La gelosia di una moglie: va a picchiare a domicilio la presunta amante del marito

La vicenda a Udine dove la donna rischia di andare a processo per lesioni, violenza privata e violazione di domicilio

Ha trovato l’auto del marito posteggiata sotto una casa, quella dove abita la donna che considera essere la sua amante, e non c'ha più visto. Una madre e moglie, in compagnia della figlia minorenne, è andata a suonare al campanello della (presunta) rivale in amore. E anche se in casa di lei il marito non c'era da nessuna parte, la donna se l'è presa comunque, colpendola alla testa con un ombrello.

La vicenda – raccontata da Il Messaggero – a Udine, dove la vittima, una 40enne, si è presentata al comando di polizia, ferita, spiegando agli agenti quanto subito. Portata prontamente in ospedale, è stata dimessa con una prognosi di sette giorni. La vittima ha raccontato che le due le hanno preso di mano il cellulare per controllare se vi fossero messaggi e chiamate con il papà-marito.

La sera stessa, sempre in questura, si sono presentate madre e figlia per consegnare un telefono "trovato per terra", di proprietà della vittima dell'aggressione. Le due, ovviamente, hanno raccontato una versione ben differente: la moglie ha detto di aver bussato alla porta per cercare il marito e di essersi difesa da un aggressione fisica.

L'episodio, si legge, è stato segnalato alle Procura di Udine e dei minori di Trieste per le valutazioni del caso. Le ipotesi a carico delle due sono lesioni, violenza privata e violazione di domicilio.