Genova, 50enne blocca bus con l’auto, poi botte e morsi a due agenti

Il veicolo del 50enne impediva il passaggio del mezzo pubblico sotto un viadotto: i vigili intervenuti sul posto sono stati aggrediti dall’uomo

Aggressione ai danni di due agenti della polizia locale di Genova, avvenuta nella serata di ieri in via Carrara, nella Sturla.

I poliziotti erano giunti sul posto in seguito alla richiesta di intervento inoltrata da un autista Atm, il cui mezzo pubblico era rimasto bloccato da un’autovettura. Per la precisione, il veicolo si trovava posteggiato sotto il viadotto di via Carrara, cosa che impediva il passaggio dell’autobus ed il regolare deflusso del traffico.

I vigili si sono pertanto occupati di prendere nota dell’accaduto e di chiedere l’invio di un carro attrezzi per la rimozione dell’auto. Poco dopo la segnalazione, tuttavia, ha fatto ritorno il proprietario del mezzo, un 50enne genovese. L’uomo, per nulla intenzionato a collaborare, si è rifiutato di consegnare i documenti ai poliziotti, ed anzi ha addirittura provato a salire in auto per allontanarsi. Inutili i tentativi di farlo calmare e riportarlo alla ragione. Il proprietario dell’auto ha continuato ad inveire sia contro gli operatori Atm che contro i vigili i quali, dopo l’ennesimo tentativo di prender possesso del mezzo per andarsene, hanno cercato di bloccarlo.

Il 50enne, in preda a una vera e propria crisi di nervi, ha assalito gli agenti, mordendo il labbro di uno dei due e ferendo in viso il secondo.

La situazione è tornata alla normalità solo dopo l’arrivo di una pattuglia di carabinieri del comando di Genova, che hanno fatto scattare le manette ai suoi polsi. I due poliziotti feriti, invece, sono finiti al pronto soccorso per medicare le ferite riportate.