Ma è giusto che sconti fino alla fine la sua pena

Caro Luca, pubblico volentieri questa tua sofferta riflessione sul caso Battisti e ciò che lo circonda. Ti prego, nessun disagio, i lettori da anni conoscono le tue idee e anche se non tutti le condividono sono certo che tutti apprezzano la coerenza di un libero cattolico dentro una non sempre libera Chiesa. Veniamo al dunque. Come avrai notato abbiamo sì espresso grande soddisfazione per l'avvenuto arresto di Cesare Battisti ma non ci siamo uniti al coro di entusiasti per come questo governo ha organizzato a Ciampino la cerimonia del ritorno a casa, o meglio alle galere di casa. È un fatto che lascia anche me perplesso, sia nella forma della festa in maschera con costume da poliziotto che nella sostanza. Uno Stato serio dovrebbe scomodarsi per accogliere i suoi eroi - vivi o morti che siano - e gli ospiti graditi, non delinquenti e assassini. Che io ricordi non era mai avvenuto, neppure quando ci restituirono, grazie a Falcone, il superboss della mafia Tommaso Buscetta (e lo stesso vale per l'arresto di Totò Riina). E per inciso non è avvenuto neppure quando gli americani presero e uccisero il diavolo in persona, quel Bin Laden il cui corpo venne affidato all'oblio dell'oceano durante il viaggio di rientro dal Pakistan senza che una sola fotografia ne esibisse la fine.

Ti dirò di più. Le immagini televisive di Battisti inerme scortato da decine di agenti e guardato a vista da due ministri non fanno che alimentare la sua fama sinistra (sinistra in tutti i sensi), troppo onore per un delinquente comune oggi depresso e alcolizzato.

Tu però vai oltre e dici: attenzione, dentro ogni assassino c'è un uomo e dentro ogni uomo c'è un potenziale delinquente per cui chi siamo noi per giudicare. Vero. Sul Caravaggio - del cui genio artistico indiscutibile ci vantiamo - pendeva una condanna a morte per omicidio e un famoso romanzo breve, La panne di Friedrich Dürrenmatt, dimostra laicamente come nessuno in pratica supererebbe indenne l'esame di un tribunale che invece che i codici penali, che catalogano molto ma non tutto, applicasse l'etica e la morale.

È un discorso interessante ma che ci spinge troppo in là, siamo modesti giornalisti, non filosofi né teologi. La pietas che tu invochi, mi sembra di capire più nel nostro interesse che per quello di Battisti, ovviamente esiste e ognuno di noi può applicarla come meglio crede. Se fatto privato la pietas è indiscutibile, tanto che ci sono madri che perdonano l'assassino del figlio, figli che perdonano i boia dei padri. Ma la pietas pubblica, nella sua eccezione originale, cioè romana e non cristiana (l'unica che uno Stato laico può e deve, se saggio, applicare) necessita di requisiti e confini ben definiti, altrimenti si sconfina nel caos e nell'illegalità. E a me pare che Cesare Battisti - con le sue parole, opere e omissioni - oltre che dal carcere sia evaso anche da quel perimetro superato il quale perdi il diritto alla comprensione e all'indulgenza pubblica.

Non penso, per capirci, sia importante che magistrati, inquirenti e secondini leggano (se non per curiosità) gli scritti, per altro non memorabili, di Battisti. Potrebbe essere utile a uno psicologo che dovesse tracciarne un profilo, a un prete che volesse avvicinarlo. Lo Stato non deve giudicare le opere ma punire i crimini, altrimenti voi scrittori avreste un salvacondotto permanente che tra l'altro (non parlo di te) vorreste estendere solo agli amici. Intendo dire, per esempio, che un certo mondo oggi pieno di dubbi non mosse un dito per fare uscire dal carcere un vecchio malato di tumore, Marcello Dell'Utri, in carcere per presunti fatti - non di sangue - accaduti quasi trent'anni fa.

La mia risposta alla tua domanda «di cosa dobbiamo essere contenti, davvero siamo migliori con Battisti in carcere?» è semplice, direi banale. Non mi sento migliore, ma neppure peggiore, sono lo stesso peccatore di prima. Ma sono contento che un pluriassassino paghi il suo conto con la giustizia umana. Quella divina, per definizione, non è di mia competenza e oggettivamente neppure del governo che, al netto della stupida sceneggiata avvenuta a Ciampino, ha fatto l'unica cosa che doveva e poteva fare: arrestare un criminale latitante. Vediamo, tutti insieme e ognuno per quello che gli compete, di non trasformarlo in un eroe o in un martire perché Cesare Battisti non è né l'uno né l'altro. Per il resto, senza scomodare Dio, basterebbe votare usando un po' di più la testa invece che la pancia.

