Gesù travestito da Lady Gaga per "gioco"

In rete la blasfemia tocca l'apice. E Gesù crocifisso viene oltraggiato da un "gioco", si chiama "Jeus dess up" e con un clic è possibile travestire Cristo da Lady Gaga

“Jesus dress up”, vesti Gesù crocifisso nei modi più assurdi: da cheerleader, zucca di Halloween, clown. Aggiungi qualche accessorio. C’è l’imbarazzo della scelta. La “classica” corona di spine ma anche collane hawaiane, slip tigrati e le pinne da sub. Una volta fatto, si può ricominciare da capo. All’infinito, per ogni stagione e ogni occasione.

Così la blasfemia diventa un passatempo alla moda e si consuma l’ennesimo sfregio alla religione cristiana. Lo chiamano “gioco” e, a dire il vero, è nato vent’anni fa. Nel 1991, dalla “brillante” intuizione di un’artista semisconosciuto, un tale Normal Bob Smith. Ecco cosa succede quando un performer squattrinato s’incontra con una multinazionale. La nota casa di abbigliamento americana Urban Outfitters. Entrambi sono a caccia di qualcosa. Bob vuole arricchirsi. Mentre il marchio vuole conquistare un target giovane, irriverente, trasgressivo. Insomma, il classico pubblico che impazzirebbe per “Jesus dress up”.

L’azienda fiuta il business e, nel 2004, acquista migliaia di confezioni e le mette in vendita nei suoi store. In ogni scatola c’è l’occorrente. Grazie ai magneti, la sagoma del Cristo appeso alla croce, cambia look. Diventa una rockstar, un giocatore di pallacanestro o una ballerina. È un successone, i kit vanno a ruba. Ma se, da un lato, il mondo laico accoglie la cosa con entusiasmo, dall’altro, la comunità cattolica s’indigna.

Il primo a chiedere il ritiro di “Jesus dress up” dai negozi è un uomo di Philadelphia. Si chiama Gerry e scrive all’emittente locale della Nbc. Dopo di lui prendono coraggio altri. Alla fine sono 250.000 i reclami che in pochi mesi sommergono i vertici dell’azienda. Iniziano picchetti e manifestazioni davanti ai negozi, finché la società non getta la spugna. E ritira l’articolo che sparisce. Solo dagli scaffali, perché il passatempo si è trasferito in un luogo più sicuro: il web. Il principio non cambia, ma per travestire il Nazareno come un bambolotto adesso basta un clic. E ovviamente c’è più scelta. Per rimanere al passo con i tempi, infatti, il guardaroba è stato rinnovato. Sono comparsi persino gli outfit esagerati di Lady Gaga.

Commenti

Cheyenne

Lun, 30/10/2017 - 19:05

PER CERTUNI SAREBBE NECESSARIA UNA BUONA DOSE DI ISLAM

ziobeppe1951

Lun, 30/10/2017 - 19:36

Per la gioia di totonno e suor riflessiva

Ritratto di llull

llull

Lun, 30/10/2017 - 20:36

Che coraggiosi questi qua... Prendersela con una religione che professa la bontà ed il perdòno. Li vorrei vedere a far cambiare l'abito a Maometto.

fifaus

Lun, 30/10/2017 - 22:22

vigliacco chi offende e vigliacco chi non difende

dank

Lun, 30/10/2017 - 22:30

facile irridere la religione cristiana oramai che nessuno ti da una sonora lezione. Certi coraggiosi anticlericali e atei dovrebbero provare a onorare Maometto di una simile attenzione. Ma son troppo codardi

Popi46

Mar, 31/10/2017 - 07:00

Il buon gusto è una qualità persa ormai da tempo, non tanto nei singoli, quanto da chi dovrebbe gestire una comunità

Ritratto di Azo

Azo

Mar, 31/10/2017 - 07:37

Da che Franceschiello è venuto a capo del clan di falsi buonisti cristiani, la gioventù si è svegliata e per loro, rimane solamente un simbolo,( MEGLIO LA GALLINA OGGI CHE L`UOVO DOMANI ). QUESTO È IL FRUTTO DELL`EGOISMO!!!

roberto.morici

Mar, 31/10/2017 - 07:41

Credo che con Maometto protagonista il bel giochino non riuscirebbe molto bene. Quello mena de brutto.

cecco61

Mar, 31/10/2017 - 08:30

Può dar fastidio a un cristiano ma certamente manderà in estasi i tanti islamici e islamisti. Questi, per par condicio, dovrebbero provvedere a mettere on-line lo stesso giochino con protagonista Maometto. Non avverrà mai a dimostrazione di come siano delle zecche, solo parassiti dell'umanità.

lento

Mar, 31/10/2017 - 08:59

In fin dei conti Gesu' era ebreo e appartenente alla tradizione dei beduini Sia nel modo di vivere e nel vestire ! Noi Europei non abbiamo niente in comune con questa gente .Specialmente nei giorni della grande invasione d'Europa di beduini clandestini....

fifaus

Mar, 31/10/2017 - 09:53

lento: abbiamo una cultura e un'arte cattoliche, che derivano dalla capacità che ebbero la cultura e l'arte classica di ripulire il fanatismo cristianesimo delle oriogini. Non a caso, la lingua della liturgia della Chiesa e la lingua del diritto furono per secoli il latino. Io fui battezzato fa, per allontanarmi presto dalla Chiesa. Percorso comune a tutti i piccoli italiani di settant'anni fa. Non per questo però dimentico, e anzi defendo, la mia identità.

babilonia

Mar, 31/10/2017 - 10:03

Che schifo!