Giletti viene epurato in silenzio. Scopre in rete lo stop all'Arena

Nessuno lo ha avvisato, eppure la trasmissione aveva un ottimo share

Milano - La sorpresa più grande riservata dei palinsesti presentati in Cda Rai venerdi è stata la scoperta della cancellazione de «L'Arena», una delle poche trasmissioni, insieme a «Porta a Porta», che è sopravvissuta alla falcidia degli spazi di approfondimento più moderati o che non fossero graditi all'area renziana. Insomma da settembre ci sarà solo Vespa con tre seconde serate a non essere schierato, lasciando tutto lo spazio in palinsesto a trasmissioni come «Che tempo che fa», con i suoi numerosi ospiti radical chic che passa alla domenica su Raiuno, «In mezz'ora» che raddoppia, «Cartabianca» e via dicendo. Pare che Giletti non sia stato convocato ufficialmente, non sapesse nulla della possibile chiusura dell'«Arena», e che l'abbia scoperto dalle indiscrezioni uscite sui siti poco prima della presentazione dei palinsesti. E, soprattutto, pare che lui non avesse alcuna intenzione di finire un'esperienza di grande successo di pubblico e di share. Resta un mistero infatti il perché si decide di eliminare una trasmissione che raccoglie ogni domenica 4 milioni di spettatori e che batte regolarmente la concorrenza. O Giletti ha commesso qualcosa di grave oppure appare una scelta economicamente suicida. Per Giletti i vertici di viale Mazzini hanno previsto la conduzione di una decina di show musicali al sabato sera. Teoricamente una promozione, ma il giornalista non è un Carlo Conti adatto alla lunga serialità, nelle sue corde ci sono serate evento come quelle dello scorso anno con Mogol, e che comunque non sarebbero incompatibili con il proseguimento dell'«Arena». In ogni caso un chiaro modo per toglierlo dal lavoro giornalistico. A questo punto pare difficile che Giletti possa accettare la nuova offerta dei vertici Rai (il suo contratto scade a fine giugno), magari ascolterà le sirene delle altre tv: da tempo si parla di un possibile passaggio a Mediaset e di trattative con altre aziende. Magari stavolta è la volta buona.

Al posto di Giletti andrà in onda una versione allungata di «Domenica In» condotta da Cristina Parodi, al cui interno ci saranno, a seconda dei periodi, un programma con Bebe Vio, la schermitrice campionessa paraolimpica e lo Zecchino d'oro. Insomma, suvvia, è festa: alla domenica pomeriggio solo intrattenimento, racconto, leggerezza... Niente inchieste, reportage, interviste politiche. Meglio tenere il pubblico allegro. Come succede da quando è arrivato Campo Dall'Orto e i talk show politici scomodi sono stati chiusi uno dopo l'altro: prima «Ballarò» di Giannini, poi «Virus» di Porro. Sostituiti da programmi interessanti come «Nemo» di Raidue che però si tengono lontani dalla politica o da talk come «Cartabianca» che però raccolgono pochi ascolti. Ma proprio sul cambiamento del settore informazione in Rai e sullo scontro che ne è derivato tra le varie anime della sinistra è caduto Campo Dall'Orto. Vedremo se, in questa lotta riuscirà a sopravvivere il nuovo dg Orfeo. Il suo primo atto è stato trattenere a peso d'oro un campione della sinistra politicamente innocuo, nel senso che non dispiace a nessuno, e invece silenziare un giornalista che invece portava oro in share. Forse non un ottimo modo di cominciare la sua direzione.

Commenti

il sorpasso

Dom, 25/06/2017 - 08:55

Grazie al PD succedono queste cose.

giovanni PERINCIOLO

Dom, 25/06/2017 - 09:15

Giletti puo' stare tranquillo, da qualsiasi parte vada é sicuro che il suo pubblico lo seguirà perché "l'arena" non é il solito pastrocchio trinariciuto buono per tutte le stagioni ma una delle poche trasmissioni degne di essere seguite. Di più, direi che "l'Arena" era forse la sola trasmissione veramente degna di essere qualificata come "servizio pubblico"! Forse é proprio questo il problema .....

Siciliano1

Dom, 25/06/2017 - 09:28

Mamma Rai.

mariod6

Dom, 25/06/2017 - 09:53

Il Duce di Rignano, siccome sta perdendo il controllo delle città, si aggrappa alla televisione di stato e la feudalizza. Questo è il concetto di democrazia comunista. Il cittadino deve pagare per mantenere l'informazione di regime e stare zitto !!!

ortensia

Dom, 25/06/2017 - 09:56

@Siciliano1: direi matrigna.Peccato, una delle poche trasmissioni interessanti Rai. Anche lui pero',ha fatto un errore, si e' messo con lady like, una delle piu' insulse politicanti in circolazione. Una di quelle del " come dire, detto cio'".

cgf

Dom, 25/06/2017 - 09:58

altro che editto bulgaro, ne stanno combinando di cotte e di crude.

giosafat

Dom, 25/06/2017 - 10:07

Io so che esiste la rai solo perchè mi rapinano il canone sulla bolletta enel. Il resto è noia....