Commenti

corivorivo

Mer, 16/01/2019 - 17:31

una lunga risposta per dire no alle "carnevalate"? ok! a quando un'altra breve per dire no anche agli zombi isterici rossi (vauro, ferrero, giannini, sansonetti, parenzo e reliquie varie?). grazie!

nopolcorrect

Mer, 16/01/2019 - 17:44

Caro Direttore, lo show di Salvini e Bonafede è stato certamente fuori luogo e certamente Salvini potrebbe evitare di vestirsi da poliziotto. Ma veniamo alla sostanza, lasciando da parte la pur criticabile forma. I due Ministri sono riusciti a fare quello che NESSUN altro Governo prima di loro è riuscito a fare per 37 anni ed è quindi comprensibile la loro soddisfazione. Inoltre l'arrivo del criminale comunista in Italia ci ha permesso di vedere di quanto sostegno ancora gode da parte della teppaglia comunista dei seguaci di Pol Pot. E tutto il loro piagnisteo sull'ergastolo ci ha permesso di vedere quanto i capi-mafia siano uomini più dignitosi di questi omenicchi e quacquaracquà comunisti.

Ritratto di gian td5

gian td5

Mer, 16/01/2019 - 18:23

Evidentemente nessuno ricorda l'indecoroso comitato di accoglienza organizzato da W. Veltroni quando gli Stati Uniti rispedirono nelle patrie galere Silvia Baraldini, una delinquente comune ammantata di rosso fu festeggiata come un eroina da tutta la sinistra nostrana, quella sì che fu una vergogna!

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Mer, 16/01/2019 - 18:24

Allora? Non abbiamo nemmeno necessità di commentare perché la pena deve scontare. Si è forse pentito perché sia riconosciuta a lui una clemenza? Shalòm e Forza Italia.

sparviero51

Mer, 16/01/2019 - 18:37

TONINELLI CHI ,QUELLO DELLA BANDA DI RAI 3 ???

sparviero51

Mer, 16/01/2019 - 18:40

CHIEDO SCUSA ,HO SBAGLIATO PERSONA .

Ritratto di dlux

dlux

Mer, 16/01/2019 - 18:52

A me sembra che siano stati sprecati fiumi di inchiostro e tempo prezioso a sproloquiare su questa autentica bestia, perché, non dimentichiamolo mai, è una vera bestia. E come tale va trattato. E non riempiamoci la bocca con parole inadatte alla circostanza, dettate da un buonismo gratuito e sottocosto, in quanto chiunque, prima di aprire bocca a favore della bestia, dovrebbe mettersi nei panni di chi ha subìto la perdita di un familiare o lui stesso l'aggressione vile e cinica come le sue vittime. I preti mancati facciano voto del silenzio,

FlorianGayer

Mer, 16/01/2019 - 20:46

Il posto dei colpevoli di omicidio è il carcere, salvo un iter di grazia, che ha le sue procedure e che di fatto nessuno ha avviato. Concedere una grazia neppure richiesta sarebbe proprio risibile. Il baccano su questo fatto è però fuori luogo: ci sono eserciti di criminali di cui si sono perse le tracce (chi si ricorda i ragazzi del Circeo? Solo uno è stato preso). E' tutto solo un'occasione per sfoggiare le solite divise ed attribuirsi tra le polemiche una vittoria nella lotta al terrorismo rosso, conclusa quando i nostri "eroi" facevano pipì a letto.

profpietromelis...

Mer, 16/01/2019 - 22:13

Siete una massa di ignoranti pieni di livore e privi di ragione analitica. Ripeto qui quanto scritto trai commenti ad altro articolo riguardante Cesare Battisti. Sono di una destra dura che non esiste in parlamento. E tuttavia ritengo che Battisti sia stato vittima di un processo farsa. Bisogna ripetere il processo. Commenti di una massa di fanatici ignoranti privi di ragione e schiavi insensati della propaganda. Informatevi prima di vomitare il vostro livore. Brutta malattia l'ignoranza. Fate moralmente schifo. La verità prima di tutto. Da pietromelis.blogspot.com martedì 15 gennaio 2019 CESARE BATTISTI HA DIRITTO ALLA VERITA' CON UN NUOVO PROCESSO domenica 13 gennaio 2019 L'AFFAIRE CESARE BATTISTI. MA IL VERO CRIMINALE E' BOLSONARO

EchiroloR.

Mer, 16/01/2019 - 22:23

La vanità di Salvini ... L'idea primitiva del cervello primitivo di Salvini era di mettersi in mostra.

Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Gio, 17/01/2019 - 00:45

profpietromelis, ma quale processo farsa se lui stesso ha ammesso due omicidi ?

mariolino50

Gio, 17/01/2019 - 13:56

gian td5 Ma davvero pensate che i condannati siano tutti veri colpevoli, studi americani dicono che almeno il 30% è innocente, anche nelle camere a gas, il grande film "Il miglio verde" lo fà vedere bene. Vista la situazione della "giustizia" italiana, forse la percentuale è anche più alta. Quella che nomina fù condannata a 43 anni per associazione sovversiva, nel paese faro della libertà è una contraddizione in termini.

Ritratto di a-tifoso

a-tifoso

Gio, 17/01/2019 - 16:25

L'arrivo di Silvia Baraldini a Roma ebbe il Ministro di SX gongolando a Fiumicino. La politica dovrebbe essere meno spettacolare, ma viviamo di emozioni e chi ci sa fare con quelle conquista placet. Sentire Toninelli dichiarando che e' stato LUI a fermare l'invasione fa ridere. Salvini pure ne approfitta, vestendo uniformi di Corpi dello stato sotto la sua tutela. Posso capire che ad un funerale di un poliziotto il Ministro voglia identificarsi pienamente con il morto, ma meglio non esaggerare.

Ritratto di a-tifoso

a-tifoso

Gio, 17/01/2019 - 18:07

@profpietromelis... che ci dice che la colpa è di Bolsonaro! Ma cosa insegnerà questo prof? Forse lo fa con un canna alla mano e una siringa nell'altra. Son sicuro che quando le hanno applicato RETROATTIVAMENTE una legge a Berlusconi il profpietro non diceva: "occorre un nuovo processo o balle simili". La verità è chiarissima, per proteggere questo assassino si è mossa ad altissimo livello l'Internazionale protettice, di cui il prof forse fa pure parte, insieme a Soffri, Ferrero ed altri ex Lotta Continua. Ma accettatelo: il Comunismo è morto, non raggiunge nemmeno il quorum, siete come il 2 di picche. Certo, continuate a sognare utopie (tipo: facciamo venire tutta l'Africa e saremo felici). Cioe' facciamo che Italia diventi Africa, siete patetici.

DRAGONI

Gio, 17/01/2019 - 18:33

..OLTRE QUELLA ETERNA DELL'ALDILA'!

mich123

Ven, 18/01/2019 - 03:03

Se Battisti si pente, per quello che ne sappiamo, potrà anche andare in Paradiso. Intanto però resti in galera, il codice penale non é il catechismo.

Morion

Ven, 18/01/2019 - 12:05

Anche i mafiosi ai quali duole la prostata!

Ritratto di Leonida55

Anonimo (non verificato)

Ritratto di 02121940

02121940

Sab, 19/01/2019 - 00:51

E' giusto che sconti FINO ALLA FINE la sua pena! Però avrebbe dovuto scontarla SUBITO, mentre nazioni "amiche", addirittura appartenenti alla UE (come la "solita" Francia) se lo sono tenute e lo hanno protetto. Ce lo hanno dato adesso che é fisicamente e moralmente a pezzi e noi lo dovremo curare e mantenere! Meglio era lasciarlo a soffrire nel suo cesso, malato e senza più appoggi, dove presto sarebbe morto. Vorrei sapere quale sarà il prezzo che lo Stato pagherà per il suo mantenimento, a spese nostre.

Ritratto di bobirons

bobirons

Sab, 19/01/2019 - 10:01

Egregio Sallusti, Per Riina ricordo poliziotti fuori dai finestrini di macchine in corsa ed altri appiedati che esultavano, giustamente anche se troppo platealmente. Poi c'é l'episodio di Diliberto che andò a prendere, con tutti gli onori, il curdo turco su cui capo pendeva un mandato di cattura per terrorismo internazionale. Poi ci sono stati politici eletti e politicanti in testa a cortei filo palestinesi. Insomma, cosa vogliamo, le statue di cera appartengono a M.me Toussaud. Per la pena e la sua domanda in titolo pongo una domanda: Se l'ergastolo viene diluito e diminuito, che ergastolo é ? Da semplice uomo della strada direi piuttosto una riforma del codice, con pene adeguate ai misfatti (questo ha assassinato quattro persone) da scontare per intero. Punto !

BENNY1936

Sab, 19/01/2019 - 13:39

Non vorrei essere nei panni di quel giudice che fra una decina d'anni - applicando le nostre Leggi molto buoniste - dovrebbe concedergli il suo primo permesso premio...

Ritratto di onollov35

onollov35

Sab, 19/01/2019 - 15:14

A parte la carnevalata,è un delinquente assassino.Speriamo che nessuna buona condotta, le impedisca di morire in Carcere. Ritengo giusto che i Prof. Comunisti lo difendono.