Gestione dei migranti affidata al frate accusato di truffa da 50 milioni

A capo della caserma Montello, che ospiterà 300 richiedenti asilo, Clemente Moriggi, il religioso che un anno fa è stato protagonista di un caso di speculazione finanziaria dell’ordine francescano

Da mesi, i cittadini organizzano fiaccolate, presidi e raccolte firme contro l’uso temporaneo dell’edificio militare nella zona nord-ovest di Milano. Si tratta della caserma Montello che, tra pochi giorni, sarà la nuova casa di circa 300 migranti.

La scelta è stata presa da Governo, dal comune di Milano e dalla prefettura dopo che il presidente della regione lombardia Roberto Maroni è riuscito a impedire l’uso dell’ex campo base di Expo 2015 per l’accoglienza dei migranti. A difendere la scelta della caserma il sindaco Beppe Sala: "Non possiamo continuare a dire no a tutto. Il problema c'è, i migranti stazionano davanti alla stazione Centrale, io continuo a difendere la via della Montello, che è una soluzione transitoria e dignitosa".

La decisione finale arriva il 19 settembre direttamente dal Ministero della Difesa, proprietario dell'edificio, ma a far discutere è a chi è stata affidata la gestione dei migranti. Secondo quanto riporta l'Espresso, non essendoci tempo per un bando ufficiale vengono chiamati cinque operatori che già lavorano con Prefettura e Palazzo Marino tra accoglienza di migranti maggiorenni e minorenni e il piano invernale per assistere i senzatetto.

La notizia ufficiosa arriva mercoledì 12 ottobre: a gestire l'accoglienza sarà la fondazione fratelli di San Francesco, che per il 2015 e 2014 ha intascato quasi tre milioni di euro per dare assistenza a circa 90 mila richiedenti asilo. Un gruppo che dà lavoro a duecento dipendenti e ha 7 centri nel Milanese.

A capo della fondazione c’è il frate Clemente Moriggi, finito un anno fa in un caso di speculazione finanziaria. Il religioso è accusato di concorso in appropriazione indebita insieme all’ex economo della curia generalizia dei frati minori, Giancarlo Lati, del suo omologo nella Provincia Lombarda, Renato Beretta.

I tre frati si erano affidati nella mani di Leonida Rossi per gestire il tesoretto dell’ordine: quasi 50 milioni di euro raccolti grazie ai lasciti, testamenti e donazioni per le opere religiose e finiti in progetti di resort di lusso sparsi tra l’Africa e il Medio Oriente.

I milioni provenivano dalle casse della Provincia lombarda dei Frati minori francescani (per 23,5 milioni), della Conferenza dei ministri provinciali (3 milioni), e della Casa generalizia dell’Ordine disciplinato dalla regola del 1223 di papa Onorio III, presente in 110 Paesi, e organizzato in 99 Province, 8 Custodie autonome, 14 Custodie indipendenti e 20 Fondazioni, con al proprio vertice il soggetto giuridico autonomo Casa generalizia (detta anche Curia generale).

Leonida Rossi è nato in Italia ma è residente in Kenya e svizzero per sedicente attività fiduciaria. Il 78enne è stato accusato di "impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita", ovvero frutto di "un ammanco in enti religiosi di almeno 49 milioni e mezzo di euro nel periodo 2007-2014".

L’inchiesta nasce nel novembre 2015 e assume contorni oscuri quando il broker, il giorno dopo la notizia, viene trovato suicida nella sua villa a Lurago d'Eba nel Comasco. A far emergere lo scandalo è stata la trasparenza dei nuovi economo e rappresentante legale della Provincia lombarda, Marco Fossati e Giuseppe Maffeis, subentrati nel 2013 ai quasi quindici anni di gestione Beretta.

Commenti

lawless

Lun, 17/10/2016 - 15:12

prima o poi sono convinto che tutti quelli che hanno caldeggiato questa invasione selvaggia compresi conduttori/ci, giornalistoidi, vignettari e sedicenti uomini di cultura delle trasmissioni mattutine televisive asservite al regime per trenta denari, risponderanno del loro operato ai cittadini italiani sempre più poveri, sofferenti e arrabbiati. Dalle notizie che leggo molto allarmanti anche se filtrate, mi sembra di capire che ormai per i più la misura è colma, non nascondo la mia paura quando il bubbone scoppierà.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 17/10/2016 - 15:33

E dicono che fanno tutto per carità, per amore, per senso di coscienza. Li portassero a casa loro, noi li stimeremo, e diremo che siamo noi i cattivi. Volentieri. Giusto così. Se così fosse, sapremmo subito la verità. Ma, purtroppo, non sarà così, perchè sono bugiardi. Il vil denaro, come sempre, comanda.

Ritratto di hernando45

hernando45

Lun, 17/10/2016 - 17:07

E IL BUSINESSS... CONTINUA PAGATE ITALIANI E TACETE!!!!Se invece siete stufi andate a votare al referendum. #RENZIACASACOLNO.

Ritratto di bandog

bandog

Lun, 17/10/2016 - 18:48

Mi sembra giusto!!La gestione dei soldi per le risorse deve essere fatta..da gente "esperta" nel ramo raggiri, speculazione,dissimulazione,appropriazione etc, mica ad un onesto qualsiasi!

giovanni PERINCIOLO

Lun, 17/10/2016 - 19:12

Direi che é giusto, non risulta che sia affiliato a qualche coop......