VittorioMar

Dom, 25/06/2017 - 10:09

...PER SUA FORTUNA CI SONO ALTRE EMITTENTI PRONTE AD ACCOGLIERLO..!!

Kupo

Dom, 25/06/2017 - 10:16

E quel giornaletto " repubblichetta " che tanto piace ai Bimbiminkia del PD non scrive neppure una riga sull'epurazione di conduttori sgraditi, (vi ricordate gli strepiti per santoro e biagi?) e di tutte le mikiate tipo par condicio non se ne parla più?

FRATERRA

Dom, 25/06/2017 - 10:16

Siamo in REGIME COMUNISTA questa è la verità....

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Dom, 25/06/2017 - 10:37

giletti, benvenuto nel mondo della sinistra! hai voltato le spalle alla destra, a berlusconi, e ti sei chinato a renzi. ora sono cavoli tuoi :-)

Ritratto di stenos

stenos

Dom, 25/06/2017 - 11:20

Torno a ribadire, Rai va venduta e privatizzata, ormai è un mostro osceno, magafono dei comunisti o come si fanno chiamare ora,

Una-mattina-mi-...

Dom, 25/06/2017 - 11:28

PER ME LA RAI POSSONO CHIUDERLA QUANDO VOGLIONO, SE NE ACCORGEREBBERO SOLO QUELLI CHE CI LAVORANO

Ritratto di Nahum

Nahum

Dom, 25/06/2017 - 16:30

Potremmo anche svecchiare Giletti non mi è mai piaciuto e dopo qualche anno si poi trovare di meglio a minor prezzo Quanto all'informazione cerchiamo di essere chiari lui aveva un contratto a termine che scade, quello che è stato rivelato e che la rai ha deciso di non rinnovarlo, dove e' lo Scandalo?

OttavioM.

Dom, 25/06/2017 - 16:39

In pratica levano di mezzo le trasmissioni che danno fastidio,l'anno prossimo ci sono elezioni.Non riesco a trovare altre motivazioni alla chiusura di un programma di ottimi ascolti come l'Arena.Dove sono quelli che strepitavano contro Berlusconi,l'editto bulgaro,ecc? Dove sono gli strenui difensori della libertà di informazione? Tutti al mare?

Chanel

Dom, 25/06/2017 - 17:02

Ecco il concetto di servizio pubblico.... programmi musicali, zecchino d'oro, un po' di sport, telegiornali addomesticati, insomma addormentare il popolo bue al quale si racconta che va tutto bene e siamo il faro di civiltà di tutta Europa. Non si può non riconoscere il tratto di Renzi in tutto ciò, è il suo modo di raccontare e chi dopo la chiusura d ballarò, di virus e adesso dell'arena non è preoccupato è già in coma

Ritratto di cape code

cape code

Dom, 25/06/2017 - 18:05

nahum, ma sei un clone di Elpirl??

Marcello.508

Dom, 25/06/2017 - 18:07

Giletti, cosa ti saresti mai aspettato? Sei integerrimo? E allora .. Sergio Staino ha detto: "RENZI? UN MENTITORE SERIALE. DÀ SPAZIO SOLO A CHI GLI LECCA IL CULO" ( Affari italiani - 19.6)

Eraitalia

Dom, 25/06/2017 - 18:50

Non c'è proprio nulla da fare contro questo sistema.possibile che nessun magistrato tuteli tutti gli utenti. Eppoi parlano di razzismo. Altro che regime...

Anonimo (non verificato)

Ritratto di Nahum

Nahum

Dom, 25/06/2017 - 19:00

No cari non sono Elkid ....

asalvadore@gmail.com

Dom, 25/06/2017 - 19:10

Se non ci fosse il canone, la RAI avrebbe fatto fallimento anni fa. Quando si lascia al governo il maneggio di una impresa dello Stato emergono come formiche dirigenti improvvisati e conduttori, incapaci di una sola sentenza logica,come il nostro bravissimo Fazio che sa solo circondarsi di vari personaggi che vanno solo per la vanitá di apparire in TV.

Ritratto di Nahum

Nahum

Dom, 25/06/2017 - 19:27

Certo che per esaltare Giletti c'è ne vuole proprio, mi è una questione di destra o sinistra ma una questione di decenza ... quella nine più informazione e e qualcosa d'altro ....