reazioni di un cameriere, magari solo un po' invidioso?!?

madrud

Gio, 17/08/2017 - 15:42

Io vorrei sapere chi o cosa è questa comunità LGBT. Una sorta di corte dei miracoli di pervertiti e deviati? Vogliono far passare per normale ciò che normale non è. Purtroppo la Natura li ha fatti venire così, ma non è che facendo chiasso o volendo copiare le coppie etero (anche nell'istituto del matrimonio) diventino normali. Si rassegnino, la società va avanti con il conrtributo della gente sana: ovvero di quanti mettono al mondo figli propri e li fanno crescere per avere un domani.

cornacchia46

Gio, 17/08/2017 - 17:20

@ madrud. Cosa significa che non sono normali? Se intendi dire che le relazioni omosessuali non servono al proseguimento della specie, puoi anche avere ragione, ma ciò non costituisce un motivo di discriminazione, visto che, anche senza procreare, una persona può provare affetti e vivere la sua sessualità. Anzi, se fosse questo il concetto di normalità, allora l'omosessuale andrebbe tutelato come un disabile impossibilitato a procreare.